Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Spondilosi cervicale

Di

Michael Rubin

, MDCM, New York Presbyterian Hospital-Cornell Medical Center

Ultima revisione/verifica completa dic 2018| Ultima modifica dei contenuti dic 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

La spondilosi cervicale è una degenerazione delle ossa del collo (vertebre) e dei dischi intervertebrali che esercita una pressione sul midollo spinale del collo.

  • L’osteoartrite è la causa più comune di spondilosi cervicale.

  • I primi sintomi sono spesso una deambulazione instabile e incontrollata e perdita di flessibilità nel collo.

  • La diagnosi viene confermata mediante risonanza magnetica per immagini o tomografia computerizzata.

  • Il trattamento include un collare morbido, farmaci antinfiammatori non steroidei e a volte un intervento chirurgico.

La spondilosi cervicale colpisce in genere le persone di mezza età e gli anziani. È una causa comune di disfunzione del midollo spinale in coloro che hanno più di 60 anni.

Con l’invecchiamento, l’osteoartrite diventa più comune. Causa la degenerazione delle vertebre del collo. Quando l’osso nella vertebra cerca di ripararsi da solo, cresce in modo eccessivo, provocando una crescita ossea anomala (sperone) e restringendo il canale spinale nel collo (il canale spinale è il passaggio attraverso il centro della colonna vertebrale che contiene il midollo spinale). Anche i dischi tra le vertebre subiscono una degenerazione, riducendo i cuscinetti che normalmente proteggono il midollo spinale. Questi cambiamenti possono causare una compressione del midollo spinale, con conseguente disfunzione. Il tessuto, essendo già danneggiato, è più predisposto alle lesioni. Ad esempio, un trauma minore del collo dovuto a una caduta o a un colpo di frusta può danneggiare gravemente il midollo spinale.

Alcune persone nascono con il restringimento del canale spinale. Per loro, la compressione dovuta alla spondilosi può essere più grave.

Spesso, vengono compresse anche le radici nervose spinali (la parte dei nervi spinali situata vicino al midollo, vedere la figura Struttura del rachide).

Sintomi

I sintomi della spondilosi cervicale possono derivare dalla compressione del midollo spinale, delle radici nervose spinali o di entrambi.

Se il midollo spinale viene compresso, il primo segno è solitamente un cambiamento della deambulazione. I movimenti delle gambe possono diventare instabili (spastici) e di conseguenza anche la deambulazione. La sensibilità al di sotto del collo può diminuire. Il collo può essere doloroso e diventare meno flessibile. I riflessi delle gambe solitamente diventano esagerati, a volte provocando la contrazione involontaria dei muscoli (i cosiddetti spasmi). I sintomi possono aggravarsi tossendo, starnutendo o con altri movimenti del collo. A volte le mani sono colpite più delle gambe e dei piedi.

Se grave, la compressione può compromettere la funzionalità di vescica e intestino. Se un trauma minore del collo danneggia gravemente il midollo spinale, si può verificare una paralisi improvvisa di tutti e quattro gli arti.

Se sono compresse le radici nervose spinali, il collo è solitamente doloroso e il dolore si irradia spesso a testa, spalle o braccia. I muscoli in uno o entrambe le braccia si indeboliscono e si riducono, indebolendo le braccia.

Diagnosi

  • Risonanza magnetica per immagini o tomografia computerizzata

Il medico sospetta una spondilosi cervicale sulla base dei sintomi, in particolare nelle persone anziane con osteoartrite.

La diagnosi viene confermata mediante risonanza magnetica per immagini (RMI) o tomografia computerizzata (TC). La RMI fornisce molte più informazioni perché mostra il midollo spinale e le radici. La TC non le mostra. Tuttavia, entrambe le procedure mostrano dove si trova il restringimento del canale spinale, quanto è compresso il midollo spinale e quali radici nervose spinali possono esserne colpite.

Trattamento

  • Farmaci antinfiammatori non steroidei

  • Un collare morbido

  • Talvolta intervento chirurgico

  • Per gli spasmi, un miorilassante

Senza trattamento, i sintomi della disfunzione del canale spinale dovuti a spondilosi cervicale a volte diminuiscono o restano uguali, ma possono aggravarsi.

All’inizio, in particolare se sono compresse solo le radici nervose, un collare morbido per supportare il collo e farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS), come ibuprofene, possono dare sollievo. In caso contrario può essere necessario un intervento chirurgico.

Se viene compresso il midollo spinale, è solitamente necessario un intervento chirurgico. Può essere eseguita un’incisione nella regione frontale o posteriore del collo. Quindi, viene rimossa una parte della vertebra colpita per fare più spazio al midollo spinale. Questa procedura prende il nome di laminectomia. Gli speroni ossei, se presenti, vengono asportati e la colonna vertebrale può essere stabilizzata fondendo le vertebre fra loro. Solitamente l’intervento chirurgico non inverte il danno nervoso esistente, ma ne previene uno supplementare. Prima viene effettuato l’intervento, migliore sarà il risultato.

Dal momento che la colonna vertebrale può essere instabile dopo la chirurgia, le persone possono dover indossare un collare rigido per sostenere la testa durante la guarigione.

Se si manifesta spasmo muscolare, il baclofene, un miorilassante, aiuta a calmarlo.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Puntura lombare (rachicentesi)
Video
Puntura lombare (rachicentesi)
Il midollo spinale è un fascio di nervi che vanno dalla base del cervello lungo tutta la schiena...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Impulso nervoso
Modello 3D
Impulso nervoso

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE