Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Anoscopia e sigmoidoscopia

Di

Jonathan Gotfried

, MD, Lewis Katz School of Medicine at Temple University

Ultima modifica dei contenuti giu 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

L'anoscopia e la sigmoidoscopia vengono utilizzate per valutare i sintomi riferibili al retto o all'ano (p. es., sanguinamento rettale rosso vivo, perdite, protrusioni, dolore). Inoltre, la sigmoidoscopia consente anche la biopsia dei tessuti del colon e la possibilità di interventi quali l'emostasi o lo stenting intraluminale. Non ci sono controindicazioni assolute, ad eccezione delle controindicazioni già considerate per l'endoscopia di routine. Nei pazienti con aritmie cardiache o recente ischemia miocardica l'esame deve essere rinviato sino a quando le condizioni di comorbilità non sono migliorate; altrimenti, i pazienti devono essere sottoposti a monitoraggio cardiaco.

La regione perianale e il retto distale possono essere esaminati con un anoscopio di 7 cm; per il retto e il sigma viene utilizzato uno strumento rigido da 25 cm o uno flessibile da 60 cm. La sigmoidoscopia flessibile è molto più confortevole per il paziente e permette di documentare l'esame con foto e di eseguire biopsie tissutali. È necessaria una notevole abilità per far passare il sigmoidoscopio rigido oltre la giunzione rettosigmoidea (15 cm) senza causare fastidio.

La sigmoidoscopia viene eseguita dopo la pulizia del retto effettuata con clisteri. I farmaci EV per la sedazione di solito non sono necessari. Il paziente viene posto in posizione laterale sinistra. Dopo l'ispezione esterna e l'esplorazione digito-ano-rettale, lo strumento viene lubrificato e delicatamente inserito per 3 o 4 cm oltre lo sfintere anale. A questo punto, l'otturatore del sigmoidoscopio rigido viene rimosso e lo strumento viene inserito sotto visione diretta.

L'anoscopia può essere effettuata senza preparazione. L'anoscopio viene inserito per tutta la sua lunghezza come precedentemente descritto per la sigmoidoscopia rigida, di solito con il paziente in decubito laterale sinistro. Le complicanze dell'anoscopia sono estremamente rare quando la procedura viene eseguita nel modo corretto.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE