Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Lesione assonale diffusa

Di

James E. Wilberger

, MD, Drexel University College of Medicine;


Gordon Mao

, MD, Johns Hopkins University

Ultima revisione/verifica completa dic 2019| Ultima modifica dei contenuti dic 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

La lesione assonale diffusa consiste in un danno diffuso a carico degli assoni, una parte delle cellule nervose, cerebrali.

Le cellule nervose rilasciano gli impulsi nervosi attraverso una loro parte detta assone. Nella lesione assonale diffusa gli assoni del cervello sono danneggiati.

Typical Structure of a Nerve Cell

La cellula nervosa (neurone) è costituita da un grande corpo cellulare e da fibre nervose, tra cui un prolungamento allungato (assone), per inviare gli impulsi, e varie diramazioni (dendriti), per riceverli.

Typical Structure of a Nerve Cell

Abitualmente, la lesione assonale diffusa è dovuta a una caduta o un incidente stradale. La lesione assonale diffusa può manifestarsi nella sindrome del bambino scosso, in cui un bambino viene scosso o spinto con violenza causando un trauma cranico. Una possibile conseguenza della lesione assonale diffusa è la morte delle cellule cerebrali, che comporta edema cerebrale con aumento della pressione all’interno del cranio (pressione endocranica), che può aggravare la lesione per la riduzione dell’apporto di sangue al cervello.

Generalmente la lesione assonale diffusa provoca perdita di coscienza per almeno 6 ore e talvolta comporta altri sintomi di danno cerebrale. L’aumento della pressione endocranica può portare al coma.

Per la diagnosi di lesione assonale diffusa si esegue una tomografia computerizzata (TC) o una risonanza magnetica per immagini (RMI).

Il trattamento della lesione assonale diffusa è simile a quello di altre lesioni craniche. Ad esempio, i medici si assicurano che la respirazione e la pressione sanguigna siano adeguate e adottano misure per impedire che la pressione endocranica aumenti eccessivamente.

La chirurgia non aiuta.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE