Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Esofagite eosinofila

Di

Kristle Lee Lynch

, MD, Perelman School of Medicine at The University of Pennsylvania

Ultima modifica dei contenuti set 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

L'esofagite eosinofila è una malattia immuno-mediata cronica dell'esofago con conseguente e predominante infiammazione eosinofila dell'esofago; può causare sintomi simili al reflusso, disfagia, e occlusione da cibo. La diagnosi si basa sull'endoscopia con biopsia. Il trattamento comprende inibitori della pompa protonica, corticosteroidi topici, cambiamenti nella dieta e talvolta dilatazione esofagea.

L'esofagite eosinofila è una malattia sempre più riconosciuta che può iniziare in qualsiasi momento tra infanzia ed età adulta; si manifesta occasionalmente negli anziani. È più frequente negli uomini.

La causa di esofagite eosinofila è probabilmente una risposta immunitaria agli antigeni alimentari in pazienti con suscettibilità genetica; anche gli allergeni ambientali possono essere degli scatenanti. L'infiammazione esofagea cronica non trattata alla fine può portare a restringimento e stenosi Patologie ostruttive dell'esofago La maggior parte delle ostruzioni esofagee si sviluppa lentamente ed esse sono incomplete quando i pazienti effettuano i primi accertamenti, di solito per difficoltà a deglutire i solidi. Tuttavia... maggiori informazioni dell'esofago.

Sintomi dell'esofagite eosinofila

Neonati e bambini possono presentare rifiuto del cibo, vomito, perdita di peso, dolore addominale, e/o dolore toracico.

I pazienti spesso hanno anche manifestazioni di altre patologie atopiche (p. es., asma, eczema, rinite allergica).

Diagnosi dell'esofagite eosinofila

  • Endoscopia con biopsia

  • Talvolta pasto baritato

Il tipico paziente con esofagite eosinofila presenta disfagia per solidi e un'anamnesi di atopia. La diagnosi di esofagite eosinofila è anche presa in considerazione quando i sintomi di reflusso non rispondono alla terapia acido-soppressiva. Va inoltre considerata negli adulti che si presentano con occlusione esofagea da cibo o negli adulti che hanno dolore toracico non cardiaco.

La diagnosi richiede l'endoscopia con biopsia che mostra infiltrazione eosinofila (≥ 15 eosinofili/per campo). Anche se anormalità visibili (p. es., solchi lineari, stenosi, anelli circolari, perdita di segni vascolari, essudati bianchi) possono essere evidenti all'endoscopia, l'aspetto può essere normale, quindi le biopsie sono essenziali. Poiché la malattia da reflusso gastroesofageo può anche causare infiltrati eosinofili, i pazienti che hanno perlopiù sintomi di reflusso devono fare la biopsia; i campioni dell'esofago prossimale e medio devono essere processati separatamente dai campioni dell'esofago distale.

Immagini endoscopiche di anomalie dell'esofagite eosinofila

Un pasto baritato può mostrare anelli circolari impilati, solchi longitudinali, un restringimento del calibro esofageo, o stenosi.

Trattamento dell'esofagite eosinofila

  • Inibitori della pompa protonica

  • Corticosteroidi topici

  • Dieta di eliminazione

  • Talvolta dilatazione esofagea

Negli adulti, la terapia di prima linea è un inibitore della pompa protonica. Nei bambini, vengono utilizzati in genere gli inibitori della pompa protonica se i cambiamenti nella dieta sono inefficaci. Si pensa che gli inibitori della pompa protonica funzionino attraverso la via eotaxina-3.

Se la terapia con gli inibitori della pompa protonica fallisce, i corticosteroidi topici sono di solito somministrati per il trattamento dell'esofagite eosinofila. I pazienti possono utilizzare un inalatore multi-dose di fluticasone (880 mcg 2 volte/die); si spruzza il farmaco in bocca senza inalare e poi si ingoia. In alternativa, una sospensione orale viscosa di budesonide 1 mg può essere assunta 30 minuti dopo la colazione e 30 minuti dopo la cena. La budesonide può anche essere miscelata con un addensante (il più delle volte un sostituto dello zucchero) in un impasto liquido e deglutita. Il fluticasone o la budesonide vengono somministrati per 8 settimane per determinarne l'efficacia. Se il paziente raggiunge la remissione con una di queste terapie, queste vengono spesso proseguite indefinitamente. Le dosi di mantenimento di questi farmaci non sono ben stabilite.

Studi recenti dimostrano che gli anticorpi monoclonali contro l'IL-13 e l'IL-5 possono essere utili; ulteriori studi sono in corso.

La dieta di eliminazione di sei alimenti è quella più spesso raccomandata per l'esofagite eosinofila. Questa dieta elimina gli alimenti che più probabilmente causano reazioni alimentari IgE-mediate (latte, uova, soia, grano, arachidi/noci, pesce/crostacei). Si è dimostrata superiore a una dieta di eliminazione che si basa su test cutanei ed ematici. La dieta elementare è efficace sia negli adulti che nei bambini, ma spesso non è pratica negli adulti.

I pazienti che hanno stenosi significative possono avere bisogno di una cauta dilatazione esofagea utilizzando un palloncino o un dilatatore bougie; dilatazioni progressive multiple, caute, vengono effettuate per aiutare a prevenire perforazioni esofagee.

Per ulteriori informazioni

A seguire vi sono risorse in lingua inglese che possono essere utili. Si noti che il Manuale non è responsabile per il contenuto di questa risorsa.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

iOS ANDROID
iOS ANDROID
iOS ANDROID
PARTE SUPERIORE