Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso
I fatti in Breve

Ascesso dentale

(ascesso dentale)

Di

The Manual's Editorial Staff

Ultima revisione/verifica completa apr 2018| Ultima modifica dei contenuti apr 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottenere tutti i dettagli
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Cos’è un ascesso dentale?

Un ascesso è una raccolta di pus. Il pus è una miscela di globuli bianchi, tessuto morto e batteri. Si accumula dove l’organismo combatte un’infezione.

Un ascesso dentale è un ascesso che si forma attorno alla radice di un dente. Un ascesso grave può diffondersi alle gengive, alle guance o alla mandibola.

Quali sono le cause degli ascessi dentali?

Un ascesso dentale è causato da batteri che arrivano alla polpa del dente o nella gengiva che circonda il dente. La polpa può diventare infetta in presenza di una carie profonda o di un dente fessurato.

L’organismo attacca l’infezione con un gran numero di globuli bianchi. Le cellule di globuli bianchi morte diventano il pus che forma l’ascesso.

Dente

Dente

Quali sono i sintomi di un ascesso dentale?

Un ascesso dentale provoca:

  • Costante dolore che peggiora masticando

  • Sensibilità a cibi caldi o freddi

  • Gonfiore delle gengive

  • a volte, febbre

  • A volte, gonfiore della mandibola, del pavimento della bocca o delle guance

  • Talvolta, difficoltà ad aprire la bocca o a inghiottire

Alla fine l’ascesso può rompersi, lasciando fuoriuscire il pus.

Come si tratta un ascesso dentale?

I dentisti somministrano analgesici e antibiotici e trattano l’ascesso:

  • Drenando il pus con un intervento chirurgico o mediante un canale radicolare

Il canale radicolare è una procedura dentistica per rimuovere la polpa dal dente. Il dentista quindi riempie e sigilla il canale del dente.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE