Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Tendinosi del tibiale posteriore e tenosinovite del tibiale posteriore

Di

Kendrick Alan Whitney

, DPM, Temple University School of Podiatric Medicine

Ultima revisione/verifica completa dic 2019| Ultima modifica dei contenuti dic 2019
per accedere alla Versione per i professionisti

La tendinosi del tibiale posteriore consiste nell’usura e lacerazione del tendine che passa dietro e intorno alla parte interna della caviglia (detto tendine tibiale posteriore). La tenosinovite è un’infiammazione del rivestimento protettivo intorno al tendine (chiamato guaina tendinea).

  • Il tendine tibiale posteriore può subire danni o infiammarsi.

  • Vengono avvertiti vari gradi di dolore attorno alla caviglia.

  • La diagnosi si basa di solito sui sintomi, sull’esame obiettivo e, a volte, su esami di diagnostica per immagini.

  • A seconda del disturbo, ortesi e trattamento chirurgico o terapia per alleviare i sintomi dell’infiammazione possono aiutare.

Il tendine tibiale posteriore aiuta a mantenere il normale inarcamento del piede.

La causa più comune di tendinosi del tibiale posteriore è un eccessivo stiramento continuo causato da un problema di movimento della caviglia. Il più delle volte, i soggetti presentano un’arcata ridotta e il piede tende a ruotare verso l’esterno quando si cammina, spesso perché la persona è sovrappeso. La disfunzione del tendine può contribuire ulteriormente ad appiattire l’arcata. Il tendine può lacerarsi, a volte in modo improvviso, in un soggetto giovane.

La tenosinovite del tibiale posteriore inizia con un’improvvisa infiammazione della guaina tendinea. Il tendine può essere colpito da disturbi infiammatori come artrite reumatoide o gotta.

Sintomi

Inizialmente, i soggetti con tendinosi del tibiale posteriore avvertono dolore occasionale dietro la caviglia interna. A volte il dolore diventa grave ed è accompagnato da gonfiore. Diventa più difficile stare in piedi e camminare normalmente. È molto doloroso mettersi in punta di piedi, se non addirittura impossibile se il tendine è completamente lacerato. Se il tendine si lacera completamente, il piede può appiattirsi improvvisamente (condizione chiamata collasso) e si può avvertire dolore all’interno della pianta del piede.

Nella tenosinovite del tibiale posteriore di solito il dolore si sviluppa improvvisamente, e il tendine può apparire spesso e gonfio attorno all’osso sporgente interno della caviglia (malleolo mediale).

Diagnosi

  • Visita medica

  • Talvolta risonanza magnetica per immagini (RMI)

I medici spesso sono in grado di formulare una diagnosi in base ai sintomi del paziente e ai riscontri dell’esame obiettivo. Tuttavia, a volte è necessaria una RMI per confermare la diagnosi e per identificare l’entità del danno al tendine.

Trattamento

  • In caso di tendinosi del tibiale posteriore, ortesi e apparecchi ortodontici o trattamento chirurgico

  • In caso di tenosinovite posteriore, terapia antinfiammatoria

In caso di tendinosi del tibiale posteriore solitamente è sufficiente inserire un dispositivo nella scarpa (ortesi) o utilizzare tutori per la caviglia con calzature che offrano un buon sostegno o stivali. Lacerazioni complete sono trattate chirurgicamente in modo che le persone possano funzionare di nuovo normalmente. L’intervento chirurgico è particolarmente importante nei soggetti giovani e attivi con lacerazioni che si sviluppano improvvisamente.

In caso di tenosinovite del tibiale posteriore vengono utilizzati riposo e farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS).

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Osteomielite
L’osteomielite è un’infezione dell’osso causata in genere da batteri, micobatteri o funghi. Quale dei seguenti gruppi ha il minore rischio di sviluppare osteomielite?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE