Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Lesione epatica

Di

Philbert Yuan Van

, MD, Oregon Health and Science University

Ultima revisione/verifica completa dic 2019| Ultima modifica dei contenuti dic 2019
per accedere alla Versione per i professionisti

Una lesione epatica si caratterizza in diversi modi principali:

  • Provoca sensibilità e dolore nell’addome, talvolta con irradiamento alla spalla.

  • Gli esami per individuare la lesione epatica sono la tomografia computerizzata (TC) o l’ecografia.

  • Spesso le lesioni del fegato guariscono senza trattamento, mentre a volte è necessario un intervento chirurgico per riparare la lesione o asportare parte del fegato.

Cause

Il fegato può subire danni a causa di un impatto (ad esempio in un incidente stradale) o di un trauma penetrante (come una ferita da arma bianca o da fuoco). Le lesioni epatiche variano da raccolte di sangue (ematomi) relativamente limitate ad ampie lacerazione profonde. Poiché il fegato è irrorato da molti vasi sanguigni di grosso calibro, il problema principale conseguente a una lesione epatica è l’emorragia grave. Pressoché tutte le emorragie dovute a una lesione epatica si verificano nella cavità addominale.

Sintomi

Una lesione epatica con emorragia grave produce i sintomi dello shock, tra cui frequenza cardiaca e respirazione accelerate, e cute fredda e sudata, pallida o bluastra. Inoltre si avverte anche dolore e sensibilità addominale a causa dell’irritazione ai tessuti addominali provocata dal sangue. In caso di emorragia grave, l’addome può risultare gonfio.

Diagnosi

  • Esami di diagnostica per immagini del fegato

  • Talvolta intervento chirurgico

Gli esami per individuare la lesione epatica sono la tomografia computerizzata (TC) o l’ecografia. Talvolta, è necessario intervenire chirurgicamente per determinare l’entità della lesione e bloccare l’emorragia.

Trattamento

  • Gestione dell’emorragia interna

Alcune volte le lesioni epatiche guariscono senza trattamento. Tuttavia, l’ospedalizzazione e la stretta osservazione sono obbligatorie per garantire che l’emorragia non peggiori. Talvolta i medici somministrano trasfusioni di sangue. Se l’emorragia peggiora o non si arresta abbastanza presto, i medici dapprima tentano di sigillare i vasi sanguinanti senza chirurgia, inserendo un sottile catetere in plastica attraverso l’inguine fino al fegato, quindi iniettano sostanze sigillanti per chiudere i vasi. Se questa procedura non ferma l’emorragia si passa alla chirurgia. Se l’emorragia risulta grave sin dall’inizio, si procede al più presto con l’intervento chirurgico in quanto, in tali casi, la sigillatura non chirurgica dei vasi sanguigni raramente è efficace.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

ALTRI ARGOMENTI IN QUESTO CAPITOLO

Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Malattia da altitudine
Anche se gli effetti dell’alta quota variano notevolmente da persona a persona, il rischio è generalmente aumentato da quale dei seguenti fattori?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE