Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Psicosi condivisa

Di

Carol Tamminga

, MD,

  • UT Southwestern Medical Dallas

Ultima modifica dei contenuti ott 2018
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

La psicosi condivisa si verifica quando le persone acquisiscono un delirio da qualcuno con cui hanno uno stretto rapporto personale.

Le psicosi riguardano sintomi come deliri, allucinazioni, pensiero e linguaggio disorganizzati e comportamento motorio bizzarro ed inadeguato (compresa catatonia) che indicano perdita di contatto con la realtà. (Vedi anche Introduzione alla schizofrenia e disturbi correlati.)

La psicosi condivisa (in precedenza denominata folie à deux) è ora considerata un sottoinsieme di disturbo delirante. Di solito si verifica in una persona o in un gruppo di persone (di solito una famiglia) che sono legati a una persona con un disturbo delirante significativo o con la schizofrenia. La prevalenza della psicosi condivisa non è nota, ma la malattia sembra rara. Il paziente con la malattia primaria è di solito il membro socialmente dominante nel rapporto ed impone il delirio o convince il paziente con la malattia secondaria riguardo a delle credenze insolite.

Identificare chi nel rapporto ha la psicosi primaria è importante perché la persona con il disturbo secondario in genere non mantiene le convinzioni deliranti, se separata dalla persona con la malattia primaria.

Counseling e terapia di solito possono aiutare le persone che hanno una psicosi condivisa. Di solito, la persona con i sintomi psicotici ha bisogno di un trattamento farmacologico.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE