Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Pericondrite dell'orecchio esterno

Di

Bradley W. Kesser

, MD, University of Virginia School of Medicine

Ultima modifica dei contenuti ago 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

La pericondrite dell'orecchio può essere un processo infiammatorio diffuso, non necessariamente infettivo, che causa tumefazione diffusa, arrossamento e dolore del padiglione auricolare, o un ascesso tra la cartilagine e il pericondrio.

Le cause di pericondrite comprendono

Poiché l'apporto nutritizio alla cartilagine è fornito dalla vascolarizzazione del pericondrio, il distacco di quest'ultimo dalla cartilagine su entrambi i lati può portare a necrosi avascolare e conseguente deformità del padiglione auricolare (chiamato orecchio a cavolfiore) nel giro di qualche settimana. Una necrosi settica della cartilagine del padiglione auricolare può anche essere il risultato di un'infezione da bacilli Gram-negativi.

I sintomi comprendono iperemia, edema e dolore del padiglione auricolare. Il decorso della pericondrite può essere asintomatico, ricorrente, persistente e destruente.

Trattamento

  • Terapia antibiotica orale immediata, generalmente con un fluorochinolonico, o a volte con un aminoglicoside associato a una penicillina semisintetica

  • Per un ascesso, incisione e drenaggio immediati

I pazienti con infiammazione diffusa di tutto il padiglione auricolare sono trattati con antibiotici su base empirica (p. es., fluorochinoloni, che hanno una buona penetrazione nella cartilagine) e spesso con un corticosteroide sistemico per i suoi effetti antinfiammatori. Qualsiasi corpo estraneo (p. es., anello, scheggia) deve essere rimosso. Se l'eziologia non è chiaramente infettiva (p. es., un piercing infetto), i pazienti devono essere sottoposti a valutazione reumatologica ( Panoramica sulle vasculiti).

Gli ascessi pericondriali vengono incisi e viene posizionato un drenaggio da lasciare in sede per 24-72 h. Si instaura una terapia antibiotica per via sistemica con un fluorochinolone o un aminoglicoside associato a una penicillina semisintetica. La scelta dell'antibiotico sarà modificata in funzione dell'esito dell'esame colturale e dell'antibiogramma. Gli impacchi caldi possono essere utili. È importante verificare che il pericondrio sia riposizionato ben aderente alla cartilagine al fine di mantenere l'apporto di sangue alla cartilagine stessa e prevenirne la necrosi. Il riposizionamento è assicurato con 1 o 2 di sutura a materassaio transfissi attraverso l'intero spessore del padiglione auricolare, preferibilmente tramite interposizione di cotonoidi dentali su entrambi i lati del padiglione auricolare stesso (1).

Riferimento relativo al trattamento

  • 1. Kesser BW: Assessment and management of chronic otitis externa. Curr Opin Otolaryngol Head Neck Surg 19(5):341-7. 2011.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE