Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Giardiasi

Di

Richard D. Pearson

, MD,

  • Emeritus Professor of Medicine
  • University of Virginia School of Medicine

Ultima modifica dei contenuti apr 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

La giardiasi è causata dal protozoo flagellato Giardia duodenalis (G. lamblia, G. intestinalis). L'infezione può essere asintomatica o determinare sintomi che vanno dalla flatulenza intermittente al malassorbimento cronico. La diagnosi si basa sull'identificazione del microrganismo nelle feci fresche o nel succo duodenale, mediante test per l'antigene di Giardia o test molecolari per il DNA parassitario nelle feci. Il trattamento prevede metronidazolo, tinidazolo, nitazoxanide, o, durante la gravidanza, la paromomicina.

I trofozoiti di Giardia si attaccano in modo deciso alla mucosa duodenale e prossimale del digiuno e si moltiplicano per scissione binaria. Alcuni microrganismi si trasformano rapidamente in cisti resistenti nell'ambiente che vengono eliminate con le feci e trasmesse per via oro-fecale.

L'infezione da Giardia è diffusa in tutto il mondo nelle aree con scarsa igiene. La giardiasi è la malattia parassitaria intestinale più frequente negli Stati Uniti. La trasmissione per via acquatica è la principale fonte di infezione (1), ma la trasmissione può avvenire anche per ingestione di cibo contaminato o per contatto diretto da persona a persona.

Le cisti di Giardia rimangono vitali sulla superficie dell'acqua e sono resistenti ai livelli usuali di clorazione nell'acqua potabile. Per questo motivo, ruscelli di montagna così come acquedotti municipali clorati ma poco filtrati, sono stati implicati in epidemie. Le infezioni sono anche associate all'assistenza all'infanzia, in particolare coinvolgono i bambini in età da pannolino; chi è a stretto contatto con familiari o familiari affetti da giardiasi; l'ingestione di acqua o ghiaccio da acque non trattate o trattate impropriamente da laghi, corsi d'acqua o pozzi; i backpacker, gli escursionisti e i campeggiatori che bevono acqua non sicura o che non riescono a praticare una buona igiene delle mani; l'ingerire acqua mentre si nuota o si gioca in laghi, stagni, fiumi o corsi d'acqua; o l'esposizione alle feci attraverso il contatto sessuale.

Ci sono 8 gruppi genetici (assemblaggi) di G. duodenalis. Due di queste specie infettano gli esseri umani e gli animali; le altre infettano solo gli animali. Le manifestazioni cliniche sembrano variare in base al genotipo.

Riferimento generale

  • 1. Schnell K, Collier S, Derado G, et al: Giardiasis in the United States - an epidemiologic and geospatial analysis of county-level drinking water and sanitation data, 1993-2010. J Water Health 14(2):267–279, 2016. doi: 10.2166/wh.2015.283.

Sintomatologia

Molti casi di giardiasi sono asintomatici. Tuttavia, anche i soggetti asintomatici possono trasmettere cisti infettive.

I sintomi della giardiasi acuta generalmente compaiono 1-14 giorni (in media 7 giorni) dopo l'infezione. I sintomi sono di solito moderati e comprendono diarrea acquosa maleodorante, crampi addominali, distensione addominale, flatulenza, eruttazione, nausea intermittente, dolore epigastrico e a volte, lieve malessere, affatticamento e anoressia. La malattia acuta di solito si protrae per 1-3 settimane. La giardiasi è spesso accompagnata da un'intolleranza al lattosio acquisita. Nei casi più gravi il malassorbimento dei grassi e degli zuccheri può portare a una significativa perdita di peso. Nelle feci non sono presenti né sangue né globuli bianchi.

Alcuni pazienti possono sviluppare diarrea cronica con feci maleodoranti, distensione addominale e flatulenza. Possono verificarsi una sostanziale perdita di peso e astenia. La giardiasi cronica occasionalmente causa mancato accrescimento nei bambini.

Diagnosi

  • Test immunoenzimatico per l'antigene o test molecolari per il DNA del parassita nelle feci

  • Esame microscopico delle feci

Il test immunoenzimatico per rilevare l'antigene del parassita nelle feci è più sensibile dell'esame microscopico. Il riscontro di caratteristici trofozoiti o cisti nelle feci è diagnostico, ma l'eliminazione del parassita è intermittente e a bassi livelli nell'infezione cronica. Così, la diagnosi microscopica può richiedere ripetuti esami delle feci.

Anche prelievi bioptici delle prime vie intestinali possono contenere trofozoiti ma sono raramente necessari.

Sono disponibili test molecolari per il DNA del parassita nelle feci.

Trattamento

  • Tinidazolo, metronidazolo o nitazoxanide

Per la giardiasi sintomatica, si utilizzano tinidazolo, metronidazolo o nitazoxanide. Fallimento e resistenza alla terapia possono verificarsi con uno qualsiasi di essi.

Il tinidazolo è efficace quanto il metronidazolo, ma il tinidazolo è meglio tollerato e viene somministrato in singola dose come segue:

  • Adulti: 2 g per via orale 1 volta

  • Bambini: 50 mg/kg [massimo 2 g] per via orale 1 volta

Il metronidazolo viene somministrato nel seguente modo:

  • Adulti: 250 mg per via orale 3 volte/die per 5-7 giorni

  • Bambini: 5 mg/kg per via orale 3 volte/die per 5-7 giorni

Gli effetti collaterali del metronidazolo comprendono nausea e mal di testa. Il metronidazolo e il tinidazolo non devono essere somministrati alle donne in gravidanza. L'alcol deve essere evitato perché questi farmaci hanno un effetto simil-disulfiram. In termini di effetti avversi del tratto gastrointestinale, il tinidazolo è generalmente meglio tollerato rispetto al metronidazolo.

La nitazoxanide viene somministrata per via orale per 3 giorni come segue:

  • Età da 1 a 3 anni: 100 mg 2 volte/die

  • Età da 4 a 11 anni: 200 mg 2 volte/die

  • Età > 12 anni (inclusi gli adulti): 500 mg 2 volte/die

La nitazoxanide è disponibile in forma liquida per bambini.

La sicurezza della nitazoxanide durante la gravidanza non è stata valutata. Se la terapia non può essere ritardata a causa di gravi sintomi, un aminoglicoside non assorbibile come la paromomicina (8-11 mg/kg per via orale 3 volte/die per 5-10 giorni) è un'opzione se il beneficio supera il rischio.

Il furazolidone, la quinacrina o l'albendazolo sono poco utilizzati a causa della potenziale tossicità, della scarsa efficacia o del costo.

Anche dopo la cura parassitologica, i pazienti possono presentare intolleranza al lattosio, sindrome dell'intestino irritabile o stanchezza.

Prevenzione

La prevenzione richiede

  • Trattamento appropriato delle acque pubbliche

  • Preparazione igienica degli alimenti

  • Igiene oro-fecale appropriata

  • Lavaggio accurato delle mani dopo il contatto con le feci

L'acqua può essere decontaminata tramite la bollitura. Le cisti di Giardia resistono agli ordinari livelli di clorazione dell'acqua. La disinfezione con composti a base di iodio è variamente efficace a seconda della torbidità e della temperatura dell'acqua e della durata del trattamento. Alcuni dispositivi portatili di filtraggio possono rimuovere le cisti di Giardia dalle acque contaminate, ma l'efficacia dei vari sistemi non è stata pienamente valutata.

Punti chiave

  • La principale fonte di trasmissione della giardiasi è l'acqua, comprese le vene d'acqua corrente di montagna e le forniture idriche comunali spesso mal filtrate.

  • Le cisti di Giardia resistono agli ordinari livelli di clorazione dell'acqua e la disinfezione con composti iodati è di variabile efficacia.

  • Il test immunoenzimatico per rilevare l'antigene del parassita nelle feci viene preferito perché è più sensibile dell'esame microscopico.

  • Ai pazienti sintomatici vanno somministrati tinidazolo, metronidazolo o nitazoxanide.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE