Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Test tossicologici

Di

Gerald F. O’Malley

, DO, Grand Strand Regional Medical Center;


Rika O’Malley

, MD, Albert Einstein Medical Center

Ultima modifica dei contenuti mar 2018
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

I test tossicologici vengono eseguiti principalmente per fare uno screening sistematico o randomizzato sulle persone per dimostrare l'uso di una o più sostanze con potenziale d'abuso. I test vengono eseguiti nei seguenti soggetti:

  • Alcuni gruppi di persone, tra cui comunemente studenti, atleti e detenuti

  • Persone che si stanno candidando per determinate professioni o che già le svolgono (p. es., piloti, camionisti)

  • Persone coinvolte in incidenti stradali o nautici o in incidenti sul lavoro

  • Persone che hanno tentato il suicidio con mezzi poco chiari

  • Soggetti in un programma di trattamento stabilito dal Tribunale o in condizioni di libertà vigilata o condizionale che richiedono l'astinenza (per monitorarne l'aderenza)

  • Soggetti all'interno di un programma di trattamento di abuso di sostanze (come valutazione standard, per ottenere un'evidenza oggettiva dell'abuso di sostanze e ottimizzare così il trattamento)

  • Persone a cui è richiesta la partecipazione a un programma di test tossicologici in caso di affidamento o potestà genitoriale

  • Membri delle forze armate

La notifica o il consenso possono essere necessari prima dei test, a seconda della giurisdizione e della situazione. Una mera documentazione dell'uso può essere sufficiente a fini legali; tuttavia, con i test non è possibile determinare la frequenza e l'intensità del consumo di sostanze e quindi non si può distinguere tra consumatori occasionali e quelli con problemi più gravi. Inoltre, i test tossicologici si applicano solo a un numero limitato di sostanze e quindi non ne identificano molte altre. Il medico deve usare altre misure (p. es., anamnesi, questionari) per identificare il grado di compromissione della vita del singolo paziente a causa dell'uso di sostanze.

Le sostanze più frequentemente ricercate sono

Si possono anche effettuare test per benzodiazepine e barbiturici. Possono essere utilizzati campioni di urine, sangue, aria espirata, saliva, sudore o capelli. Il test sulle urine è il più diffuso, perché non è invasivo, è veloce e in grado di rilevare qualitativamente una vasta gamma di sostanze. La finestra di rilevamento dipende dalla frequenza e dalla quantità di assunzione della sostanza, ma è di circa 1-4 giorni per la maggior parte di esse. Poiché i metaboliti dei cannabinoidi restano evidenti a lungo, le analisi delle urine per la marijuana restano positive più a lungo dopo la sospensione. L'analisi del sangue può essere usata per quantificare i livelli di alcune sostanze, ma è praticata meno spesso perché è invasiva e la finestra di rilevamento per molte sostanze è molto più breve, spesso solo di alcune ore. L'analisi dei capelli non è così ampiamente diffusa, ma offre la più ampia finestra di rilevamento, 100 giorni per alcune sostanze.

La validità del test dipende dal tipo di test effettuato. I test di screening sono in genere test qualitativi rapidi di tipo immunochimico delle urine. Tali test di screening sono associati a numerosi risultati falsi positivi e falsi negativi e non rilevano gli oppioidi meperidina e fentanile. Inoltre, la dietilamide dell'acido lisergico (LSD), l'acido gamma idrossibutirrico, la mescalina e gli idrocarburi inalati non vengono rilevati sui test facilmente reperibili. I test di conferma, che possono richiedere diverse ore, in genere utilizzano la gas cromatografia o la spettroscopia di massa.

Falsi risultati

Molteplici fattori possono produrre risultati falsi negativi, in particolare nei test delle urine. I pazienti possono presentare campioni forniti da altri (presumibilmente senza la sostanza). Questa possibilità può essere eliminata osservando direttamente la raccolta del campione e sigillando i campioni immediatamente con sigilli anti-manomissione. Alcune persone cercano di ostacolare la ricerca della sostanza nelle urine bevendo grandi quantità di liquidi o assumendo diuretici prima del test; tuttavia, i campioni che appaiono troppo chiari possono essere respinti se il peso specifico del campione è molto basso.

Falsi positivi possono derivare da assunzione di farmaci prescritti e da banco e dal consumo di alcuni alimenti. I semi di papavero possono produrre risultati falsi positivi per gli oppiacei. La pseudoefedrina, gli antidepressivi triciclici, e la quetiapina possono produrre risultati falsi positivi per le anfetamine, e l'ibuprofene può produrre risultati falsi positivi per la marijuana. Con il test della cocaina, che rileva la benzoilecgonina, il metabolita primario, le altre sostanze non causano risultati falsi positivi.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE