Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Cuore d'atleta

Di

Robert S. McKelvie

, MD, PhD, Western University

Ultima modifica dei contenuti feb 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

Il cuore d'atleta è una costellazione di modificazioni strutturali e funzionali che si riscontrano nel cuore dei soggetti che si allenano quotidianamente per > 1 h. I cambiamenti sono asintomatici; i segni comprendono bradicardia, un soffio sistolico e toni aggiunti. È frequente la presenza di anomalie all'ECG. La diagnosi è clinica ed ecocardiografica. Non occorre alcun trattamento. Il cuore d'atleta è importante perché deve essere distinta da altri seri disturbi cardiaci.

Un allenamento intenso e prolungato di resistenza e di potenziamento causa svariati adattamenti fisiologici. Aumentano i carichi di volume e pressione nel ventricolo sinistro, che, con il tempo, determinano un incremento della massa muscolare del ventricolo sinistro, un ispessimento parietale e delle dimensioni cavitarie. Aumentano la gittata sistolica massimale e la portata cardiaca, contribuendo a una frequenza cardiaca a riposo più bassa e a un prolungamento del tempo di riempimento diastolico. La bassa frequenza cardiaca è primariamente provocata dall'aumento del tono vagale, ma possono avere un ruolo rilevante anche il ridotto tono simpatico e altri fattori non autonomici che riducono l'attività intrinseca del nodo del seno. La bradicardia riduce la richiesta miocardica di ossigeno; allo stesso tempo, gli aumenti dell'emoglobina totale e della volemia incrementano il trasporto di ossigeno. Nonostante queste modificazioni, la funzione sistolica e diastolica rimangono normali. Le modifiche strutturali nelle donne sono tipicamente meno marcate che negli uomini della stessa età, taglia corporea, e livello di allenamento.

Sintomatologia

Non ci sono sintomi. I segni variano, ma possono includere bradicardia; un itto della punta del ventricolo sinistro spostato lateralmente, aumentato di volume, e aumentato in ampiezza; un soffio di eiezione sistolica (flusso) a livello del margine sternale inferiore sinistro; un terzo tono cardiaco (S3) dovuto a precoce, rapido riempimento ventricolare diastolico; un quarto tono cardiaco (S4), udito meglio durante bradicardia da riposo perché il tempo di riempimento diastolico è aumentato; e polsi carotidei iperdinamici. Questi segni riflettono delle alterazioni cardiache strutturali che sono un adattamento all'esercizio fisico intenso.

Diagnosi

  • Valutazione clinica

  • Generalmente ECG

  • A volte ecocardiografia

  • Raramente, lo stress test

I reperti sono tipicamente individuati durante uno screening di routine o nel corso della valutazione di sintomi non correlati. La maggior parte degli atleti non richiede indagini complesse ed è spesso sufficiente un ECG. Se i sintomi suggeriscono una malattia cardiaca (p. es., le palpitazioni, il dolore toracico), vengono eseguiti un ECG, un'ecocardiografia e un test da sforzo.

La diagnosi del cuore d'atleta è di esclusione; deve essere distinta dalle patologie che provocano una sintomatologia simile ma che sono potenzialmente pericolose per la vita (p. es., cardiomiopatia ipertrofica o cardiomiopatia dilatativa, cardiopatia ischemica, displasia aritmogena del ventricolo destro).

ECG

Possono esserci numerosi cambiamenti di ritmo e della morfologia ECG; essi sono scarsamente correlati al livello di allenamento e alla prestazione cardiovascolare. I rilievi ECG più frequenti sono

  • Bradicardia sinusale

Di rado la frequenza cardiaca è < 40 battiti/min. Un'aritmia sinusale spesso accompagna la bassa frequenza cardiaca. Bradicardia a riposo può anche predisporre per

  • Ectopia atriale o ventricolare (comprese le coppie e run di tachicardia ventricolare non sostenuta); pause dopo battiti ectopici non superiori a 4 secondi

  • Wandering pacemaker sopraventricolare

Altri reperti ECG che possono verificarsi

  • Blocco atrioventricolare di primo grado (fino a 1/3 degli atleti)

  • Blocco atrioventricolare di secondo grado (principalmente di tipo I); questo reperto si verifica durante il riposo e scompare con l'esercizio fisico

  • Alto voltaggio dei complessi QRS con cambiamenti dell'onda T in sede inferolaterale (che riflette ipertrofia del ventricolo sinistro)

  • Inversione dell'onda T in sede anterolaterale profonda

  • Blocco di branca destra incompleto

Tuttavia, il riscontro di un blocco atrioventricolare di 3o grado è anormale e richiede ulteriori indagini.

Questi cambiamenti dell'ECG e del ritmo non sono stati associati a eventi avversi clinici, suggerendo che varie aritmie non sono anormali in atleti. Le aritmie sono solitamente soppresse o sostanzialmente ridotte dopo un periodo relativamente breve di decondizionamento.

Ecocardiografia

L'ecocardiografia generalmente può distinguere il cuore dell'atleta da cardiomiopatie (vedi tabella Caratteristiche distintive del cuore d'atleta dalla cardiomiopatia), ma la distinzione non è sempre chiara perché c'è un continuum da fisiologico a patologico riguardo all'ingrandimento cardiaco. La zona di sovrapposizione tra il cuore dell'atleta e la cardiomiopatia è rappresentata dallo spessore del setto:

  • Negli uomini, 13-15 mm

  • Nelle donne, 11-13 mm

In questa zona di sovrapposizione, la presenza di un forte movimento sistolico anteriore della valvola mitrale suggerisce fortemente cardiomiopatia ipertrofica. Inoltre, gli indici diastolici possono essere alterati nella cardiomiopatia, ma di solito sono normali nel cuore d'atleta. In linea generale, le modificazioni ecocardiografiche sono scarsamente correlate al grado di allenamento e alla prestazione cardiovascolare. Sono generalmente rilevate una minima insufficienza mitralica e tricuspidalica. Da segnalare, la riduzione di allenamento fisico si tradurrà in una regressione della dilatazione cardiaca in pazienti con il cuore d'atleta, ma non in quelli con cardiomiopatia.

Prova da sforzo

Durante un test da sforzo, la frequenza cardiaca rimane più bassa della norma a un livello di sforzo submassimale e aumenta in modo adeguato e simile al battito cardiaco nei non atleti al massimo sforzo; ritorna rapidamente a livello basale dopo l'esercizio. La risposta della pressione arteriosa è normale:

  • La pressione arteriosa sistolica aumenta

  • La pressione diastolica cade

  • La pressione arteriosa media rimane relativamente costante

Molti cambiamenti nell'ECG a riposo diminuiscono o scompaiono durante l'esercizio; questo reperto è esclusivo del cuore d'atleta e lo distingue dalle condizioni patologiche. Tuttavia, la pseudonormalizzazione dell'inversione dell'onda T può rispecchiare un'ischemia miocardica e quindi richiede negli atleti anziani indagini aggiuntive. Tuttavia, un risultato normale del test da sforzo non esclude una cardiomiopatia.

Tabella
icon

Caratteristiche distintive del cuore d'atleta dalla cardiomiopatia

Caratteristica

Cuore d'atleta

Cardiomiopatia

Spessore del setto ventricolare a sinistra*

Negli uomini, < 13 mm

Nelle donne, < 11 mm

Negli uomini, > 15 mm

Nelle donne, > 13 mm

Diametro telediastolico ventricolare sinistro

< 60 mm

> 70 mm

Funzione diastolica

Normale (rapporto E:A > 1)

Anormale (rapporto E:A < 1)

Ipertrofia settale

Simmetrica

Asimmetrica (nella cardiomiopatia ipertrofica)

Anamnesi familiare

Assente

Può essere presente

Risposta della pressione arteriosa allo sforzo

Normale

Risposta della pressione arteriosa sistolica normale o ridotta

Decondizionamento

Regressione dell'ipertrofia ventricolare sinistra

Nessuna regressione dell'ipertrofia ventricolare sinistra

*Un valore di 13 a 15 mm in uomini e 11 a 13 mm nelle donne è indeterminato.

Un valore di 60-70 mm è indeterminato.

Rapporto E:A = rapporto tra flusso transmitralico precoce e tardivo.

Prognosi

Sebbene le macroscopiche modifiche strutturali assomiglino a quelle presenti in alcune patologie cardiache, non si evidenziano effetti avversi. Nella maggior parte dei casi, i cambiamenti strutturali e la bradicardia regrediscono con la perdita dell'allenamento, anche se fino al 20% degli atleti professionisti ha un residuo ingrandimento delle camere cardiache, ponendo così la questione, in assenza di dati a lungo termine, circa la reale natura benigna del cuore d'atleta.

Trattamento

  • Possibilmente un periodo di decondizionamento per monitorare la regressione ventricolare sinistra

Non è necessario alcun trattamento, malgrado possano rendersi necessari 3 mesi di decondizionamento per monitorare la regressione delle dimensioni del ventricolo sinistro e distinguere questa sindrome da una cardiomiopatia. Tale decondizionamento può influenzare notevolmente la vita di un atleta e quindi si possono incontrare delle resistenze.

Punti chiave

  • L'esercizio fisico intensivo aumenta la massa muscolare del ventricolo sinistro, lo spessore della parete, e la dimensione della camera, ma la funzione sistolica e diastolica rimangono normali.

  • La frequenza cardiaca a riposo è lenta e ci può essere un soffio sistolico di eiezione a livello del margine sternale inferiore sinistro, un 3o tono cardiaco (S3), e/o un 4o tono cardiaco (S4).

  • L'ECG mostra bradicardia e segni di ipertrofia e, talvolta, altri reperti, come aritmia sinusale, ectopia atriale o ventricolare, e blocco atrioventricolare di 1o o 2o grado.

  • I cambiamenti strutturali ed ECG dovuti al cuore d'atleta sono asintomatici; la presenza di sintomi cardiovascolari (p. es., dolore toracico, dispnea, palpitazioni) o blocco atrioventricolare di 3o deve indurre a ricercare un disturbo cardiaco sottostante.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Ciclo cardiaco
Video
Ciclo cardiaco
Durante un ciclo cardiaco, tutte e quattro le camere cardiache attraversano un periodo di...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Sistema linfatico
Modello 3D
Sistema linfatico

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE