Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Punture di trigone

Di

Robert A. Barish

, MD, MBA, University of Illinois at Chicago;


Thomas Arnold

, MD, Department of Emergency Medicine, LSU Health Sciences Center Shreveport

Ultima revisione/verifica completa mag 2020| Ultima modifica dei contenuti mag 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

I trigoni (pastinaca comune) sono dotati di aculei contenenti veleno situati sul dorso della coda. La lesione avviene in genere quando un soggetto inciampa in un trigone (spesso sepolto nella sabbia) mentre cammina nell’acqua di mare poco profonda. Il trigone infila l’aculeo della coda nel piede o nella gamba della vittima, rilasciando il veleno. Frammenti del rivestimento dell’aculeo possono rimanere nella ferita aumentando il rischio di infezione.

La ferita di solito è frastagliata e sanguina spontaneamente. Il dolore è immediato e forte, ma diminuisce gradualmente nell’arco di 6-48 ore. I primi sintomi sono episodi sincopali, debolezza, nausea e ansia; vomito, diarrea, sudorazione, crampi generalizzati, respiro affannoso e morte sono sintomi più rari.

Trattamento

  • Inizialmente lavaggio con acqua salata

  • Trattamento medico della ferita e rimozione dei frammenti dell’aculeo

La prima assistenza per lesioni da puntura di trigone a un braccio o una gamba consiste in un delicato lavaggio con acqua salata nel tentativo di rimuovere i frammenti dell’aculeo caudale, che va rimosso solo se si trova sulla superficie cutanea e non penetra nel collo, nel torace o nell’addome. Il sanguinamento abbondante può esser rallentato esercitando una pressione diretta.

Al pronto soccorso, i medici esaminano la ferita e rimuovono i frammenti dell’aculeo. Può essere necessaria un’iniezione antitetanica. L’arto leso deve essere tenuto sollevato per parecchi giorni. In qualche caso è necessaria la terapia antibiotica ed eventualmente la chiusura chirurgica della ferita.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE