Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Esami radiologici del tratto digerente

Di

Jonathan Gotfried

, MD, Lewis Katz School of Medicine at Temple University

Ultima revisione/verifica completa giu 2019| Ultima modifica dei contenuti giu 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Le radiografie sono spesso utilizzate per valutare i problemi digestivi. Le normali radiografie (raggi X) non richiedono alcuna particolare preparazione ( Radiografia semplice). In genere sono eseguite per evidenziare un’ostruzione o una paralisi del tratto digerente o alterazioni dei gas nella cavità addominale. Le radiografie standard possono inoltre rilevare un ingrossamento di fegato, reni e milza.

Radiografie del tratto digerente mediante bario

Gli studi con bario spesso offrono una maggiore quantità di informazioni rispetto alle radiografie standard. Le radiografie sono eseguite dopo l’assunzione di bario in una miscela liquida aromatizzata o di un pasto baritato. Alle radiografie il bario appare bianco e delinea il tratto digerente, mostrando i contorni della mucosa dell’esofago, dello stomaco e dell’intestino tenue. Il bario può depositarsi in aree anomale, mostrando ulcere, tumori, ostruzioni, erosioni e vene esofagee ingrossate e dilatate.

Le radiografie possono essere eseguite a intervalli per determinare la sede del bario oppure, con una tecnica radiografica continua denominata fluoroscopia, è possibile osservare il movimento del bario lungo il tratto digerente. In questo modo, si può osservare la funzionalità esofagea e gastrica, stabilire se le contrazioni sono normali ed evidenziare l’eventuale blocco del cibo.

Il bario può essere somministrato anche con un clistere per visualizzare la parte inferiore dell’intestino crasso oppure attraverso un tubo sottile introdotto dal naso, fino allo stomaco, quindi nell’intestino tenue (enteroclisi). Con un clistere baritato o enteroclisi, le radiografie possono evidenziare la presenza di polipi, tumori o altre anomalie strutturali. Questa procedura può provocare dolore crampiforme o malessere lieve o modesto.

Il bario assunto per via orale o tramite clistere e viene eliminato con le feci, che diventano bianche e gessose. Poiché può determinare una stipsi importante, è possibile che il medico prescriva un lassativo blando per accelerarne l’espulsione.

Sebbene gli studi con bario siano ancora eseguiti occasionalmente per valutare i problemi digestivi, endoscopia ed esami di diagnostica per immagini alternativi, come TC o RMI del tratto digerente, hanno sostituito ampiamente gli studi con bario, grazie alla migliore qualità delle immagini.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Digestione
Video
Digestione
La digestione è un processo con il quale il sistema gastrointestinale richiama importanti...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Intestino tenue
Modello 3D
Intestino tenue

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE