Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Fasciosi plantare

(Plantar Fasciitis)

Di

Kendrick Alan Whitney

, DPM, Temple University School of Podiatric Medicine

Ultima revisione/verifica completa dic 2019| Ultima modifica dei contenuti dic 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
I fatti in Breve
Risorse sull’argomento

La fasciosi plantare è un dolore che ha origine nella fascia densa di tessuto chiamata fascia plantare, che si estende dal fondo del tallone fino alla base delle dita (metatarso).

  • Il tessuto connettivo fra il tallone e il metatarso può danneggiarsi e diventare dolente.

  • Il dolore, che peggiora solitamente la prima volta che si porta un peso la mattina e dopo periodi di riposo, si manifesta sul fondo del tallone.

  • La diagnosi si basa sull’esame del piede e su esami di diagnostica per immagini.

  • Può aiutare fare esercizi di stretching, applicare ghiaccio, cambiare calzature, utilizzare dispositivi all’interno delle scarpe che proteggano, sostengano e sollevino il tallone e talvolta praticare iniezioni di corticosteroidi.

La fascia plantare collega le ossa del fondo del tallone al metatarso ed è indispensabile per camminare, correre e dare elasticità al piede.

La fasciosi plantare viene a volte definita fascite plantare. Tuttavia, il termine fascite plantare è sbagliato. Il termine fascite indica un’infiammazione della fascia, ma la fasciosi plantare è un disturbo dovuto alle sollecitazioni ripetute sulla fascia piuttosto che alla sua infiammazione.

Altri termini utilizzati per descrivere la fasciosi plantare sono entesopatia calcaneare e sindrome dello sperone calcaneare (spina calcaneare, Che cos’è una spina calcaneare?). Una spina calcaneare è costituita da un’eccessiva crescita ossea sull’osso del tallone. È causata a lungo andare da una combinazione di maggiore trazione sulla fascia e disfunzione del piede. Tuttavia, una spina calcaneare non è necessariamente presente. Spesso, una sollecitazione eccessiva provoca una piccola lacerazione della fascia plantare. La fasciosi plantare è una delle cause più comuni di dolore al tallone.

La fasciosi plantare può svilupparsi nei soggetti con uno stile di vita sedentario, che indossano scarpe con tacco alto, con un’arcata plantare particolarmente alta o bassa o con tensione del muscolo del polpaccio o del tendine di Achille (che collega i muscoli del polpaccio all’osso del tallone). I soggetti sedentari vengono solitamente colpiti quando aumentano improvvisamente il loro livello di attività o quando indossano scarpe con meno sostegni, quali sandali o ciabatte. La fasciosi plantare è comune anche nei podisti e nei ballerini, a causa della maggiore sollecitazione della fascia, in particolare se il soggetto presenta anche una postura sbagliata del piede. Lo sviluppo di questo disturbo doloroso si produce, il più delle volte, nei soggetti che stanno in piedi o camminano su superfici dure per lunghi periodi.

I disturbi che possono causare o aggravare la fasciosi plantare sono l’obesità, l’artrite reumatoide e altri tipi di artrite. Troppe iniezioni di corticosteroidi possono contribuire allo sviluppo di fasciosi plantare danneggiando la fascia o il cuscinetto di grasso sotto il tallone.

Sintomi

Nei soggetti che soffrono di fasciosi plantare, il dolore si può localizzare in un punto qualsiasi della fascia plantare ma, più frequentemente, alla sua giunzione con l’osso del tallone. Il soggetto avverte spesso un dolore molto intenso con il carico di peso, specialmente quando sottopone a carico il piede nell’alzarsi di mattina. Il dolore diminuisce temporaneamente entro 5-10 minuti, ma può ripresentarsi successivamente durante la giornata. Peggiora spesso quando si spinge sul tallone (camminando o correndo) e dopo periodi di riposo. In questo caso, il dolore si irradia dal fondo del tallone verso le dita. Alcuni soggetti soffrono di un dolore bruciante e pungente lungo il bordo interno della pianta del piede quando camminano.

Che cos’è una spina calcaneare?

Una spina calcaneare è costituita da un’eccessiva crescita ossea sull’osso del tallone (calcagno). Compare quando la fascia plantare, il tessuto connettivo che si estende dal fondo del tallone alla base delle dita (metatarso), esercita una trazione eccessiva sul calcagno. La spina può provocare dolore nel momento in cui si forma, ma è meno dolorosa quando il piede vi si abitua. Non tutte le spine calcaneari causano sintomi. Quando la spina calcaneare causa sintomi, la maggior parte di questi può essere trattata senza chirurgia.

Che cos’è una spina calcaneare?

Diagnosi

  • Esame obiettivo del piede da parte di un medico

  • Talvolta radiografie

Il medico può formulare la diagnosi di fasciosi plantare dopo aver esaminato il piede. La diagnosi viene confermata se le persone avvertono sensibilità nel punto in cui la fascia plantare si inserisce nel calcagno.

Le radiografie possono individuare la presenza di una spina calcaneare sporgente dal bordo anteriore inferiore del calcagno. Tuttavia, i soggetti che soffrono di fasciosi plantare spesso non presentano una spina calcaneare, e la maggior parte dei pazienti con spine calcaneari non manifesta dolore, quindi la presenza di una spina calcaneare non conferma necessariamente la fasciosi plantare e non significa che la spina calcaneare debba essere trattata.

Possono essere condotti altri esami diagnostici, come la risonanza magnetica per immagini (RMI) se il medico sospetta che la fascia del paziente sia lacerata.

Trattamento

  • Stretching, ortesi e stecche notturne

Per alleviare il dolore e le sollecitazioni sulla fascia, il soggetto può fare passi più corti ed evitare di camminare a piedi nudi. Si devono evitare le attività che comportano impatto sul piede, come la corsa. Potrebbe essere necessario perdere peso. Spesso, gli esercizi di allungamento dei muscoli del polpaccio e del piede possono accelerare la guarigione. Le ortesi (dispositivi sintetici posizionati nella scarpa) possono aiutare a proteggere, sostenere e sollevare il tallone.

La fisioterapia e l’applicazione di una stecca durante la notte aiutano ad allungare il muscolo del polpaccio e la fascia durante il riposo a letto.

Altre misure necessarie possono comprendere: l’uso di strapping (applicazione di fasce elastiche adesive) o bendaggi di sostegno dell’arcata plantare, il massaggio a freddo e con ghiaccio, la somministrazione di farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) e, occasionalmente, le iniezioni di corticosteroidi nel tallone. Le iniezioni di corticosteroidi sono normalmente somministrate non più di alcune volte, altrimenti possono peggiorare il disturbo.

Se queste misure non sono utili, si possono prescrivere corticosteroidi per via orale e può essere applicato un gesso. Se i sintomi continuano comunque, può essere necessario il trattamento chirurgico per alleviare parzialmente la pressione sulla fascia e rimuovere le spine calcaneari se sembrano contribuire al dolore.

Un nuovo trattamento, chiamato terapia extracorporea con attivazione pulsata (extracorporeal pulse activation therapy, EPAT), prevede l’uso di un dispositivo per applicare onde acustiche di pressione al tallone. Le onde di pressione stimolano la circolazione del sangue, che può aiutare la guarigione.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Metti alla prova la tua conoscenza

Dolore articolare: articolazione singola
Gli esami del sangue vengono eseguiti per aiutare a formulare una diagnosi o per escludere quale delle seguenti cause di dolore a una singola articolazione?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE