Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Artrite infettiva di articolazione artificiale

(infezione della protesi articolare, infezione dell’articolazione artificiale, artrite infettiva dell’articolazione artificiale)

Di

Steven Schmitt

, MD, Cleveland Clinic Lerner College of Medicine at Case Western Reserve University

Ultima revisione/verifica completa ott 2020| Ultima modifica dei contenuti ott 2020
per accedere alla Versione per i professionisti

Le articolazioni artificiali possono essere infettate da batteri.

  • I batteri possono infettare l’articolazione artificiale durante o dopo l’intervento chirurgico, provocando infezione.

  • I sintomi possono includere dolore, gonfiore o una limitazione dell’ampiezza di movimento.

  • I medici basano la diagnosi sui sintomi, su un esame obiettivo e sui risultati di una serie di esami.

  • Talvolta le infezioni delle articolazioni artificiali possono essere prevenute assumendo antibiotici prima di alcuni interventi.

  • Le articolazioni artificiali infette devono essere sostituite e le persone devono assumere antibiotici per molto tempo.

Cause dell’artrite infettiva dell’articolazione artificiale

Spesso le persone con grave malattia articolare devono subire una sostituzione dell’articolazione (artroplastica). Le infezioni sono più comuni nelle articolazioni artificiali (protesi articolari) rispetto alle infezioni delle articolazioni naturali Artrite infettiva L’artrite infettiva è un’infezione del liquido e dei tessuti di un’articolazione causata in genere da batteri, ma talvolta da virus o funghi. I batteri, i virus o i funghi possono diffondersi... maggiori informazioni . Spesso, queste infezioni si sviluppano quando i batteri entrano

  • Nell’articolazione durante l’intervento chirurgico

  • Nella ferita subito dopo l’intervento chirurgico

  • Nel torrente ematico dopo l’intervento chirurgico

I batteri possono entrare nel torrente ematico tramite un’infezione cutanea, una polmonite, un intervento odontoiatrico, una procedura che richieda l’inserimento di uno strumento nel corpo (una cosiddetta procedura invasiva), un’infezione di un catetere nel flusso sanguigno o un’infezione delle vie urinarie.

Circa due terzi delle infezioni si sviluppa entro 1 anno dall’intervento chirurgico. Nei primi mesi dopo l’intervento chirurgico, i batteri più comunemente responsabili sono gli stafilococchi Infezioni da Staphylococcus aureus Il batterio Staphylococcus aureus è il più pericoloso tra tutti i numerosi e comuni batteri appartenenti al genere degli stafilococchi. Questi batteri Gram-positivi di forma sferica (cocchi... maggiori informazioni Infezioni da <i>Staphylococcus aureus</i> .

Sintomi dell’artrite infettiva dell’articolazione artificiale

I sintomi di infezione di un’articolazione artificiale possono includere dolore, gonfiore e limitazione dei movimenti; la temperatura può essere normale.

Alcune persone possono cadere nelle settimane prima della comparsa dei sintomi dell’infezione.

Circa il 20% delle persone ha subito un intervento chirurgico all’articolazione artificiale prima del manifestarsi dei sintomi.

Alcuni soggetti sviluppano un dolore articolare persistente a riposo o quando fanno movimenti in cui l’articolazione è sotto carico anche diversi mesi dopo la ripresa dall’intervento chirurgico.

Diagnosi di artrite infettiva dell’articolazione artificiale

  • Analisi e coltura del liquido articolare

  • Radiografie e possibilmente una scintigrafia ossea o una scintigrafia con leucociti marcati

I medici basano la diagnosi di infezione dell’articolazione artificiale sui sintomi, su un esame obiettivo e sui risultati di una serie di esami.

I medici esaminano l’articolazione artificiale per vedere se si sviluppano fistole. Una fistola è un canale anormale che va dall’articolazione alla cute e che si può sviluppare in presenza di un’infezione.

I medici prelevano un campione di liquido articolare con un ago (aspirazione articolare Aspirazione articolare (artrocentesi) Spesso, sulla base dell’anamnesi e dei risultati dell’esame obiettivo, il medico diagnostica una patologia muscoloscheletrica. Talvolta sono necessari esami di laboratorio, di diagnostica per... maggiori informazioni Aspirazione articolare (artrocentesi) ) e lo fanno analizzare in laboratorio per verificare se vi sia un aumento di globuli bianchi e se siano presenti batteri e altri organismi. In laboratorio, il batterio infettante viene fatto crescere e identificato (coltura).

I medici richiedono solitamente una radiografia Radiografie Spesso, sulla base dell’anamnesi e dei risultati dell’esame obiettivo, il medico diagnostica una patologia muscoloscheletrica. Talvolta sono necessari esami di laboratorio, di diagnostica per... maggiori informazioni Radiografie per determinare se l’articolazione artificiale si sia allentata o se sia iniziata la formazione di nuovo osso. Può essere effettuata anche una scintigrafia ossea Scintigrafia ossea Spesso, sulla base dell’anamnesi e dei risultati dell’esame obiettivo, il medico diagnostica una patologia muscoloscheletrica. Talvolta sono necessari esami di laboratorio, di diagnostica per... maggiori informazioni Scintigrafia ossea (immagini dell’osso realizzate dopo aver iniettato tecnezio radioattivo) o una scintigrafia con leucociti marcati (immagini registrate dopo aver iniettato in una vena globuli bianchi marcati con indio).

Se altri esami non hanno escluso l’infezione, i medici prelevano del tessuto intorno all’articolazione artificiale con una procedura chirurgica e lo inviano al laboratorio dove viene sottoposto a coltura e analisi.

Prevenzione dell’artrite infettiva dell’articolazione artificiale

  • A volte, assunzione di antibiotici prima di determinate procedure

I soggetti con articolazioni artificiali devono discutere con il loro medico o il loro dentista l’eventualità di una terapia antibiotica preventiva prima delle procedure mediche (la cosiddetta profilassi). Le procedure per le quali vengono a volte somministrati degli antibiotici preventivi includono quelle che riguardano i denti, gli organi digerenti e le vie urinarie.

Talvolta, prima di un intervento chirurgico di sostituzione di un’articolazione, i medici controllano se sia presente il batterio Staphylococcus aureus. Viene usato un tampone per prelevare un campione dal naso, che viene esaminato per la presenza di batteri. Se viene individuato il batterio, può essere applicato un unguento antibiotico all’interno del naso per aiutare a prevenire le infezioni.

Trattamento dell’artrite infettiva dell’articolazione artificiale

  • Sostituzione dell’articolazione artificiale

  • Terapia antibiotica a lungo termine

Il trattamento completo di un’articolazione artificiale infettata richiede molto tempo.

Solitamente viene rimossa tutta o una parte dell’articolazione artificiale infetta (artroplastica di revisione) e vengono rimossi anche il cemento, le sacche di pus (ascessi) e i tessuti infettati circostanti. In seguito viene immediatamente reimpiantata una nuova articolazione artificiale, oppure viene inserito un distanziatore riempito di antibiotici e la nuova articolazione artificiale viene inserita 2-4 mesi più tardi con cemento antibiotico. In entrambe le opzioni è necessaria una terapia antibiotica a lungo termine. Sia che vengano sostituite immediatamente o dopo diversi mesi, anche molte nuove articolazioni artificiali si infettano, (anche se meno della metà).

Se le persone non riescono a tollerare un intervento chirurgico, i medici possono tentare solo una terapia antibiotica a lungo termine.

A volte l’articolazione o parti di essa vengono rimosse perché i soggetti sono colpiti da un’infezione incontrollata o hanno perso troppo osso. Dopo questa procedura, i medici possono o meno fondere le ossa che formano l’articolazione.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
ALTRI ARGOMENTI IN QUESTO CAPITOLO
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Osteomielite
L’osteomielite è un’infezione dell’osso causata in genere da batteri, micobatteri o funghi. Quale dei seguenti gruppi ha il minore rischio di sviluppare osteomielite?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE