Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Contraccezione d’emergenza

Di

Frances E. Casey

, MD, MPH, Virginia Commonwealth University Medical Center

Ultima revisione/verifica completa nov 2018| Ultima modifica dei contenuti nov 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Si ricorre alla contraccezione d’emergenza dopo un rapporto sessuale non protetto o se un metodo contraccettivo non funziona (ad esempio il preservativo si rompe).

La contraccezione d’emergenza riduce le possibilità di una gravidanza dopo un rapporto sessuale non protetto, anche quando si verifica in un momento vicino al rilascio dell’ovulo (ovulazione), allorché il concepimento è più probabile. Nel complesso, la possibilità di una gravidanza è del 5% circa dopo un rapporto non protetto, ma se più vicino all’ovulazione è del 20% circa. Quanto prima si ricorre alla contraccezione d’emergenza tanto maggiori sono le probabilità che sia efficace.

Le opzioni disponibili per la contraccezione di emergenza comprendono farmaci assunti per via orale e un dispositivo intrauterino (IUD) di rame. I farmaci (le cosiddette pillole del giorno dopo) comprendono levonorgestrel, ulipristal acetato e contraccettivi orali combinati (estrogeno più levonorgestrel). Inibiscono o ritardano l’ovulazione. Sono usati più comunemente come contraccezione d’emergenza rispetto agli IUD, anche se il dispositivo intrauterino di rame è la forma più efficace di contraccezione d’emergenza. Lo IUD di rame impedisce l’impianto nell’utero dell’ovulo fecondato.

  • Inserimento di uno IUD di rame: per essere efficace il dispositivo deve essere inserito entro cinque giorni dal rapporto non protetto. La probabilità di una gravidanza dopo l’inserimento dello IUD è dello 0,1%, identica a quella dello IUD utilizzato per la normale contraccezione. Inoltre, dopo l’inserimento, lo IUD può essere lasciato in sede come contraccezione continua fino a dieci anni. L’efficacia dello IUD di rame come contraccezione d’emergenza non è influenzata dal peso. Pertanto, lo IUD di rame è il metodo preferito per la contraccezione d’emergenza delle donne obese che desiderano fortemente evitare la gravidanza,.

  • Ulipristal acetato: se ne prende una sola dose, è più efficace del levonorgestrel e deve essere assunto entro cinque giorni (120 ore) dal rapporto non protetto. Le possibilità di una gravidanza sono dell’1,5% circa. Ulipristal acetato è più efficace di levonorgestrel nelle donne obese, ma l’obesità riduce la sua efficacia. È necessaria la prescrizione.

  • Levonorgestrel: è utilizzato più comunemente. Si tratta di un progestinico, spesso assunto in dosi minori per la contraccezione. Viene somministrato per via orale, in una dose seguita da un’altra a distanza di 12 ore, oppure in un’unica dose più massiccia. Le possibilità di una gravidanza sono del 2-3% circa. Tuttavia, la contraccezione di emergenza con levonorgestrel può essere meno efficace nelle donne obese. La dose è più efficace se assunta il prima possibile. Deve essere assunta entro 5 giorni (120 ore) dal rapporto non protetto (anche se è meno efficace se assunta dopo 3 giorni). Le compresse sono disponibili senza prescrizione (da banco) per le donne di tutte le età che abbiano avuto un rapporto sessuale non protetto.

  • Contraccettivi orali combinati: Si può utilizzare un contraccettivo orale combinato (estrogeno più levonorgestrel), ma è molto meno efficace di levonorgestrel o di ulipristal acetato. Se ne prendono due compresse seguite da altre due a distanza di 12 ore. Contiene una dose elevata di estrogeni e spesso causa nausea e talvolta vomito. I medici possono raccomandare farmaci che impediscono tali sintomi.

Un altro metodo (chiamato metodo Yuzpe) consiste in una combinazione di etinilestradiolo (una forma di estrogeno) e levonorgestrel. Vengono assunte due compresse, seguite da due altre compresse 12 ore più tardi, ma entro 72 ore dal rapporto non protetto. La alte dosi di estrogeni spesso causano nausea e possono causare vomito. Questo metodo è meno efficace rispetto ad altri metodi ed è utilizzato solo quando le donne non hanno accesso ad altri metodi.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Ecografia fetale
Video
Ecografia fetale
L’ecografia durante la gravidanza ha lo scopo di valutare il feto: si osserva il cuore, che...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Contenuto della pelvi femminile
Modello 3D
Contenuto della pelvi femminile

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE