Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link
I fatti in Breve

Iperemesi gravidica

Di

The Manual's Editorial Staff

Ultima revisione/verifica completa giu 2021| Ultima modifica dei contenuti giu 2021
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottenere tutti i dettagli

Cos’è l’iperemesi gravidica?

  • L’iperemesi gravidica è un vomito eccessivo durante la gravidanza

  • Il vomito è tale da provocare un calo ponderale e la disidratazione (insufficienza di acqua o altri fluidi nell’organismo)

Il vomito in gravidanza è comune. Viene spesso chiamato “nausea mattutina”. La nausea mattutina genera fastidio, ma la gestante continua ad aumentare di peso e a rimanere idratata. I medici non sanno per certo i motivi del vomito grave.

  • L’iperemesi gravidica è diversa dalla comune nausea mattutina, essendo molto più grave

  • È necessario somministrare liquidi per via e.v. (direttamente in vena) e di solito farmaci per fermare il vomito

  • Di solito, l’iperemesi gravidica si interrompe dopo 16-18 settimane di gestazione

  • Se dura per lungo tempo o è molto grave, può provocare problemi di fegato

Come si determina la presenza di iperemesi gravidica?

Come si tratta l’iperemesi gravidica?

  • Ricovero in ospedale

  • Il medico somministra liquidi per via e.v. direttamente in vena

  • Di solito si rimane in ospedale per ricevere ulteriori fluidi per via e.v. e farmaci per aiutare a fermare il vomito

  • Dopo aver fermato il vomito, si ricevono liquidi da bere e piccole quantità di cibo insipido da mangiare

  • Se il vomito ricomincia, la procedura ricomincia di nuovo

Raramente, se la madre continua a vomitare e perde peso, l’alimentazione può essere somministrata attraverso una sonda. La sonda viene inserita attraverso il naso e lungo la gola fino all’addome.

Se il vomito continua e la madre perde peso e ha anche problemi epatici, si può valutare l’interruzione della gravidanza. Si può discutere questa opzione con il medico.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
PARTE SUPERIORE