Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Problemi di sonno nei bambini

Di

Stephen Brian Sulkes

, MD, Golisano Children’s Hospital at Strong, University of Rochester School of Medicine and Dentistry

Ultima modifica dei contenuti dic 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

Nella maggior parte dei casi, i problemi di sonno nei bambini sono intermittenti, durano brevi periodi e spesso non è necessario alcun trattamento.

Sonno fisiologico

La maggior parte dei bambini dorme almeno 5 h/die entro i 3 mesi di vita, ma ci possono essere dei periodi, spesso associati a malattie intercorrenti, in cui il bambino rimane sveglio per più tempo durante la notte. Con lo sviluppo, la quantità di movimenti oculari rapidi (REM) del sonno aumenta, con transizioni sempre più complesse tra le diverse fasi del sonno. Per la maggior parte delle persone, il sonno non-REM predomina all'inizio della notte, con fasi REM in aumento con il progredire della notte. Per questo motivo, i fenomeni legati alle fasi non-REM si raggruppano all'inizio della notte mentre i fenomeni delle fasi REM si verificano più tardi. La distinzione tra i fenomeni che avvengono durante il sonno (fasi REM e non-REM) e i comportamenti in veglia può aiutare il trattamento diretto.

È importante determinare se i genitori considerano il fatto che il bambino dorma con loro come un problema, perché vi sono molte differenze culturali riguardo alle abitudini del dormire (1). L'American Academy of Pediatrics 2016 recommendations on safe sleeping environment suggeriscono che i bambini dormano nella stessa stanza dei genitori ma non nello stesso letto; questo è pensato per diminuire il rischio di morte improvvisa del lattante.

Incubi notturni

Gli incubi sono sogni terrificanti e si verificano durante il sonno REM. Un bambino che ha avuto un incubo può, una volta sveglio, ricordare completamente e vividamente i dettagli del sogno. Gli incubi non sono un motivo di allarme, tranne nei casi in cui si verificano molto spesso. Gli incubi possono verificarsi più di frequente durante i periodi di stress o anche quando il bambino ha visto un film o un programma televisivo con contenuti spaventosi. Se gli incubi si verificano spesso, i genitori possono tenere un diario per vedere se sono in grado di identificare la causa scatenante.

Pavor nocturnus e sonnambulismo

Per pavor nocturnus (o terrore notturno) si intendono gli episodi di risveglio parziale da un sonno non-REM, caratterizzati da uno stato di intensa ansia, risvegli che avvengono poco dopo essersi addormentati; sono più frequenti nei bambini tra 3 e 8 anni. Il bambino grida e sembra spaventato, la frequenza cardiaca è aumentata e la respirazione è rapida. Il bambino sembra ignorare la presenza dei genitori, può dimenarsi colpendo qua e là e non risponde ai tentativi di conforto. Il bambino può parlare, ma non è in grado di rispondere alle domande. In genere, il bambino torna a dormire dopo pochi minuti. A differenza degli incubi, il bambino non può ricordare questi episodi. Gli episodi di terrore notturno possono apparire drammatici perché il bambino grida ed è inconsolabile durante gli episodi. Circa un terzo dei bambini che soffrono di terrore notturno può andare incontro anche a episodi di sonnambulismo (l'atto di alzarsi dal letto e camminare, mentre è evidentemente addormentato). Circa il 15% dei bambini tra 5 e 12 anni ha avuto almeno un episodio di sonnambulismo.

Il pavor nocturnus e il sonnambulismo tendono in genere ad autolimitarsi, nonostante in alcuni casi possano proseguire per anni. Generalmente, non è necessario alcun trattamento, ma se il disturbo persiste in adolescenza o in età adulta ed è grave, il trattamento può divenire necessario. Nei casi che richiedono un trattamento, il pavor nocturnus risponde spesso ad alcuni antidepressivi o ansiolitici. Alcune ricerche hanno mostrato che il sonno interrotto associato a movimenti periodici delle gambe spesso risponde alla terapia con integratori di ferro (2, 3), anche in assenza di anemia. Se i bambini russano, deve essere valutata l'ipotesi di un approfondimento per sospetta apnea ostruttiva nel sonno.

Rifiuto di andare a letto

I bambini, in particolare in età compresa tra 1 e 2 anni, spesso non vogliono andare a letto a causa di una sottostante ansia da separazione, mentre nei bambini più grandi il problema potrebbe essere la volontà di avere un atteggiamento ipercontrollante sull'ambiente. I bambini piccoli spesso piangono quando lasciati soli nel letto, o escono fuori e cercano i loro genitori. Un'altra comune causa di rifiuto di andare a letto è l'addormentamento tardivo. Questo problema si presenta nelle situazioni in cui i bambini sono autorizzati a stare svegli per più tempo e andare a letto più tardi del solito per un numero di notti sufficienti a modificare il loro orologio interno. Può essere difficile in questi casi tornare all'orario precedente, ma un breve ciclo con un farmaco antistaminico da banco o la melatonina può aiutare i bambini a ripristinare il loro orologio biologico.

È sconsigliabile che i genitori rimangano in camera con il bambino troppo a lungo per confortarlo o gli permettano di alzarsi dal letto. In realtà, questi atteggiamenti rafforzano l'insonnia, perché i bambini cercano di riprodurre le condizioni alle quali erano abituati ad addormentarsi. Per evitare questi problemi, il genitore può sedersi tranquillamente nel corridoio in vista del bambino e assicurarsi che il bambino rimanga a letto. Il bambino apprende quindi da solo una sua routine di addormentamento e comprende che non si deve alzare dal letto. Il bambino comprende anche che i genitori sono disponibili, ma non per altre favole o giochi. Alla fine, il bambino si tranquillizzerà e si addormenterà. Può essere utile fornire al bambino un "oggetto transizionale" (come un orsacchiotto). Una piccola luce notturna, un suono in sottofondo, o entrambi possono anche essere di conforto.

Se il bambino è abituato ad addormentarsi avendo un contatto fisico con un genitore, il primo passo per stabilire una metodica di addormentamento diverso è quella di ridurre gradualmente l'intensità del contatto fisico passando da un contatto pieno a uno parziale quale tenere per mano il bambino o stare seduto accanto al letto del bambino da parte del genitore. Una volta che il bambino si è regolarmente addormentato con un genitore accanto al letto, il genitore può lasciare la stanza per tempi sempre maggiori.

Risvegli notturni

A ognuno di noi è capitato di svegliarsi più volte durante la notte. La maggior parte delle persone, tuttavia, in genere si riaddormenta spontaneamente. I bambini spesso si svegliano ripetutamente di notte, soprattutto se sono malati, o dopo un evento stressante. I disturbi del sonno possono divenire più preoccupanti nei bambini che si addormentano per lunghi pisolini nel tardo pomeriggio o sono troppo stimolati da un gioco prima di coricarsi.

Permettere al bambino di dormire con i genitori a causa del risveglio notturno rinforza tale comportamento. Possono essere controproducenti anche comportamenti come giocare o alimentare il bambino durante la notte, sculacciarlo o rimproverarlo. Solitamente la strategia più efficace è riaccompagnare il bambino a letto e rassicurarlo. Spesso può essere utile abituare il bambino a una "routine" di addormentamento, che può comprendere la lettura di una breve storia, offrire la bambola preferita o una coperta, e l'utilizzo di una piccola luce notturna (per i bambini > 3 anni). Per evitare che il bambino diventi eccessivamente eccitato, è importante che le condizioni in cui il bambino si risveglia durante la notte siano le stesse in cui il bambino si addormenta. I genitori e gli altri "caregiver" devono cercare di mantenere la stessa routine ogni notte, in modo che il bambino possa imparare cosa lo aspetta. Se i bambini sono fisicamente sani, lasciare che piangano pochi minuti potrebbe far sì che si rassicurino da soli e in questo modo si limitano i risvegli notturni. Il pianto prolungato è controproducente, in quanto i genitori potrebbero sentire il bisogno di tornare a una routine di addormentamento che preveda il contatto fisico con il bambino. Rassicurare con dolcezza il bambino mantenendolo a letto è una misura di solito efficace.

Riferimenti generali

Per ulteriori informazioni

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Circolazione del cuore prenatale
Video
Circolazione del cuore prenatale
Il cuore e il sistema circolatorio di un feto iniziano a formarsi subito dopo il concepimento...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Fibrosi cistica: difettoso trasporto di cloruro
Modello 3D
Fibrosi cistica: difettoso trasporto di cloruro

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE