Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Disturbo schizoaffettivo

Di

Carol Tamminga

, MD, UT Southwestern Medical Dallas

Ultima revisione/verifica completa dic 2018| Ultima modifica dei contenuti dic 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Il disturbo schizoaffettivo è caratterizzato dalla presenza di sintomi legati all’umore, quali la depressione o la mania, oltre ai sintomi della schizofrenia di tipo psicotico.

Il termine psicosi si riferisce a sintomi quali deliri, allucinazioni, disorganizzazione dell’ideazione e dell’eloquio, e comportamento motorio bizzarro e inappropriato (tra cui la catatonia), che indicano la perdita del contatto con la realtà.

I medici prendono in considerazione il disturbo schizoaffettivo quando sono presenti sia i sintomi psicotici sia i sintomi umorali (come depressione o mania). I sintomi umorali, devono essere presenti per oltre la metà della durata totale della malattia e manifestarsi unitamente a due o più dei seguenti sintomi della schizofrenia:

  • Deliri

  • Allucinazioni

  • Eloquio disorganizzato

  • Comportamento gravemente disorganizzato

  • Sintomi negativi (mostrare poche o nessuna emozione, riduzione dell’eloquio, incapacità di provare piacere, mancanza d’interesse per il rapporto con altre persone)

Per distinguere un disturbo schizoaffettivo dalla schizofrenia e dai disturbi dell’umore, può essere necessario eseguire una valutazione a lungo termine dei sintomi e della natura del loro progressione.

Trattamento

  • Spesso una combinazione di farmaci, psicoterapia e supporto comunitario

Dato che il disturbo schizoaffettivo frequentemente determina un’invalidità a lungo termine, spesso è necessario un trattamento globale, comprendente i farmaci antipsicotici, la psicoterapia e il supporto comunitario.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE