Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Ragade anale

(Ragade Anale; Ulcera Anale)

Di

Parswa Ansari

, MD, Hofstra Northwell-Lenox Hill Hospital, New York

Ultima modifica dei contenuti dic 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Risorse sull’argomento

La ragade anale è una lacerazione longitudinale acuta o un'ulcera ovoidale cronica che si forma nell'epitelio squamoso del canale anale. Provoca forte dolore, talvolta con sanguinamento, in particolare durante la defecazione. La diagnosi viene effettuata con l'ispezione. Il trattamento consiste in igiene locale, uso di lassativi, misure topiche e talvolta in iniezioni di tossina botulinica e/o procedura chirurgica.

Si ritiene che la ragade anale sia dovuta a una lacerazione traumatica causata dal passaggio di feci dure o di grandi dimensioni o da frequenti scariche intestinali. Il trauma (p. es., durante un rapporto anale) rappresenta una causa rara. La ragade può causare uno spasmo dello sfintere interno, diminuendo l'apporto ematico e perpetuando la ragade stessa.

Sintomatologia

Le ragadi anali solitamente sono localizzate sulla linea mediana posteriore, ma si possono formare anche sulla linea mediana anteriore. Quelle fuori dalla linea mediana possono avere specifiche eziologie, in particolare la malattia di Crohn. All'estremità inferiore della ragade si può trovare una piccola appendice cutanea esterna (tumefazione sentinella) e alla sua estremità superiore una papilla ingrandita (ipertrofica).

Le ragadi provocano dolore e sanguinamento. Il dolore tipicamente si manifesta durante o subito dopo la defecazione, persiste per diverse ore e poi scompare fino all'evacuazione successiva. L'esplorazione deve essere delicata ma con un'adeguata divaricazione dei glutei per consentire la visualizzazione.

Le ragadi croniche devono essere differenziate dal cancro anale, dalle lesioni primarie della sifilide e della tubercolosi, e dalle ulcere causate dalla malattia di Crohn.

I lattanti possono sviluppare ragadi acute, mentre le ragadi croniche sono rare.

Diagnosi

  • Valutazione clinica

La diagnosi della ragade anale viene posta con l'ispezione. Se non c'è il sospetto o l'apparenza di una causa specifica e/o la localizzazione è inusuale, non sono necessari ulteriori approfondimenti diagnostici.

Trattamento

  • Emollienti delle feci

  • Unguenti protettivi, semicupi

  • Pomate a base di nitroglicerina, calcio-antagonisti topici, o iniezione di tossina botulinica di tipo A

(Vedi anche the American Society of Colon and Rectal Surgeons' clinical practice guideline for the management of anal fissures.)

Le ragadi spesso rispondono a misure conservative che minimizzano il trauma durante la defecazione (p. es., emollienti delle feci, psyllium, fibre). La cicatrizzazione è agevolata dall'uso di unguenti protettivi a base di ossido di zinco o supposte blande (p. es., glicerina) che lubrificano la parte inferiore del retto e rendono più soffici le feci. Gli anestetici locali (p. es., benzocaina, lidocaina) e i semicupi tiepidi (non caldi) per 10-15 minuti dopo ogni defecazione e al bisogno danno un sollievo temporaneo.

La nitroglicerina per uso topico sotto forma di unguento allo 0,2%, la nifedipina crema allo 0,2%, il gel di diltiazem al 2%, e le iniezioni di tossina botulinica di tipo A nello sfintere interno rilasciano lo sfintere anale e riducono la pressione anale massima a riposo, permettendo pertanto la guarigione. Quando i trattamenti conservativi falliscono, è necessaria la chirurgia (sezione dello sfintere anale interno) per interrompere lo spasmo dello sfintere anale interno.

Per ulteriori informazioni

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Come eseguire l'anoscopia
Video
Come eseguire l'anoscopia
Modelli 3D
Vedi Tutto
Ischemia mesenterica, flusso sanguigno intestinale
Modello 3D
Ischemia mesenterica, flusso sanguigno intestinale

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE