Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Test immunologici per malattie infettive

Di

Kevin C. Hazen

, PhD, Duke University Health System

Ultima modifica dei contenuti giu 2018
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

I test immunologici utilizzano uno dei seguenti:

  • L'antigene per identificare gli anticorpi diretti contro un agente patogeno nel campione del paziente

  • Gli anticorpi per rilevare un antigene del patogeno nel campione del paziente

La gestione del campione è variabile, ma se il test viene ritardato, il campione deve essere in genere refrigerato o congelato per impedire la crescita eccessiva di batteri contaminanti.

Test di agglutinazione

Nei test di agglutinazione (p. es., agglutinazione su lattice, coaggregazione), particelle molto piccole (sfere di lattice, particelle di gelatina o batteri) sono legate a un reagente, antigeni o anticorpi. Il complesso di particelle che ne risulta è mescolato con il campione (p. es., liquido cerebrospinale, siero); se è presente l'Ac o l'antigene bersaglio, esso forma reticolazione (cross-linking) con le particelle, producendo un'agglutinazione misurabile.

Se i risultati sono positivi, il liquido corporeo viene diluito e testato in modo scalare. L'agglutinazione con soluzioni più diluite indica concentrazioni maggiori dell'antigene o dell'anticorpo bersaglio. Il titolo viene riportato correttamente come il reciproco della soluzione più diluita che produce agglutinazione; p. es., 32 indica che l'agglutinazione è avvenuta in una soluzione diluita 1/32 rispetto alla concentrazione di partenza.

In genere, i test di agglutinazione sono rapidi ma meno sensibili rispetto a molti altri metodi. Essi possono anche determinare il sierotipo di alcuni batteri.

Fissazione del complemento

La fissazione del complemento misura l'Ac che consuma il complemento (fissante il complemento) nel siero o nel liquido cerebrospinale. Il test viene utilizzato per la diagnosi di alcune infezioni virali e fungine, in particolare nella coccidioidomicosi.

Il campione viene incubato con quantità note di complemento e di antigeni contro cui è diretto l'Ac che si sta misurando. Il grado di fissazione del complemento indica la quantità di questo anticorpi nel campione.

Il test può misurare titoli di IgM e di IgG o può essere modificato per identificare determinati antigeni. È accurato ma ha applicazioni limitate, richiede un lavoro intenso e numerosi controlli.

Test immunoenzimatici

I saggi immunologici enzimatici utilizzano anticorpi legati a enzimi per identificare gli antigeni e per riconoscere e quantificare gli anticorpi. Esempi sono

  • Dosaggio immunoenzimatico (EIA)

  • Il test di immunoassorbimento enzimatico (ELISA, enzyme-linked immunosorbent assay)

Poiché la sensibilità della maggior parte dei test immunoenzimatici è alta, essi vengono in genere utilizzati per le indagini di screening. I titoli possono essere determinati attraverso diluizioni scalari del campione come nei test di agglutinazione.

La sensibilità del test, sebbene generalmente alta, può variare, a volte a seconda dell'età del paziente, del sierotipo del germe, del tipo di campione o dello stadio della malattia.

Precipitazione test

I test di precipitazione misurano un antigene o un anticorpo nei liquidi corporei attraverso il grado di precipitazione visibile dei complessi Ag-Ac all'interno di un gel (agarosio) o in soluzione. Ci sono molti tipi di test di precipitazione (p. es., doppia diffusione di Ouchterlony, immunoelettroforesi inversa), ma le loro applicazioni sono limitate.

In genere, un campione di sangue viene mescolato con l'antigene del test per individuare gli anticorpi del paziente, il più delle volte nel sospetto di un'infezione micotica o una meningite piogena. Dato che un risultato positivo richiede una grande quantità di anticorpi o di antigeni, la sensibilità è bassa.

Western blot

Il test Western blot individua anticorpi antimicrobici o di altra natura nel campione del paziente (p. es., siero o altri liquidi corporei) mediante la loro reazione con antigene bersaglio (p. es., componenti virali) precedentemente fissati su una membrana mediante il blotting.

Il Western Blot presenta tipicamente una buona sensibilità, anche se spesso inferiore a quella dei test di screening come il test di immunoassorbimento enzimatico (ELISA, enzyme-linked immunosorbent assay), ma in genere è altamente specifico. Per questo motivo, viene abitualmente utilizzato per confermare un risultato positivo ottenuto con un test di screening.

Le modificazioni tecniche del Western blot sono

  • Line immunoassay (LIA)

  • Test immunoblot ricombinante, che usa antigeni prodotti con metodi sintetici o ricombinanti

  • Test immunocromatografici, che possono rapidamente esaminare il campione per specifici antigeni microbici o per anticorpi del paziente

Dei tre, il saggio immunocromatografico è il più semplice da eseguire e il più comunemente usato, p. es., per rilevare microrganismi che producono tossine Shiga, antigene capsulare di Cryptococcus neoformans, e virus dell'influenza.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come lavarsi le mani
Video
Come lavarsi le mani
Modelli 3D
Vedi Tutto
SARS-CoV-2
Modello 3D
SARS-CoV-2

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE