Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Trapianto cardiaco

Di

Martin Hertl

, MD, PhD, Rush University Medical Center

Ultima revisione/verifica completa dic 2018| Ultima modifica dei contenuti dic 2018
per accedere alla Versione per i professionisti

Il trapianto di cuore è l’asportazione di un cuore sano da un soggetto deceduto recentemente e il suo successivo trasferimento nel corpo di una persona affetta da una cardiopatia grave che non può più essere trattata efficacemente con farmaci o altri tipi di intervento chirurgico.

(Vedere anche Panoramica sui trapianti)

Il trapianto cardiaco è riservato a persone che presentano una delle seguenti patologie che non può essere trattata in modo efficace con farmaci o altri tipi di intervento chirurgico:

Il solo trapianto di cuore non può essere eseguito in presenza di una grave ipertensione polmonare (pressione sanguigna alta nelle arterie dei polmoni) che non ha risposto al trattamento farmacologico. Questi soggetti sarebbero idonei per un trapianto combinato cuore-polmoni.

In alcuni centri specializzati, un cuore artificiale esterno può prolungare la sopravvivenza per settimane o mesi finché non è disponibile un cuore compatibile. Per aiutare i pazienti finché non si rende disponibile un cuore, vengono inoltre utilizzati cuori artificiali impiantabili di nuova concezione (denominati dispositivi di assistenza ventricolare). Dato che questi dispositivi sono stati notevolmente migliorati, vengono utilizzati in misura crescente come sostituzioni a lungo termine. Di conseguenza, la necessità dei trapianti cardiaci è in parte diminuita.

Circa il 95% di coloro che hanno ricevuto un trapianto cardiaco sono maggiormente in grado di svolgere attività fisica e le attività quotidiane, rispetto a quanto avveniva prima del trapianto. Oltre il 70% torna a un lavoro a tempo pieno. L’85-90% circa dei riceventi di trapianto cardiaco sopravvive per almeno 1 anno.

Donatori

Tutti i cuori donati provengono da una persona recentemente deceduta. I donatori devono essere di età inferiore a 70 anni e non essere stati affetti da malattia coronarica o altri disturbi cardiaci. Inoltre, il gruppo sanguigno e le dimensioni del cuore del donatore e del ricevente devono corrispondere.

Il cuore, una volta donato, deve essere impiantato entro 4-6 ore.

Procedura

La maggior parte del cuore viene rimossa attraverso un’incisione toracica, ma la parete posteriore di una delle cavità cardiache superiori (atri) viene lasciata in situ. Il cuore trapiantato viene quindi collegato alla parte rimanente del cuore del ricevente.

Un trapianto cardiaco richiede circa 3-5 ore. Il periodo di degenza dopo questo intervento varia solitamente da 7 a 14 giorni.

L’assunzione dei farmaci per inibire il sistema immunitario (immunosoppressori), compresi i corticosteroidi, ha inizio il giorno del trapianto. Questi farmaci possono contribuire a ridurre il rischio che il ricevente rigetti il cuore trapiantato.

Complicanze

Il trapianto può presentare diverse complicanze.

La maggior parte dei decessi successivi a trapianto di cuore è dovuta a rigetto immediatamente successivo all’intervento o a infezioni.

Rigetto

Per prevenire il rigetto di un cuore trapiantato, è necessario assumere immunosoppressori.

Il rigetto, quando è presente, può dare debolezza e ritmi cardiaci veloci o anomali di altro tipo. In caso di rigetto, il cuore trapiantato può non funzionare adeguatamente, causando pressione arteriosa bassa e accumulo di liquidi nelle gambe e a volte nell’addome, con conseguente tumefazione, una condizione nota come edema. Possono anche accumularsi liquidi nei polmoni, causando difficoltà respiratorie. Il rigetto è comunque spesso lieve, con assenza di sintomi. Tuttavia un elettrocardiogramma (ECG) può rilevare alterazioni dell’attività elettrica del cuore.

In caso di sospetto di rigetto, i medici eseguono generalmente una biopsia. Si inserisce un catetere attraverso un’incisione sul collo e, attraverso una vena, lo si spinge fino al cuore. Un dispositivo all’estremità del catetere viene usato per asportare un piccolo frammento di tessuto cardiaco che viene esaminato al microscopio. Dati i gravi effetti del rigetto, viene eseguita di routine anche una biopsia una volta l’anno per controllare la presenza di rigetto privo di sintomi.

Aterosclerosi correlata al trapianto

Circa un quarto dei soggetti con cuore trapiantato sviluppa aterosclerosi nelle coronarie.

Il trattamento include farmaci ipolipemizzanti (che abbassano i livelli dei grassi nel sangue) e diltiazem (un farmaco che può prevenire il restringimento dei vasi sanguigni).

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Allergie
Video
Allergie
L’allergia si presenta nel momento in cui l’organismo reagisce a sostanze che non tollera...
In che modo i linfociti T riconoscono gli antigeni
Video
In che modo i linfociti T riconoscono gli antigeni
I linfociti T, facendo parte del sistema di sorveglianza immunitaria, devono essere in grado...

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE