Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Ascariasi

Di

Richard D. Pearson

, MD, University of Virginia School of Medicine

Ultima modifica dei contenuti mar 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

L'ascaridiosi è l'infestazione da Ascaris lumbricoides o occasionalmente Ascaris suum (un parassita strettamente legato ai maiali). Le infestazioni lievi possono essere asintomatiche. I primi sintomi sono polmonari (tosse, respiro sibilante); quelli tardivi sono gastrointestinali, con crampi o dolori addominali da ostruzione del lume intestinale (dell'intestino o dei dotti biliare e pancreatico) da parte dei vermi adulti. I bambini con infestazione cronica possono sviluppare denutrizione. La diagnosi si basa sull'identificazione delle uova o dei vermi adulti nelle feci, dei vermi adulti nel naso o nella bocca, o delle larve nell'escreato durante la fase di migrazione polmonare. Il trattamento prevede albendazolo, mebendazolo o ivermectina.

L'ascaridiosi è presente in tutto il mondo. Essa si concentra nelle zone tropicali e subtropicali con scarse condizioni igieniche. L'ascaridiosi è la più comune infestazione intestinale da elminti del mondo. La prevalenza è più alta nei bambini di età compresa tra 2 e 10 anni e diminuisce nei gruppi di età più avanzata. Le stime attuali suggeriscono che l'infezione riguardi dagli 800 milioni agli 1,2 miliardi di persone in tutto il mondo, e che l'ascariasi contribuisca alla malnutrizione in molte di queste. Inoltre, circa 2000 persone infette (soprattutto bambini) muoiono ogni anno di ostruzione intestinale o biliare.

Negli Stati Uniti, la maggior parte dei casi si verifica in rifugiati, immigrati o viaggiatori verso aree tropicali endemiche.

Gli esseri umani sono infetti da A. lumbricoides quando ingeriscono le uova, spesso presenti in alimenti contaminati da feci umane. L'infezione può anche verificarsi quando le mani o le dita contaminate vengono messe in bocca.

Gli esseri umani possono anche essere infettati da A. suum, un nematode strettamente correlato ai suini, quando ingeriscono uova dal maneggiare i suini o dal consumo di verdure poco cotte o frutta contaminata con feci di maiale.

Fisiopatologia

Le uova di A. lumbricoides ingerite si schiudono nel duodeno e le larve che ne derivano penetrano le pareti dell'intestino tenue e migrano con la circolazione portale attraverso il fegato fino al cuore e ai polmoni. Le larve si depositano nei capillari alveolari, attraversano le pareti dell'alveolo e risalgono l'albero bronchiale fino all'orofaringe. Vengono deglutite e tornano all'intestino tenue, dove si sviluppano in vermi adulti, che si accoppiano e rilasciano uova nelle feci. Il ciclo vitale si completa in circa 2-3 mesi; i vermi adulti possono vivere 1-2 anni.

In caso di infestazione massiva, una massa intricata di parassiti può occludere l'intestino, in particolare nei bambini. Vermi adulti che migrano in modo anomalo a volte ostruiscono i dotti biliare e pancreatico, causando colecistite o pancreatite; colangite, ascesso epatico e peritonite sono meno frequenti. La febbre provocata da altre malattie o da alcuni farmaci (p. es., albendazolo, mebendazolo, tetracloroetilene) può provocare una migrazione anomala.

Sintomatologia

Le larve dell'Ascaris che migrano verso i polmoni possono causare tosse, sibili e occasionalmente emottisi o altri sintomi respiratori nelle persone senza una precedente esposizione all'Ascaris.

I vermi adulti in piccolo numero, in genere, non causano sintomi gastrointestinali, nonostante il passaggio di un verme adulto dalla bocca o dal retto possa portare un paziente altrimenti asintomatico all'attenzione del medico. L'ostruzione intestinale o biliare causa dolore addominale crampiforme, nausea e vomito. L'ittero è infrequente.

Nei bambini anche infestazioni modeste portano spesso a denutrizione. La fisiopatologia non è chiara e può comprendere la competizione per i nutrienti, la riduzione dell'assorbimento e la riduzione dell'appetito.

Diagnosi

  • Esame microscopico delle feci

  • Identificazione di vermi adulti nelle feci o emergenti dal naso, dalla bocca, o dal retto

La diagnosi di ascariasi si basa sulla ricerca microscopica delle uova nelle feci o dalla presenza di vermi adulti nelle feci o emergenti dal naso o dalla bocca. Occasionalmente, le larve possono essere riscontrate nell'espettorato durante la fase polmonare, o più tardi nell'infezione, i vermi adulti possono essere visti negli studi radiografici del tratto gastrointestinale.

L'eosinofilia può essere spiccata mentre le larve migrano attraverso i polmoni ma solitamente diminuisce in seguito quando i vermi adulti si localizzano nell'intestino. La RX torace durante la fase polmonare può mostrare infiltrati, che in presenza di eosinofilia portano alla diagnosi di Sindrome di Löffler.

Trattamento

  • Albendazolo, mebendazolo o ivermectina

Tutte le infestazioni intestinali devono essere trattate.

L'albendazolo 400 mg per via orale 1 volta, il mebendazolo 100 mg per via orale 2 volte/die per 3 giorni o 500 mg per via orale 1 volta, o l'ivermectina 150-200 mcg/kg 1 volta sono efficaci. Albendazolo, mebendazolo e ivermectina possono danneggiare il feto, e il rischio di trattamento in donne incinte infettate con Ascaris deve essere bilanciato con il rischio di malattia non trattata. Prima del trattamento con ivermectina, i pazienti devono essere valutati per la coinfezione se hanno viaggiato in aree dell'Africa centrale dove è endemica poiché l'ivermectina può causare gravi reazioni nei pazienti con loiasi e alti livelli di microfilaria.

La nitazoxanide è efficace per lievi infestazioni da Ascaris ma meno efficaci per infestazioni maggiori. La piperazina, una volta ampiamente utilizzata, è stata sostituita da alternative meno tossiche.

Le complicanze ostruttive possono essere effettivamente trattate con i farmaci antielmintici o richiedono l'estrazione chirurgica o endoscopica dei vermi adulti.

Quando i polmoni sono colpiti, il trattamento è sintomatico; comprende broncodilatatori e corticosteroidi. I farmaci antielmintici tipicamente non sono usati.

Prevenzione

La prevenzione dell'ascariasi richiede misure igieniche adeguate.

Le strategie preventive comprendono

  • Lavare accuratamente le mani con acqua e sapone prima di maneggiare il cibo

  • Lavare, sbucciare e/o cucinare tutte le verdure crude e la frutta prima di mangiare

  • Non mangiare verdure crude o non lavate nelle aree in cui le feci umane vengono utilizzate come fertilizzanti

  • Non defecare all'aperto

Punti chiave

  • L'ascaridiosi è la più comune infestazione intestinale da elminti del mondo.

  • Le uova si schiudono nell'intestino, e le larve migrano prima ai polmoni e poi agli intestini, dove maturano.

  • Le larve nei polmoni possono causare tosse e sibili; masse di vermi adulti possono ostruire l'intestino e singoli vermi possono migrare e ostruire i dotti biliari o pancreatici.

  • Diagnosi all'esame microscopico delle feci; occasionalmente vermi adulti sono visti.

  • Trattare con albendazolo, mebendazolo o ivermectina; le ostruzioni possono richiedere l'estrazione chirurgica o endoscopica dei parassiti.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Panoramica sul COVID-19
Video
Panoramica sul COVID-19
Modelli 3D
Vedi Tutto
SARS-CoV-2
Modello 3D
SARS-CoV-2

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE