Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Ciclosporiasi

Di

Richard D. Pearson

, MD, University of Virginia School of Medicine

Ultima revisione/verifica completa mag 2020| Ultima modifica dei contenuti mag 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

La ciclosporiasi è un’infezione dell’intestino tenue causata dal parassita Cyclospora cayetanensis. I sintomi principali sono diarrea acquosa accompagnata da crampi addominali e nausea.

La ciclosporiasi è più frequente nei climi tropicali e subtropicali, nei luoghi in cui le condizioni igieniche sono carenti. I residenti e i viaggiatori che si recano in aree endemiche sono a rischio. Negli Stati Uniti, epidemie di questa infezione sono state attribuite a prodotti freschi importati, come lamponi, basilico, taccole, misticanza e coriandolo.

Sintomi della ciclosporiasi

Il sintomo principale della ciclosporiasi è la diarrea acquosa ad insorgenza improvvisa, non emorragica, accompagnata da nausea. Tra gli altri sintomi si annoverano febbre, crampi addominali, vomito, affaticamento e perdita di peso. Nei soggetti con sistema immunitario competente, i sintomi durano da pochi giorni a un mese o più. Possono verificarsi delle recidive.

Diagnosi della ciclosporiasi

  • Esami delle feci

Per diagnosticare la ciclosporiasi, si esamina al microscopio un campione di feci per verificare la presenza di uova di Cyclospora. Per aumentare le possibilità di identificare le oocisti possono essere utilizzate tecniche speciali. In alcuni laboratori di riferimento sono disponibili tecniche molecolari per identificare il DNA del parassita.

Quando l’esame delle feci non rivela la causa della diarrea persistente, i medici possono usare una sonda flessibile a fibre ottiche (endoscopio Endoscopia L’endoscopia è l’esame delle strutture interne mediante una sonda di esplorazione flessibile (endoscopio). L’endoscopia può inoltre essere utilizzata per il trattamento di numerosi disturbi... maggiori informazioni ) per esaminare la parte superiore dell’apparato digerente e prelevare un campione di tessuto (biopsia) da esaminare al microscopio e analizzare per rilevare il DNA del parassita.

Prevenzione della ciclosporiasi

Quando vengono segnalate epidemie, si deve evitare di consumare la frutta o la verdura potenzialmente contaminate provenienti dall’area. Quando si viaggia in aree tropicali e subtropicali in cui l’infezione è comune, si dovrebbe evitare il consumo di alimenti crudi, come insalate e ortaggi, nonché di ghiaccio e acqua potenzialmente contaminati. Lavarsi le mani con acqua e sapone è importante. Bere acqua che sia stata bollita è sicuro. Il filtraggio dell’acqua attraverso un filtro da 0,1 o 0,4 micron può rimuovere le cisti di Cyclospora e altri parassiti, nonché i batteri patogeni.

Trattamento della ciclosporiasi

  • Trimetoprim-sulfametoxazolo (TMP-SMX)

In presenza di infezione sintomatica il trattamento consiste nella combinazione antibiotica trimetoprim-sulfametoxazolo (TMP-SMX) assunta per bocca.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
ALTRI ARGOMENTI IN QUESTO CAPITOLO
Metti alla prova la tua conoscenza
Amebiasi
Quando si manifestano, i sintomi dell’amebiasi possono includere ciascuno dei seguenti, ECCETTO:

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE