Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Rotture esofagee

Di

Kristle Lee Lynch

, MD, Perelman School of Medicine at The University of Pennsylvania

Ultima revisione/verifica completa lug 2019| Ultima modifica dei contenuti lug 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Le rotture esofagee sono lacerazioni che penetrano nella parete dell’esofago.

  • Le rotture possono essere causate da interventi chirurgici, vomito grave o ingestione di grossi pezzi di cibo che si incastrano nell’esofago; tuttavia, talvolta possono essere spontanee.

  • I sintomi includono dolore toracico e addominale, febbre e ipotensione.

  • La rottura dell’esofago può essere fatale.

  • La diagnosi si basa sui risultati delle radiografie

  • Il trattamento prevede la riparazione chirurgica.

L’esofago è un tubo cavo che unisce la gola (faringe) allo stomaco. (Vedere anche Panoramica sull’esofago e Panoramica sulle lesioni dell’esofago.)

La rottura dell’esofago è una condizione molto grave generalmente causata in durante l’endoscopia (esame dell’esofago con sonda di esplorazione flessibile) o altre procedure che prevedono l’inserimento di strumenti attraverso il cavo orale e la gola. Le rotture possono verificarsi anche durante un episodio di vomito, conati di vomito o deglutizione di una grande massa di cibo che rimane incastrata nell’esofago. Questo tipo di rottura prende il nome di sindrome di Boerhaave. Alcune rotture si verificano spontaneamente.

Una rottura esofagea lascia uscire dall’esofago aria, acido gastrico e/o cibo, provocando grave infiammazione nel torace (mediastinite). Può raccogliersi del liquido attorno ai polmoni, condizione che prende il nome di versamento pleurico.

Sintomi

I sintomi della rottura dell’esofago includono dolore toracico, dolore addominale, vomito, vomito con sangue, pressione arteriosa bassa e febbre.

Diagnosi

  • Radiografie del torace e dell’addome

  • Esofagografia

Per diagnosticare rotture dell’esofago vengono effettuate radiografie del torace e dell’addome. La diagnosi viene confermata con un’esofagografia. Con questo esame il medico esegue una radiografia o una ripresa video dell’esofago dopo aver fatto ingerire al paziente un liquido (un agente di contrasto) che rende la mucosa esofagea visibile alla radiografia. Deve utilizzare un particolare mezzo di contrasto che non irriti la cavità toracica.

Trattamento

  • Riparazione chirurgica

La riparazione chirurgica dell’esofago e il drenaggio dell’area che lo circonda sono procedure che devono essere eseguite immediatamente. Prima della riparazione chirurgica, il medico somministra antibiotici ad ampio spettro per prevenire infezioni, e liquidi in vena (per via endovenosa) per trattare la pressione arteriosa bassa.

Anche a fronte del trattamento, il rischio di decesso è molto alto.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Malattia da reflusso gastroesofageo
Video
Malattia da reflusso gastroesofageo
Il tratto gastrointestinale, o GI, è composto da cavità orale, faringe, esofago, stomaco e...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Apparato digerente
Modello 3D
Apparato digerente

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE