Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Panoramica sul trattamento oncologico

Di

Robert Peter Gale

, MD, PhD, Imperial College London

Ultima modifica dei contenuti lug 2018
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

La cura del cancro richiede l'eliminazione di tutte le cellule in grado di provocare la recidiva del cancro nella vita di una persona. Le principali modalità di trattamento sono

Le modalità antineoplastiche sistemiche comprendono

  • L'ormonoterapia (per i tumori selezionati, p. es., della prostata, della mammella, dell'endometrio)

  • L'immunoterapia inclusi gli anticorpi monoclonali, gli interferoni, i modificatori della risposta biologica, i vaccini tumorali, e le terapie cellulari (per molti tipi diversi di cancro)

  • Farmaci differenzianti come i retinoidi (per leucemia promielocitica acuta) e gli inibitori della isocitrato deidrogenasi-2 (IDH2) (per leucemia mieloide acuta)

  • La terapia farmacologica mirata e basata sulla crescente conoscenza della biologia cellulare, molecolare e genomica (p. es., l'imatinib per la leucemia mieloide cronica)

Spesso, le modalità sono combinate per creare un programma di trattamento che sia appropriato per il paziente e basato sulle caratteristiche del paziente e del tumore così come sulle preferenze del paziente. Queste modalità possono essere usate in parallelo con il trattamento primario o utilizzate prima o dopo. Lo scopo principale della terapia adiuvante somministrata dopo e la terapia neoadiuvante somministrata in precedenza è di prevenire la recidiva del cancro e aumentare la sopravvivenza.

Dove opportuno, l'intero trattamento deve essere coordinato tra il radioterapista oncologo, il chirurgo e l'oncologo medico. La scelta degli approcci terapeutici è in continua evoluzione, e numerosi studi di ricerca controllati sono in corso. Quando possibile e appropriato, la partecipazione a uno studio clinico deve essere considerata e trattata con i pazienti.

Le decisioni terapeutiche devono valutare la probabilità che si verifichino effetti avversi rispetto alla possibilità di ottenere un beneficio; ciò richiede una comunicazione diretta e possibilmente il coinvolgimento di un'équipe oncologica multidisciplinare. Le preferenze di un paziente su come vivere la fine della propria vita (vedi Direttive anticipate) devono essere discusse precocemente nel corso del trattamento antineoplastico nonostante le difficoltà nell'affrontare il tema della morte in un momento così delicato.

Risposta al trattamento del cancro

Differenti termini vengono utilizzati per descrivere la risposta al trattamento (vedi tabella Definire la risposta al trattamento del cancro). L'intervallo libero da malattia o privo di progressione spesso serve come indicatore di guarigione e varia con il tipo di tumore. Per esempio, i tumori del polmone, del colon, della vescica, del testicolo e i linfomi a grandi cellule sono usualmente considerati in remissione completa se si verifica un intervallo libero da malattia di 5 anni. Tuttavia, i tumori della mammella e della prostata potrebbero ripresentarsi anche dopo 5 anni, e tale fenomeno viene definito "dormienza tumorale" (attualmente una delle maggiori aree di ricerca); un intervallo libero da malattia a 10 anni è più indicativo di remissione completa in questi tumori.

Tabella
icon

Definire la risposta al trattamento del cancro

Termine

Definizione

Guarigione

Assenza a lungo termine di sintomi o segni di una malattia, sebbene i pazienti che sembra siano guariti possono avere ancora cellule cancerogene vitali che potrebbero finalmente causare ricadute

Remissione completa (risposta completa)

Scomparsa di evidenza clinica di malattia

Risposta parziale

La riduzione > 50% in termini di dimensioni della massa o delle masse cancerogene, talvolta guida verso una palliazione significativa e al prolungamento della vita ma con inevitabile ricrescita di un tumore

Malattia stabile

Né miglioramento né peggioramento

Sopravvivenza libera da malattia (intervallo libero da malattia)

Intervallo tra la scomparsa del tumore e la recidiva

Intervallo libero da progressione

Tempo dall'inizio del trattamento alla progressione

Tempo di sopravvivenza

Tempo che intercorre dalla diagnosi al decesso

I tassi di sopravvivenza con le diverse modalità, da sole o in combinazione, sono elencati per tumori selezionati (vedi tabella Sopravvivenza mediana di 5 anni in vari tipi di cancro).

Tabella
icon

Sopravvivenza mediana a 5 anni in vari tipi di cancro

Tipo

Sopravvivenza mediana 5-anni (%)

Leucemia linfocitica acuta

68

Leucemia mieloide acuta

26

Vescica

67

Ossa e articolazioni

67

Cervello e altri sistemi nervosi

33

Seno (femmina)

89

Cervice

68

Leucemia linfocitica cronica

18

Leucemia mieloide cronica

63

Colon e retto

69

Esofago

18

Occhio e orbita

82

Colecisti

77

Linfoma di Hodgkin

86

Rene e pelvi renale

73

Laringe

61

Fegato e dotto biliare intraepatico

17

Polmone e bronchi

17

Melanoma

92

Mieloma

47

Linfoma non-Hodgkin

70

Cavità orale e faringe

63

Ovaio

46

Pancreas

7

Prostata

99

Tessuto molle

65

Intestino tenue

66

Stomaco

29

Testicolo

95

Tiroide

98

Utero

82

Dati dall'American Cancer Society: Cancer Treatment & Survivorship Facts & Figures 2016-2017. Atlanta, American Cancer Society; 2016.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica sul recettore ADP
Video
Panoramica sul recettore ADP
I recettori dell'adenosina difosfato sono proteine integrali incorporate in una membrana piastrinica...
Biopsia del midollo osseo
Video
Biopsia del midollo osseo

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE