Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Cancro del seno paranasale

(Tumore del seno)

Di

Bradley A. Schiff

, MD, Montefiore Medical Center, The University Hospital of Albert Einstein College of Medicine

Ultima modifica dei contenuti ott 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

Il tumore del seno paranasale è raro. Di solito è il carcinoma a cellule squamose, ma può anche essere adenocarcinoma, e si verifica in genere nei seni mascellari e etmoidali. Nella maggior parte dei casi la causa non è nota, i sintomi si sviluppano in ritardo, e la sopravvivenza è generalmente scarsa.

Anche se raro negli Stati Uniti, il tumore del seno paranasale è più frequente in Giappone e tra la gente bantu del Sud Africa. Gli uomini oltre 40 anni sono in genere colpiti.

La causa è incerta, ma la sinusite cronica non si ritiene essere una causa. Il papillomavirus umano e il virus di Epstein-Barr possono svolgere un ruolo in alcuni casi. I fattori di rischio comprendono

  • Inalazione regolare di alcuni tipi di legno, cuoio e polvere metallica

  • Tabacco da fumo

Sintomatologia

Poiché i seni forniscono spazio al tumore per crescere, i sintomi di solito non si sviluppano fino a quando il tumore è in fase avanzata. I seguenti sintomi derivano dalla pressione locale del tumore su strutture adiacenti:

  • Dolore

  • Ostruzione e secrezioni nasali

  • Epistassi

  • Diplopia

  • Dolore all'orecchio o pienezza

  • Parestesie facciali

  • Denti mascellari che si muovono sotto il seno interessato

Il tumore a volte è visibile nelle cavità orale o nasale.

Diagnosi

  • Endoscopia, con biopsia

  • TC e RM

Endoscopia, TC, e RM sono in genere utilizzate per individuare e contribuire a valutare il tumore. La biopsia conferma l'istotipo. La stadiazione, che comprende la valutazione della diffusione del tumore ai nodi di cervello, viso, collo, polmoni, e linfonodi, aiuta a determinare il trattamento.

Prognosi

Prima viene trattato il tumore, migliore sarà la prognosi. La prognosi dipende anche dall'istologia. Il tasso di sopravvivenza sta migliorando, ma rimane generalmente scarso. Nel complesso, circa il 40% delle persone avrà una recidiva della malattia, e a 5 anni il tasso di sopravvivenza è di circa il 60%.

Trattamento

  • Chirurgia

  • Spesso radioterapia

  • Eventuale chemioterapia

Il trattamento per la maggior parte dei tumori in fase iniziale consiste nella completa asportazione chirurgica. I recenti progressi delle tecniche chirurgiche, in particolare delle tecniche endoscopiche, a volte possono raggiungere l'escissione completa del tumore, risparmiare i tessuti circostanti di ricambio, e raggiungere la ricostruzione. Se il rischio di recidiva è elevato, la radioterapia viene somministrata dopo l'intervento. Se l'asportazione chirurgica non è realistica o causerebbe eccessiva morbilità, possono essere utilizzate la radioterapia e la chemioterapia. In alcuni casi, la chemioterapia viene somministrata per ridurre il tumore; se il tumore risponde bene alla chemioterapia, viene resecato chirurgicamente. Se no, il tumore può essere trattato con radiazioni.

Per ulteriori informazioni

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE