Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Idrosadenite suppurativa

Di

Jonette E. Keri

, MD, PhD, University of Miami, Miller School of Medicine

Ultima revisione/verifica completa lug 2020| Ultima modifica dei contenuti lug 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

L’idrosadenite suppurativa è un’infiammazione dei follicoli piliferi nella cute sotto le braccia, all’inguine e intorno ai capezzoli e all’ano, con conseguente cicatrizzazione, infiammazione e accumuli dolorosi di pus sottopelle.

  • La causa dell’idrosadenite suppurativa non è nota.

  • Sulla pelle si formano protuberanze simili a quelle dell’acne, seguite da ascessi dolorosi e fistole.

  • Per diagnosticare l’idrosadenite suppurativa, i medici esaminano la pelle.

  • Il trattamento dipende dalla gravità ma può includere creme applicate sulla pelle, antibiotici e altri farmaci assunti per via orale, nonché procedure chirurgiche.

L’idrosadenite suppurativa si sviluppa in alcune persone dopo la pubertà, quando i follicoli piliferi (i pori della pelle in cui crescono i peli) sotto le braccia, all’inguine e intorno ai capezzoli e all’ano sono cronicamente ostruiti e si infiammano. I follicoli piliferi possono gonfiarsi e formare protuberanze dall’aspetto simile a quello dell’acne. Le cause di tale ostruzione sono sconosciute, ma si esclude un’associazione con una scarsa igiene, l’impiego di deodoranti o polveri o la depilazione ascellare.

L’ostruzione determina il rigonfiamento e la rottura dei follicoli piliferi, inducendo, a volte, infezioni da parte di vari batteri. Gli ascessi (sacche piene di pus) che ne derivano sono sensibili, dolorosi, emanano cattivo odore, possono crescere in profondità nella pelle e tendono a recidivare dopo la guarigione. Quando gli ascessi guariscono e si ripresentano ripetutamente, la pelle dell’area diventa spessa e cicatrizzata. Spesso si formano canali permanenti (definiti fistole) tra l’ascesso e la superficie della pelle e il pus drenante.

L’idrosadenite suppurativa può provocare soltanto pochi ascessi ed essere leggera, oppure può causare molti ascessi e fistole ed essere grave. L’idrosadenite suppurativa può incidere sulla qualità della vita di una persona perché provoca dolore e perché il cattivo odore può essere imbarazzante.

Diagnosi dell’idrosadenite suppurativa

  • Esame cutaneo

  • Coltura degli ascessi

Gli ascessi dell’idrosadenite suppurativa sono simili ai comuni ascessi cutanei. I medici basano la diagnosi su un esame della pelle, rilevando la sede delle protuberanze e degli ascessi e determinando se guariscano e si ripresentino spesso.

Trattamento dell’idrosadenite suppurativa

  • Dipende dalla gravità

Per i casi lievi di idrosadenite suppurativa, si iniettano corticosteroidi nell’area e si prescrivono antibiotici, come la tetraciclina, la minociclina, l’eritromicina o la clindamicina, da assumere per bocca (per via orale) per circa 7-10 giorni. Inoltre, vengono prescritte creme a base di clindamicina e resorcinolo da applicare sulla pelle (per via topica) e occorre detergere l’area con perossido di benzoile. Tutti questi farmaci possono essere usati insieme o singolarmente.

Per i casi moderati di idrosadenite suppurativa, vengono prescritti gli stessi antibiotici orali dei casi lievi e talvolta rifampicina (un altro antibiotico orale), ma per un periodo più lungo (da 2 a 3 mesi). Potrebbe prescrivere alle donne farmaci che bloccano gli effetti degli ormoni sessuali maschili, come i contraccettivi orali, lo spironolattone o la finasteride. Il medico può incidere gli ascessi per consentire il drenaggio del pus. Le fistole vengono aperte e drenate.

Per i casi gravi di idrosadenite suppurativa, il medico prescrive infliximab (per via endovenosa) o adalimumab (per iniezione sottocutanea) per ridurre l’infiammazione. L’isotretinoina o l’acitretina (per via orale), assunte per diversi mesi, possono ridurre l’infiammazione. Se il disturbo persiste, il medico asporta l’area interessata e quindi ripara la pelle o effettua un innesto cutaneo. Inoltre, è possibile ricorrere al trattamento laser Utilizzo del laser nel trattamento dei problemi cutanei Le macchie a vino porto sono anomalie della colorazione cutanea piatte, rosee, rosse o purpuree, presenti alla nascita e dovute a malformazione dei vasi sanguigni. (Vedere anche Panoramica sulle... maggiori informazioni Utilizzo del laser nel trattamento dei problemi cutanei per rimuovere la pelle o i peli danneggiati.

Anche se la buona igiene della pelle e la delicatezza nel trattare la pelle non curano il disturbo, tutte le persone affette da idrosadenite suppurativa dovrebbero seguire tali regole. Avvalersi di un supporto psicologico ed evitare una dieta ricca di carboidrati e zuccheri semplici o raffinati (dieta ad alto indice glicemico Indice glicemico Carboidrati, proteine e grassi apportano il 90% del peso secco della dieta e il 100% dell’energia. Tutti e tre forniscono energia (misurata in calorie), ma cambia la quantità di energia prodotta... maggiori informazioni ), nonché perdere peso, può aiutare.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
ALTRI ARGOMENTI IN QUESTO CAPITOLO
Metti alla prova la tua conoscenza
Emangiomi
Quale delle seguenti affermazioni riguardo agli emangiomi è corretta?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE