Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Infezione da anchilostomi

(Anchilostomiasi)

Di

Richard D. Pearson

, MD, University of Virginia School of Medicine

Ultima modifica dei contenuti mar 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

L'anchilostomiasi è l'infezione da Ancylostoma duodenale o Necator americanus. I sintomi comprendono rash nella sede di ingresso delle larve e talvolta dolore addominale o altri sintomi gastrointestinali, durante la prima infestazione. Successivamente, può svilupparsi una carenza di ferro a causa della perdita cronica di sangue. Gli anchilostomi sono una delle maggiori cause di anemia sideropenica nelle regioni ad alta endemia. La diagnosi si basa sul riscontro di uova nelle feci. Il trattamento prevede albendazolo o mebendazolo.

La prevalenza mondiale stimata dell'infestazione da anchilostoma è pari a dai 576 ai 740 milioni di casi, soprattutto nelle aree in via di sviluppo. Sia A. duodenale che N. americanus sono ricorrenti in Africa, Asia e nelle Americhe. Solo A. duodenale è presente in Medio Oriente, Nord Africa, ed Europa meridionale. N. americanus predomina in America e Australia; un tempo era ampiamente diffuso nel sud degli Stati Uniti, ed è ancora endemica nelle isole dei Caraibi e in America centrale e meridionale.

Fisiopatologia

Entrambe le specie di anchilostomi hanno cicli vitali simili. Le uova eliminate con le feci si schiudono in 1-2 giorni (se sono state depositate in un posto caldo, umido su suolo libero) e liberano larve rabditiformi, che mutano fino a diventare larve filariformi più sottili in 5-10 giorni. Le larve possono sopravvivere 3-4 settimane se le condizioni ambientali sono favorevoli. Le larve filariformi penetrano attraverso la pelle umana, quando il soggetto cammina a piedi nudi o entra in altri modi in diretto contatto con un terreno infestato.

Le larve raggiungono i polmoni per via ematica, passano negli alveoli polmonari, risalgono l'albero bronchiale fino all'epiglottide, e vengono deglutite. Le larve maturano in adulti nell'intestino tenue; lì, aderiscono alla parete, nutrendosi di sangue. I vermi adulti possono vivere 2 anni.

La perdita ematica cronica porta ad anemia sideropenica. Lo sviluppo dell'anemia dipende dalla carica del parassita e dalla quantità di ferro assorbibile nella dieta.

Infezioni zoonotiche (animali) da anchilostomi

Le infezioni da anchilostomi zoonotici comprendono

Ancylostoma braziliense e Ancylostoma caninum sono anchilostomi che hanno come ospiti primari cani e gatti. Questi anchilostomi non possono completare il loro ciclo vitale negli esseri umani. Se le loro larve penetrano la pelle umana, esse generalmente vagano nella pelle provocando la larva migrans cutanea, piuttosto che migrare verso l'intestino.

Raramente, le larve di A. caninum migrano verso l'intestino, dove possono causare enterocolite eosinofila. Tuttavia, essi non causano una significativa perdita di sangue e anemia e poiché non maturano completamente fino alla forma adulta, non depongono le uova (rendendo la diagnosi difficile). Questa infestazione intestinale può essere asintomatica o causare dolore addominale acuto ed eosinofilia.

Sintomatologia

Le infestazioni da anchilostoma sono spesso asintomatiche. Tuttavia, un rash pruriginoso papulovescicolare (prurito da suolo) può svilupparsi nel punto di penetrazione della larva generalmente sui piedi. La migrazione di un gran numero di larve attraverso i polmoni occasionalmente causa la sindrome di Löffler, con tosse, sibili, eosinofilia, e talvolta emottisi. Durante la fase acuta, i vermi adulti presenti nell'intestino possono causare dolore epigastrico tipo colica, anoressia, flatulenza, diarrea e perdita di peso.

L'infestazione cronica grave può portare ad anemia sideropenica, che causa pallore, dispnea, debolezza, tachicardia, stanchezza e edema periferico. Nel sangue periferico è spesso presente eosinofilia di grado lieve. Nei bambini, la perdita cronica di sangue può portare a grave anemia, insufficienza cardiaca, anasarca e, nelle donne in gravidanza, a ritardo di crescita del feto.

La larva migrans cutanea si può verificare quando gli anchilostomi degli animali infettano gli esseri umani. È causato dalle larve mentre migrano attraverso la pelle ed è caratterizzato da lesioni cutanee pruriginose, eritematose e serpiginose.

Diagnosi

  • Esame microscopico delle feci

A. duodenale e N. americanus producono uova ovali a guscio sottile che si ritrovano facilmente nelle feci fresche. Sono necessarie procedure di concentrazione per diagnosticare infezioni leggere. Se le feci non vengono conservate al freddo ed esaminate entro alcune ore, le uova possono schiudersi e liberare larve che possono essere confuse con quelle di Strongyloides stercoralis.

L'eosinofilia è spesso presente in persone infettate da anchilostomi. Durante il periodo di prepatenza dell'infezione (ossia, le 5-9 settimane tra la penetrazione delle larve e la comparsa di uova nelle feci), l'eosinofilia può essere l'unica anomalia di laboratorio; l'infestazione da anchilostoma fa parte della diagnosi differenziale di eosinofilia.

Devono essere valutati lo stato nutrizionale, l'anemia e le riserve di ferro.

La diagnosi di larva migrante cutanea si basa sulle manifestazioni cliniche. Le uova non sono presenti nelle feci.

Trattamento

  • Farmaci antielmintici

Infezione intestinale da anchilostomi

L'infezione intestinale da anchilostomi viene trattata con farmaci antielmintici. Può essere utilizzato uno dei seguenti farmaci:

  • Albendazolo 400 mg per via orale come dose singola

  • Mebendazolo 100 mg per via orale 2 volte/die per 3 giorni o 500 mg per via orale in un'unica somministrazione

  • Pamoato di pyrantel 11 mg/kg (dose massima di 1 g) per via orale 1 volta/die per 3 giorni

Questi farmaci devono essere usati solo in gravidanza se i benefici superano i rischi. L'ivermectina non è efficace.

La terapia di sostegno generale e la correzione dell'anemia sideropenica sono necessarie se l'infestazione è massiva.

Larva migrans cutanea

La larva cutanea migrans è un'infezione autolimitante, ma i sintomi possono durare da 5 a 6 settimane. Il trattamento con albendazolo 400 mg per via orale 1 volta/die per 3 o 7 giorni o con ivermectina 200 mcg/kg come singola dose è risolutivo.

Prevenzione

La prevenzione della defecazione antigienica e gli accorgimenti per evitare il contatto diretto della cute con il terreno (p. es., indossando scarpe, usando barriere quando si è seduti per terra) sono misure efficaci nella prevenzione dell'infestazione, ma sono difficili da attuare in molte aree endemiche. Terapie periodiche di massa sulle popolazioni sensibili, a intervalli di 3-4 mesi, sono usate nelle aree ad alto rischio.

Il rischio di sviluppare larva migrante cutanea può essere ridotto dai i seguenti:

  • Evitare il contatto diretto della pelle con la sabbia della spiaggia o con un altro terreno potenzialmente infestati

  • Trattare gatti e cani per l'anchilostoma

Punti chiave

  • Le larve di anchilostoma penetrano attraverso la pelle, quando il soggetto cammina a piedi nudi o entra in altri modi a contatto diretto con un terreno infestato.

  • Nell'uomo, le larve degli anchilostomi Ancylostoma duodenale o Necator americanus viaggiano attraverso il flusso sanguigno ai polmoni, penetrano negli alveoli, salgono all'epiglottide, sono deglutite e poi maturano nell'intestino.

  • L'infezione può essere asintomatica, ma un rash pruriginoso può apparire sul sito di penetrazione delle larve, e il coinvolgimento polmonare può causare tosse e respiro sibilante.

  • Anche il coinvolgimento intestinale può causare un'anemia da carenza di ferro.

  • Diagnosticare tramite esame microscopico delle feci.

  • Trattare con albendazolo, mebendazolo, o pamoato di pyrantel.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica sul COVID-19
Video
Panoramica sul COVID-19
Modelli 3D
Vedi Tutto
SARS-CoV-2
Modello 3D
SARS-CoV-2

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE