honeypot link

Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Come eseguire una toracostomia con ago

Di

Rebecca Dezube

, MD, MHS, Johns Hopkins University

Ultima modifica dei contenuti giu 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

La toracostomia con ago prevede l'inserimento di un ago nella cavità pleurica per decomprimere uno pneumotorace in tensione.

La toracostomia con ago è una procedura d'emergenza, potenzialmente salvavita, che può essere eseguita se una toracotomia con tubo di drenaggio non può essere effettuata abbastanza rapidamente.

Indicazioni

  • Il pneumotorace iperteso deve essere decompresso prima che la toracotomia con tubo di drenaggio possa essere eseguita

Controindicazioni

  • Assente

Non ci sono controindicazioni perché questa procedura viene eseguita solo a causa di una minaccia immediata alla vita che sostituisce altre considerazioni.

Complicanze

  • Lacerazione del polmone o del diaframma

  • Nevralgia intercostale a causa di lesioni del fascio neurovascolare al di sotto di una costola

  • Sanguinamento

  • Infezione

  • Pneumotorace (se la procedura è stata eseguita a causa di un pneumotorace erroneamente sospettato)

  • Raramente, la perforazione di altre strutture toraciche o addominali

Attrezzatura

  • Un ago 14- o 16-gauge (ancora meglio un'agocannula); gli aghi da 8 cm sono più efficaci degli aghi da 5 cm, ma aumentano il rischio di lesioni alle strutture sottostanti

  • Camice, maschera, guanti sterili

  • Soluzione detergente come soluzione a base di clorexidina al 2%

Considerazioni aggiuntive

  • L'urgenza della procedura è determinata dalle condizioni del paziente. L'ipotensione suggerisce uno pneumotorace iperteso più avanzato che richiede un trattamento più urgente.

Posizionamento

  • Il paziente deve essere in posizione supina, disteso sulla schiena.

Aspetti di anatomia rilevanti

  • I fasci neurovascolari si trovano sul bordo inferiore di ciascuna costola. Pertanto, l'ago deve essere posizionato sopra il bordo superiore della costola per evitare danni al fascio neurovascolare.

Descrizione passo dopo passo della procedura

  • Il sito di inserimento preferito è il 2o spazio intercostale sulla linea emiclaveare nell'emitorace coinvolto. Tuttavia, l'inserimento dell'ago praticamente ovunque nell'emotorace corretto decomprimerà uno pneumotorace iperteso.

  • Se il tempo lo permette, preparare l'area del e intorno al sito di inserimento utilizzando una soluzione antisettica, come la clorexidina.

  • Raramente vi è tempo per fornire anestesia locale, ma se c'è, iniettare lidocaina 1% nella cute, a livello sottocutaneo, nel periostio della costola (della costola al di sotto del sito di inserimento), e nella pleura parietale. Iniettare una grande quantità di anestetico locale intorno al periostio e alla pleura parietale, in quanto siti altamente sensibili al dolore. Aspirare con la siringa prima di iniettare la lidocaina per evitare di iniettarla in un vaso sanguigno. La localizzazione appropriata è confermata dal ritorno di aria nella siringa utilizzata per l'anestesia quando si entra nello spazio pleurico.

  • Inserire l'ago per la toracostomia, perforando la pelle sopra la costola sotto lo spazio intercostale desiderato, e dopo dirigendolo in direzione cefalica sopra la costola fino a quando non si perfora la pleura (di solito indicata da un rumore e/o da un'improvvisa diminuzione di resistenza).

  • Dopo aver fatto una toracostomia con ago, inserire un tubo di drenaggio il prima possibile.

Dopo il trattamento

  • Si deve eseguire la RX torace per confermare l'espansione del polmone e il corretto posizionamento del tubo toracico.

Avvertimenti ed errori comuni

  • A seconda dello spessore della gabbia toracica, può essere necessario un ago più lungo.

Suggerimenti e trucchi

  • Dopo aver rimosso l'ago, il catetere può attorcigliarsi. L'attorcigliamento è particolarmente probabile con cateteri più piccoli, come i 14 e 16 calibri. Alcune fonti consigliano di utilizzare un grande ago 10-gauge e il catetere (1, 2, 3).

Riferimenti

  • 1. Aho JM, Thiels CA, El Khatib MM, et al: Needle thoracostomy: Clinical effectiveness is improved using a longer angiocatheter. J Trauma Acute Care Surg 80(2):272-277, 2016. doi: 10.1097/TA.0000000000000889

  • 2. Clemency BM, Tanski CT, Rosenberg M, et al: Sufficient catheter length for pneumothorax needle decompression: A meta-analysis. Prehosp Disaster Med 30(3):249-253, 2015. doi: 10.1017/S1049023X15004653

  • 3. Beckett A, Savage E, Pannell D, et al: Needle decompression for tension pneumothorax in Tactical Combat Casualty Care: Do catheters placed in the midaxillary line kink more often than those in the midclavicular line? J Trauma 2011 71(5 Suppl 1):S408-412, 2011. doi: 10.1097/TA.0b013e318232e558

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE