Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Altri disturbi dello spettro schizofrenico e psicotici

Di

Carol Tamminga

, MD,

  • UT Southwestern Medical Dallas

Ultima modifica dei contenuti ott 2018
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

Alcuni episodi significativi di sintomi psicotici non soddisfano i criteri per altre diagnosi dello spettro schizofrenico.

Le psicosi riguardano sintomi come deliri, allucinazioni, pensiero e linguaggio disorganizzati e comportamento motorio bizzarro ed inadeguato (compresa catatonia) che indicano perdita di contatto con la realtà.

Altri disturbi psicotici sono classificati come

  • Altri disturbi specifici dello spettro schizofrenico ed altri disturbi psicotici

  • Spettro schizofrenico non specifico ed altri disturbi psicotici

Queste categorie si riferiscono ai sintomi che sono tipici di uno spettro schizofrenico o ad altri disturbi psicotici (p. es., deliri, allucinazioni, pensiero e linguaggio disorganizzati, comportamento catatonico), che causano notevoli difficoltà sociali e professionali e handicap, ma che non soddisfano i criteri completi per ogni specifico disturbo. Queste categorie si applicano talvolta all'inizio in un disturbo dello spettro schizofrenico prima che sia completamente manifesto.

La categoria del disturbo psicotico non altrimenti specificato non è più utilizzata.

Un disturbo viene classificato come specificato se il medico sceglie di specificare come le caratteristiche dei sintomi non soddisfano i criteri per un disturbo specifico. Per esempio, un paziente può avere allucinazioni uditive persistenti senza altri sintomi, quindi non soddisfare i criteri per la schizofrenia, che richiede 2 manifestazioni psicotiche.

La categoria non specificata viene utilizzata quando le informazioni necessarie per formulare una diagnosi non sono sufficienti (p. es., in un dipartimento di emergenza).

Farmaci antipsicotici e consulenza psichiatrica possono essere utilizzati a seconda delle necessità.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE