Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso
I fatti in Breve

Travaglio

Di

The Manual's Editorial Staff

Ultima revisione/verifica completa ott 2018| Ultima modifica dei contenuti ott 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottenere tutti i dettagli

Cos’è il travaglio?

Il travaglio è la prima fase del parto. Durante il travaglio i muscoli dell’utero si comprimono ripetutamente per spingere fuori il bambino. Queste compressioni sono chiamate contrazioni. Le contrazioni finiscono e iniziano spontaneamente. La partoriente non ha alcun controllo su di esse. Diventano più intense man mano che il travaglio procede.

Il parto vero è proprio è la seconda fase, quando il bambino fuoriesce passando attraverso il canale del parto.

  • Di solito il travaglio inizia in qualsiasi momento da 2 settimane prima a 2 settimane dopo la data prevista del parto

  • L’inizio del travaglio di solito viene avvertito come mal di schiena o come crampi mestruali che diventano più dolorosi e più ravvicinati nel tempo

  • Il travaglio dura in genere da 12 a 18 ore nella prima gravidanza e circa la metà in quelle successive

  • Durante il travaglio medici e infermieri esaminano frequentemente la partoriente per eventuali complicanze

  • Farmaci o particolari esercizi di rilassamento possono aiutare a gestire il dolore del parto

È il momento di andare in ospedale (o in una clinica ostetrica) quando si verifica una delle situazioni seguenti:

  • Rottura delle acque

  • Contrazioni che durano 30 secondi o più a meno di 6 minuti di distanza l’una dall’altra.

Cosa succede durante il travaglio?

La cervice è la parte inferiore dell’utero, il punto in cui si collega alla vagina. La cervice possiede una piccola apertura che rimane fermamente chiusa durante la gravidanza. Durante il travaglio, le contrazioni gradualmente fanno aprire la cervice fino a quando è abbastanza larga per far uscire il bambino.

Il travaglio è diviso in due fasi:

  • Travaglio iniziale

  • Travaglio attivo

Durante il travaglio iniziale:

  • La cervice inizia ad assottigliarsi e si dilata fino a circa 2-5 cm

  • Le contrazioni vanno e vengono, aumentano di intensità e compaiono a intervalli più regolari

  • Il dolore non è troppo intenso

Durante il travaglio attivo:

  • La cervice si apre completamente, fino a circa 10 centimetri, e si assottiglia completamente

  • Il feto scende (si sposta più in basso nella pelvi e si prepara a entrare nel canale del parto)

  • La partoriente inizia ad avvertire la necessità di espellere il bambino

  • Il dolore diventa più intenso

La rottura delle acque avviene quando il sacco amniotico si rompe e il liquido amniotico fuoriesce dalla vagina. Questo può accadere prima che inizi il travaglio o durante il travaglio.

È possibile partorire il bambino solo se la cervice è completamente dilatata e le acque si sono rotte.

Come si stabilisce quando inizia il travaglio?

I principali segni di travaglio sono:

  • Contrazioni, che possono sembrare crampi mestruali che vanno e vengono a intervalli regolari

  • Lombalgia

Prima delle contrazioni o del mal di schiena, i primi segni che il travaglio sta per iniziare includono:

  • Perdita di sangue (una piccola quantità di sangue e muco che fuoriesce dalla vagina all’inizio del travaglio)

  • “Rottura delle acque”

Chiamare immediatamente il medico o l’ostetrica in caso di rottura delle acque. Di solito, il travaglio inizia entro 24 ore. Tuttavia, se non inizia entro alcune ore, il medico o l’ostetrica possono iniziare il travaglio con dei farmaci.

Se la rottura delle acque avviene più di 6 settimane prima della data prevista del parto, il medico può somministrare dei farmaci per interrompere il travaglio. Questo consente al bambino di crescere ancora un po’ prima di nascere.

Quando si deve andare in ospedale o alla clinica ostetrica?

La gestante deve recarsi in ospedale o in una clinica ostetrica quando si verifica una delle situazioni seguenti:

  • Rottura delle acque

  • Contrazioni che durano 30 secondi o più a meno di 6 minuti di distanza l’una dall’altra.

Un medico o l’ostetrica controllerà se il travaglio è effettivamente iniziato. In prossimità della data prevista del parto, alcune donne lamentano crampi che sembrano il travaglio, ma non lo sono. Se il travaglio non è ancora iniziato, la paziente viene rimandata a casa.

Se il travaglio è iniziato, il medico:

  • Controlla la vagina per vedere se le acqua si sono rotte, e se sì, controlla il colore del liquido

  • Tocca la cervice per controllare quanto si sia aperta

  • Palpa l’addome per verificare la posizione del bambino

  • Inserisce un catetere EV in una vena del braccio per somministrare farmaci e liquidi durante il travaglio

Chi ha partorito rapidamente in precedenza (in meno di 6 ore), deve informare il proprio medico non appena ritiene sia iniziato il travaglio. È probabile che il parto sia rapido, perché ogni travaglio è solitamente più breve rispetto a quello precedente.

Come viene controllato il bambino durante il travaglio?

Durante il travaglio, i medici possono accertare le condizioni del feto attraverso:

  • La frequenza cardiaca del bambino

Si può controllare il battito cardiaco del bambino utilizzando:

  • Uno stetoscopio

  • Un dispositivo ecografico posizionato sull’addome della madre

  • Un monitor cardiaco fetale elettronico inserito nella vagina per registrare continuamente il battito cardiaco del bambino

Se il battito cardiaco è troppo rapido o troppo lento, il bambino può avere delle complicanze. I medici possono eseguire un’ecografia del bambino.

Come si tratta il dolore del travaglio?

L’entità del dolore durante il travaglio varia. Alcune donne hanno bisogno di un analgesico più di altre durante il travaglio. Seguire corsi di preparazione al parto durante la gravidanza e avere una persona di sostegno può aiutare a sentirsi più a proprio agio durante il travaglio e può ridurre il bisogno di analgesici.

Durante la gravidanza verrà discusso con il proprio medico o l’ostetrica che tipo di sollievo dal dolore si desidera. Gli analgesici durante il travaglio comprendono:

  • Farmaci analgesici oppioidi, come la morfina o il fentanil, per via EV che rendono la paziente più confortevole, ma possono causare un rallentamento eccessivo della respirazione del bambino se assunti troppo a ridosso dell’espulsione

  • Un blocco epidurale, ovvero un’iniezione di un anestetico locale o di un analgesico a livello lombare per anestetizzare i nervi che circondano il midollo spinale

  • Il blocco di un nervo, nel quale il medico inietta un anestetico nella vagina per bloccare i segnali del dolore dai nervi principali

  • Anestesia locale, iniezioni di un anestetico intorno all’esterno della vagina prima della fuoriuscita del neonato

Il parto naturale utilizza tecniche di rilassamento e di respirazione, invece di farmaci per controllare il dolore del travaglio e ridurre la necessità di farmaci per alleviare il dolore. Alcune donne che hanno un parto naturale non usano alcun farmaco per alleviare il dolore. Per prepararsi, la gestante e la persona di sostegno di solito seguono corsi di preparazione al parto nell’arco di diverse settimane, per imparare a conoscere il travaglio e come respirare e rilassarsi durante il suo decorso.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Episiotomia
Video
Episiotomia
Durante la gravidanza, l’utero della donna ospita e protegge il feto. Dopo circa 40 settimane...
Parto assistito
Video
Parto assistito
Durante la gravidanza, l’utero della donna ospita e protegge il feto per circa 40 settimane...

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE