Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Disturbo ossessivo-compulsivo di personalità

Di

Andrew Skodol

, MD, University of Arizona College of Medicine

Ultima modifica dei contenuti dic 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

Il disturbo ossessivo-compulsivo di personalità è caratterizzato da una preoccupazione diffusa per l'ordine, il perfezionismo, e il controllo (senza spazio per la flessibilità) che in ultima analisi rallenta o interferisce con il completamento di un lavoro. La diagnosi avviene in base a criteri clinici. Il trattamento si basa sulla psicoterapia psicodinamica, sulla terapia cognitivo-comportamentale e sull'uso degli inibitori della ricaptazione della serotonina.

Poiché i pazienti con disturbo ossessivo-compulsivo di personalità hanno bisogno di avere il controllo, essi tendono a essere solitari nei loro sforzi e a diffidare dell'aiuto degli altri.

Si stima che circa dal 2,1 al 7,9% della popolazione generale abbia un disturbo ossessivo-compulsivo di personalità; è più frequente tra gli uomini.

Si ritiene che tratti familiari di compulsività, una ristretta gamma di emozioni, e il perfezionismo contribuiscano a questo disturbo.

Possono essere presenti comorbilità. I pazienti spesso hanno anche un disturbo depressivo (disturbo depressivo maggiore o disturbo depressivo persistente) o un disturbo da abuso di alcol.

Sintomatologia

I sintomi del disturbo ossessivo-compulsivo di personalità possono diminuire anche in un periodo di tempo inferiore a 1 anno, ma la loro persistenza (ossia, tassi di remissione e recidiva) nel lungo periodo è meno chiara.

Nei pazienti con disturbo ossessivo-compulsivo di personalità, la preoccupazione per l'ordine, il perfezionismo e il controllo di se stessi e delle situazioni interferiscono con l'adattabilità, l'efficienza e l'apertura. Rigidi e ostinati nelle loro attività, questi pazienti insistono sul fatto che tutto sia fatto in modo specifico.

Per mantenere un senso di controllo, i pazienti si concentrano su regole, minuziosi dettagli, procedure, programmi e liste. Come risultato, il punto principale di un progetto o di un'attività è perduto. Questi pazienti verificano ripetutamente la presenza di errori e prestano straordinaria attenzione ai dettagli. Non fanno buon uso del loro tempo, lasciando spesso gli impegni più importanti alla fine. La loro preoccupazione per i dettagli e l'assicurarsi che tutto sia perfetto può ritardare il completamento all'infinito. Essi non sono consapevoli di come il loro comportamento influisca sui loro colleghi. Quando concentrati su un solo compito, questi pazienti possono trascurare tutti gli altri aspetti della loro vita.

Poiché questi pazienti vogliono che tutto sia fatto in modo specifico, hanno difficoltà a delegare i compiti e a lavorare con gli altri. Quando lavorano con gli altri, possono fare liste dettagliate su come un compito debba essere fatto e innervosirsi se un collega suggerisce un metodo alternativo. Possono rifiutare l'aiuto anche quando sono in ritardo con il lavoro.

I pazienti con disturbo ossessivo-compulsivo di personalità si dedicano eccessivamente al lavoro e alla produttività; la loro dedizione non è motivata dalla necessità finanziaria. Di conseguenza, il tempo libero e le relazioni vengono a essere trascurati. Essi possono pensare di non avere tempo per rilassarsi o uscire con gli amici; possono posporre una vacanza così tanto tempo da non farla, o possono sentire che possono portare il lavoro con loro in modo da non perdere tempo. Il tempo trascorso con gli amici, quando capita, tende a essere in un'attività formalmente organizzata (p. es., uno sport). Gli hobby e le attività ricreative sono considerati importanti compiti che richiedono l'organizzazione e un duro lavoro da controllare; l'obiettivo è la perfezione.

Questi pazienti pianificano in anticipo in modo molto dettagliato e non vogliono prendere in considerazione le modifiche. La loro rigidità inesorabile può frustrare colleghi e amici.

L'espressione dell'affettività è anche strettamente controllata. Questi pazienti possono relazionarsi con gli altri in modo formale, rigido, o serio. Spesso, parlano solo dopo aver pensato alla cosa perfetta da dire. Essi possono concentrarsi sulla logica e sull'intelletto ed essere intolleranti ai comportamenti emotivi o espressivi.

Questi pazienti possono essere troppo zelanti, esigenti, e rigidi su questioni di moralità, etica e valori. Essi applicano i principi morali rigidi a se stessi e agli altri e sono duramente autocritici. Essi sono rigidamente rispettosi delle autorità e insistono sul preciso rispetto delle regole, senza eccezioni per circostanze attenuanti.

Diagnosi

  • Criteri clinici (Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, Fifth Edition [DSM-5])

Per una diagnosi del disturbo di personalità ossessivo-compulsivo, i pazienti devono avere

  • Un modello persistente di preoccupazione per l'ordine, perfezionismo, e controllo di sé, degli altri e delle situazioni

Questo modello è evidenziato dalla presenza di ≥ 4 delle seguenti:

  • Preoccupazione per dettagli, regole, programmi, organizzazione ed elenchi

  • Sforzo di fare qualcosa di perfetto che interferisce con il completamento del compito

  • Eccessiva devozione verso il lavoro e la produttività (non a causa di necessità finanziarie), con conseguente abbandono delle attività per il tempo libero e per gli amici

  • Eccessiva coscienziosità, meticolosità e inflessibilità per quanto riguarda le questioni ed i valori etici e morali

  • Mancanza di volontà di buttare oggetti usurati o senza valore, anche quelli che non hanno valore sentimentale

  • Riluttanza a delegare o a lavorare con altre persone a meno che queste persone non decidano di fare le cose esattamente come i pazienti vogliono

  • Un approccio avaro nello spendere per se stessi e per gli altri perché vedono il denaro come qualcosa da conservare per futuri disastri

  • Rigidità e testardaggine

Inoltre, i sintomi devono avere inizio nella prima età adulta.

Diagnosi differenziale

Il disturbo ossessivo-compulsivo di personalità deve essere distinto dai seguenti disturbi:

  • Disturbo ossessivo-compulsivo: i pazienti affetti da disturbo ossessivo-compulsivo hanno vere e proprie ossessioni (ripetitivi, indesiderati, pensieri intrusivi che causano marcata ansia) e compulsioni (comportamenti rituali che sentono di dover fare per controllare le loro ossessioni). I pazienti con disturbo ossessivo-compulsivo sono spesso angosciati dalla loro mancanza di controllo sulle azioni compulsive; nei pazienti con disturbo ossessivo-compulsivo di personalità, la necessità di un controllo è guidata dalla loro preoccupazione per l'ordine cosicché il loro comportamento, i valori e i sentimenti siano accettabili e coerenti con il loro senso di sé.

  • Disturbo evitante di personalità: entrambi i disturbi evitanti di personalità ed ossessivo-compulsivo sono caratterizzati dall'isolamento sociale; tuttavia, nei pazienti con disturbo ossessivo-compulsivo di personalità, l'isolamento risulta dare priorità al lavoro e alla produttività, piuttosto che alle relazioni, e questi pazienti diffidano degli altri solo perché potrebbero invadere il loro perfezionismo.

  • Disturbo schizoide di personalità: entrambi i disturbi di personalità schizoide e ossessivo-compulsivo sono caratterizzati da una formalità apparente nei rapporti interpersonali e dal distacco. Tuttavia, le motivazioni sono diverse: una incapacità di base nell'intimità nei pazienti con disturbo schizoide di personalità vs il disagio nelle emozioni e la dedizione al lavoro nei pazienti con disturbo ossessivo-compulsivo di personalità.

Trattamento

  • Psicoterapia psicodinamica

  • Terapia cognitivo-comportamentale

  • Inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina

Il trattamento generale del disturbo ossessivo-compulsivo di personalità è simile a quello per tutti i disturbi di personalità.

L'informazione riguardo al trattamento per il disturbo ossessivo-compulsivo di personalità è scarsa. Inoltre, il trattamento è complicato dalla rigidità del paziente, dall'ostinazione, e dalla necessità di controllo, che possono essere frustranti per i terapeuti.

La terapia psicodinamica e la terapia cognitivo-comportamentale possono aiutare i pazienti con disturbo ossessivo-compulsivo di personalità. A volte, durante la terapia, l'interessamento, la complessità, la conversazione intellettualizzata del paziente possono sembrare psicologicamente orientati, ma sono privi di affetto e non portano al cambiamento.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE