Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso
I fatti in Breve

Paralisi cerebrale

Di

The Manual's Editorial Staff

Ultima revisione/verifica completa mag 2018| Ultima modifica dei contenuti mag 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottenere tutti i dettagli

Che cos’è la paralisi cerebrale?

Cerebrale è il termine medico relativo al cervello. La paralisi è un problema di movimento dei muscoli.

La paralisi cerebrale (cerebral palsy, CP) è una patologia del cervello che interessa i muscoli, rendendoli rigidi e difficili da muovere.

  • La CP è causata da danno cerebrale verificatosi prima, durante o subito dopo il parto

  • I problemi muscolari possono essere lievi (rigidità o goffaggine) o gravi (incapacità totale di camminare o muovere alcuni muscoli)

  • La maggior parte dei bambini affetti da CP sopravvive fino all’età adulta

  • Non esistono cure

  • Il trattamento può alleviare i sintomi

Qual è la causa della CP?

La CP è provocata da un danno alla parte del cervello che controlla i muscoli. Talvolta sono danneggiate anche altre parti del cervello del bambino.

Alcuni bambini nascono con danno cerebrale, che può essere causato da:

  • Infezioni della madre durante la gravidanza

  • Un problema genetico del bambino

Altre volte il cervello del bambino viene danneggiato durante o subito dopo il parto. Il danno è talvolta causato da:

  • Mancanza di ossigeno durante il parto

  • Infezioni del bambino dopo la nascita

  • Grave malattia del bambino nel primo anno di vita

I bambini nati pretermine (prematuri) e con un basso peso alla nascita presentano maggiori probabilità di avere danni al cervello che possono provocare paralisi cerebrale.

Quali sono i sintomi della CP?

I bambini possono presentare:

  • braccia e gambe rigide e deboli

  • problemi di deambulazione o essere totalmente incapaci di camminare

  • problemi di linguaggio

  • occhi storti, pigri o ballerini (strabismo) e altri problemi della vista

  • problemi di deglutizione

  • movimenti a scatti incontrollabili

Questi problemi possono variare da lievi a molto gravi. I bambini con problemi lievi possono semplicemente sembrare goffi, mentre quelli con problemi gravi possono non essere in grado di camminare o persino di inghiottire il cibo.

I bambini con danni in altre parti del cervello possono anche avere problemi di udito, di apprendimento o di comportamento.

Come viene diagnosticata la CP del bambino?

I medici possono sospettare la CP se il bambino:

  • impara tardi a camminare

  • sviluppa tardi altre competenze

  • ha meno di due anni e presenta muscoli rigidi e deboli e (cosiddetta spasticità)

Il medico di solito esegue una RMI del cervello del bambino per controllare la presenza di alcune anomalie. Una RMI è una scansione che mostra immagini dettagliate. Tuttavia, nessun esame può indicare con certezza la presenza di CP.

Come si tratta la CP?

Non esistono cure per la CP. Tuttavia, il medico e il terapista possono raccomandare molti modi per aiutare il bambino a muoversi meglio, fra cui:

  • tutori per braccia o gambe per aiutare a controllare i muscoli e a camminare

  • fisioterapia per rafforzare e rilassare i muscoli

  • terapia occupazionale per imparare a svolgere le attività quotidiane, come lavarsi i denti, usare una forchetta o pettinarsi

  • logoterapia per aiutare a rendere più chiaro l’eloquio e imparare a inghiottire più facilmente

  • farmaci per aiutare a rilassare i muscoli

Il bambino può assumere farmaci per via orale per aiutare a rilassare i muscoli. Talvolta i medici iniettano Botox® nei muscoli del bambino per farli rilassare. Se un muscolo è così rigido da impedire al bambino di muovere del tutto un braccio o una gamba, si può tentare un trattamento chirurgico, che prevede l’incisione o l’allungamento del tendine che collega il muscolo irrigidito all’osso.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE