Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Tossicità da vitamina D

Di

Larry E. Johnson

, MD, PhD, University of Arkansas for Medical Sciences

Ultima modifica dei contenuti nov 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

Di solito, la tossicità della vitamina D dipende dall'assunzione di quantità eccessive. Nei casi di tossicità da vitamina D, aumentano il riassorbimento osseo e l'assorbimento intestinale di calcio, con conseguente ipercalcemia Ipercalcemia L'ipercalcemia è rappresentata da una concentrazione sierica di calcio totale > 10,4 mg/dL (> 2,60 mmol/L) o di calcio sierico ionizzato > 5,2 mg/dL (> 1,30 mmol/L). Le cause principali comprendono... maggiori informazioni . I sintomi sono di solito dovuti all'ipercalcemia marcata. La diagnosi si basa tipicamente sui livelli ematici elevati di 25(OH)D. Il trattamento consiste nel sospendere la vitamina D, limitando l'assunzione di calcio con la dieta, reintegrando i deficit del volume intravascolare e, se la tossicità è grave, somministrando i corticosteroidi o i bifosfonati.

Dato che la sintesi di 1,25-diidrossivitamina (il metabolita più attivo della vitamina D) è attentamente regolata, la tossicità della vitamina D di solito si verifica solo se vengono assunte dosi eccessive (prescrizione o megavitamine). Dosi di 1000 mcg (40 000 unità)/die di vitamina D causano tossicità entro 1-4 mesi nei lattanti. Negli adulti, un apporto di 1250 mcg (50 000 unità)/die per molti mesi può avere effetti tossici. La tossicità della vitamina D può essere iatrogena quando si cura l'ipoparatiroidismo Ipocalcemia L'ipocalcemia è una concentrazione sierica di calcio totale 8,8 mg/dL ( 2,20 mmol/L) in presenza di normali concentrazioni di proteine plasmatiche o un valore di calcio sierico ionizzato 4,7... maggiori informazioni molto aggressivamente.

Fisiologia dell'intossicazione da vitamina D

La vitamina D ha 2 principali forme:

  • D2 (ergocalciferolo)

  • D3 (colecalciferolo): forma naturale e forma utilizzata per la supplementazione a basso dosaggio

La vitamina D3 è sintetizzata nella pelle attraverso l'esposizione alla luce del sole (radiazione ultravioletta B) e assunta dalla dieta soprattutto con l'olio di fegato di pesce e i pesci d'acqua salata (vedi tabella Fonti, funzioni ed effetti delle vitamine Fonti, funzioni ed effetti delle vitamine Le vitamine possono essere Liposolubili (vitamine A, D, E e K) Idrosolubili (vitamine del gruppo B e vitamina C) Le vitamine B comprendono la biotina, il folato, la niacina, l'acido pantotenico... maggiori informazioni ). In alcuni Paesi sviluppati, il latte e altri alimenti sono arricchiti con vitamina D. Il latte umano materno è povero di vitamina D, contenendo in media solo il 10% della quantità presente nel latte vaccino arricchito.

I livelli di vitamina D possono diminuire con l'età a causa della riduzione di sintesi da parte della pelle. Utilizzare la protezione solare e la pigmentazione scura della pelle riduce anche la sintesi cutanea di vitamina D.

La vitamina D è un proormone con diversi metaboliti attivi che agiscono come ormoni. La vitamina D è metabolizzata dal fegato a 25(OH)D (calcifediolo, calcidiolo, 25-idrossicolecalciferolo o 25-idrossivitamina D), che viene poi convertita dai reni a 1,25-diidrossivitamina D (1,25-diidrossicolecalciferolo, calcitriolo, o la vitamina D, forma attiva ormonale). Il 25(OH)D, la principale forma circolante, presenta alcune attività metaboliche, ma l'1,25-diidrossivitamina D è la più attiva metabolicamente. La conversione a 1,25-diidrossivitamina D è regolata dalle sue stesse concentrazioni, dal paratormone e dalle concentrazioni sieriche di calcio e di fosfato.

La vitamina D e i relativi analoghi possono essere utilizzati per trattare la psoriasi Psoriasi La psoriasi è una patologia infiammatoria che nella maggior parte dei casi si manifesta con papule e placche ben circoscritte, eritematose e ricoperte da squame argentee. L'eziologia è multifattoriale... maggiori informazioni Psoriasi , l'ipoparatiroidismo e l'osteodistrofia renale La malattia renale cronica è il lungo e progressivo deterioramento della funzionalità renale. I sintomi si sviluppano lentamente e nelle fasi avanzate comprendono anoressia, nausea, vomito,... maggiori informazioni . L'utilità della vitamina D nel prevenire la leucemia e i cancri della mammella, della prostata, del colon, o di altri cancri non è stata dimostrata, né ha la sua efficacia nel trattare vari altri disturbi non scheletrici negli adulti (1-3 Riferimenti generali L'inadeguata esposizione alla luce del sole predispone alla carenza di vitamina D. La carenza altera la mineralizzazione ossea, causando il rachitismo nei bambini e l'osteomalacia negli adulti... maggiori informazioni ). L'integrazione di vitamina D non tratta o previene efficacemente la depressione o le malattie cardiovascolari (4, 5 Riferimenti generali Di solito, la tossicità della vitamina D dipende dall'assunzione di quantità eccessive. Nei casi di tossicità da vitamina D, aumentano il riassorbimento osseo e l'assorbimento intestinale di... maggiori informazioni ), né previene fratture o cadute. Alcune evidenze, tuttavia, suggeriscono che l'assunzione della dose giornaliera raccomandata combinata di vitamina D e di Ca riduce il rischio di fratture dell'anca (6 Riferimenti generali L'inadeguata esposizione alla luce del sole predispone alla carenza di vitamina D. La carenza altera la mineralizzazione ossea, causando il rachitismo nei bambini e l'osteomalacia negli adulti... maggiori informazioni ).

Tabella
icon

Riferimenti generali

  • 1. Autier P, Mullie P, Macacu A, et al: Effect of vitamin D supplementation on non-skeletal disorders: A systematic review of meta-analyses and randomised trials. Lancet Diabetes Endocrinol 5 (12):986–1004, 2017. doi: 10.1016/S2213-8587(17)30357-1

  • 2. Manson JE, Cook NR, Lee IM, et al: Vitamin D supplements and prevention of cancer and cardiovascular disease. N Engl J Med 380(1):33-44, 2019. doi: 10.1056/NEJMoa1809944

  • 3. LeFevre ML, LeFevre NM: Vitamin D screening and supplementation in community-dwelling adults: Common questions and answers. Am Fam Physician 97(4):254-260, 2018.

  • 4. Okereke OI, Reynolds CF 3rd, Mischoulon D, et al: Effect of long-term vitamin D3 supplementation vs placebo on risk of depression or clinically relevant depressive symptoms and on change in mood scores: A randomized clinical trial. JAMA 324(5):471-480, 2020. doi: 10.1001/jama.2020.10224

  • 5. Barbarawi M, Kheiri B, Zayed Y, et al: Vitamin D supplementation and cardiovascular disease risks in more than 83,000 individuals in 21 randomized clinical trials: A meta-analysis [published correction appears in JAMA Cardiol 2019 Nov 6]. JAMA Cardiol 4(8):765-776, 2019. doi: 10.1001/jamacardio.2019.1870

  • 6. Yao P, Bennett D, Mafham M, et al: Vitamin D and calcium for the prevention of fracture: A systematic review and meta-analysis. JAMA Netw Open 2(12):e1917789, 20019. doi:10.1001/jamanetworkopen.2019.17789

Sintomatologia dell'intossicazione da vitamina D

I principali sintomi dell'intossicazione da vitamina D derivano dall'ipercalcemia Ipercalcemia L'ipercalcemia è rappresentata da una concentrazione sierica di calcio totale > 10,4 mg/dL (> 2,60 mmol/L) o di calcio sierico ionizzato > 5,2 mg/dL (> 1,30 mmol/L). Le cause principali comprendono... maggiori informazioni . Si possono manifestare l'anoressia, la nausea e il vomito, spesso seguiti da poliuria, da polidipsia, da debolezza, da nervosismo, da prurito e alla fine da insufficienza renale. Si possono manifestare anche la proteinuria, la cilindruria, l'iperazotemia e le calcificazioni metastatiche (soprattutto a carico dei reni).

Diagnosi dell'intossicazione da vitamina D

  • I fattori di rischio o di ipercalcemia più elevati livelli sierici di 25(OH)D livelli

L'anamnesi di un'eccessiva assunzione di vitamina D può essere il solo indizio per differenziare la tossicità della vitamina D dalle altre cause di ipercalcemia. Gli elevati livelli sierici di calcio, da 12 a 16 mg/dL (da 3 a 4 mmol/L) costituiscono un reperto costante quando si manifestano i sintomi della tossicità. I livelli sierici di 25(OH)D sono generalmente elevati > 150 ng/mL (> 375 nmol/L). I livelli di 1,25-diidrossivitamina D, che non devono essere misurati per confermare la diagnosi, di solito sono normali.

Il calcio sierico deve essere misurato frequentemente (all'inizio ogni settimana, poi ogni mese) in tutti i pazienti che ricevono grosse dosi di vitamina D, in particolare il potente 1,25-diidrossivitamina D.

Trattamento dell'intossicazione da vitamina D

  • Idratazione EV più corticosteroidi o bifosfonati

Dopo l'interruzione dell'assunzione della vitamina D, si usano l'idratazione (con siero fisiologico EV) e i corticosteroidi o i bifosfonati (che inibiscono il riassorbimento osseo), per ridurre i livelli ematici di calcio.

I danni renali o le calcificazioni metastatiche, se presenti, possono essere irreversibili.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Malnutrizione proteico-energetica
Nei bambini, la malnutrizione proteico-energetica (PEU) cronica primaria si presenta in due forme comuni: Kwashiorkor e marasma. In entrambe le forme, quale delle seguenti condizioni causa anoressia, deperimento muscolare ingravescente e una marcata diminuzione dei livelli di albumina sierica?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE