Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Disturbi delle proteine che provocano lividi o sanguinamento

Di

David J. Kuter

, MD, DPhil, Harvard Medical School

Ultima revisione/verifica completa mar 2019| Ultima modifica dei contenuti mar 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Le condizioni che causano una quantità anomala di proteine o di alcune proteine normali nel sangue possono rendere fragili i vasi sanguigni. Se questi vasi sanguigni fragili si rompono, compaiono sulla cute macchie o ecchimosi rosse o violacee (porpora). Le condizioni che possono indurre porpora includono

  • Amiloidosi

  • Crioglobulinemia

  • Porpora da ipergammaglobulinemia

  • Sindrome da iperviscosità

Amiloidosi

L’amiloidosi causa il deposito della proteina amiloide all’interno dei vasi sanguigni della pelle e dei tessuti sottocutanei, il che può aumentare la fragilità dei vasi e causare la porpora, di solito sulle braccia. Se un soggetto sviluppa un livido attorno agli occhi o anche dopo un lieve urto, il medico può sospettare l’amiloidosi. Per confermare l’amiloidosi si può eseguire un esame del sangue per verificare la presenza della sostanza amiloide nel sangue, inoltre si può esaminare anche un campione di grasso prelevato dalla parete addominale o di tessuto degli eventuali organi interessati. Il trattamento dipende dalla gravità della condizione e dalla compromissione degli altri tessuti.

Crioglobulinemia

La crioglobulinemia si verifica quando proteine immunoglobuliniche (anticorpi) anomale presenti nel sangue si aggregano in seguito al raffreddamento del sangue (per esempio quando questo scorre nelle braccia e nelle gambe). Queste proteine alterate sono chiamate crioglobuline. Quando le crioglobuline si raggruppano nei vasi sanguigni, questi possono lasciarle fuoriuscire, causando ecchimosi e ulcere arrossate sulla cute. Le crioglobuline possono essere rilevate mediante esami di laboratorio. Il trattamento della patologia di base può ridurre tali sintomi.

Porpora da ipergammaglobulinemia

Nella porpora da ipergammaglobulinemia i vasi sanguigni vengono danneggiati (vasculite) dall’infiammazione correlata a elevati livelli di immunoglobuline nel sangue. Questo disturbo colpisce principalmente le donne. Sulla parte inferiore delle gambe compaiono in modo ricorrente piccole zone decolorate, di colore rossastro, in rilievo. Queste zone lasciano come residuo delle macchie marroni. Molti soggetti presentano una malattia immunitaria di base, come la sindrome di Sjögren o il lupus eritematoso sistemico (lupus).

Generalmente si eseguono esami del sangue. Spesso questi esami rivelano l’aumento di un tipo specifico di immunoglobulina (IgG). La condizione di base viene trattata.

Sindrome da iperviscosità

La sindrome da iperviscosità si verifica quando un soggetto presenta quantità eccessive di alcune proteine ematiche (immunoglobuline), generalmente a causa di tumori ematici come la macroglobulinemia o il mieloma multiplo. L’eccesso di immunoglobuline causa l’addensamento del sangue (viscosità) rallentandone lo scorrimento all’interno dei vasi sanguigni. La sindrome da iperviscosità limita il flusso ematico alla cute, alle dita delle mani e dei piedi, al naso e al cervello. I vasi sanguigni diventano sovraccarichi di sangue e possono avere delle perdite, causando depigmentazione cutanea.

I sintomi più comuni sono epistassi ricorrenti e sanguinamento delle gengive, tuttavia quando il sangue diventa molto denso possono talvolta verificarsi insufficienza cardiaca o ictus. Possono essere eseguiti esami del sangue, tra cui uno atto a misurarne la viscosità.

I soggetti con sintomi da iperviscosità vengono trattati con plasmaferesi. La plasmaferesi è una procedura nella quale il sangue viene prelevato dal paziente e introdotto in uno strumento che separa le cellule ematiche dalla parte liquida del sangue (plasma). Il plasma, che contiene le proteine che causano la malattia, viene scartato e le cellule ematiche vengono reinfuse nel paziente.

Talvolta può essere necessaria anche la chemioterapia per trattare un tumore ematico di base.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Trasfusione di piastrine
Video
Trasfusione di piastrine
Il sangue che circola nell’organismo è costituito da diversi componenti: globuli rossi, che...
Panoramica sul sangue
Video
Panoramica sul sangue

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE