Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Idrosadenite suppurativa

Di

Jonette E. Keri

, MD, PhD, University of Miami, Miller School of Medicine

Ultima revisione/verifica completa dic 2018| Ultima modifica dei contenuti dic 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

L’idrosadenite suppurativa è un’infiammazione dei follicoli piliferi nella cute sotto le braccia, all’inguine e intorno ai capezzoli e all’ano, con conseguente cicatrizzazione, infiammazione e accumuli dolorosi di pus sottopelle.

  • La causa dell’idrosadenite suppurativa non è nota.

  • Sulla pelle si formano protuberanze simili a quelle dell’acne, seguite da ascessi dolorosi e fistole.

  • Per diagnosticare l’idrosadenite suppurativa, i medici esaminano la pelle.

  • Il trattamento dipende dalla gravità ma può includere creme applicate sulla pelle, antibiotici e altri farmaci assunti per via orale, nonché procedure chirurgiche.

L’idrosadenite suppurativa si sviluppa in alcune persone dopo la pubertà, quando i follicoli piliferi (i pori della pelle in cui crescono i peli) sotto le braccia, all’inguine e intorno ai capezzoli e all’ano sono cronicamente ostruiti e si infiammano. I follicoli piliferi possono gonfiarsi e formare protuberanze dall’aspetto simile a quello dell’acne. Le cause di tale ostruzione sono sconosciute, ma si esclude un’associazione con una scarsa igiene, l’impiego di deodoranti o polveri o la depilazione ascellare.

L’ostruzione determina il rigonfiamento e la rottura dei follicoli piliferi, inducendo, a volte, infezioni da parte di vari batteri. Gli ascessi (sacche piene di pus) che ne derivano sono sensibili, dolorosi, emanano cattivo odore, possono crescere in profondità nella pelle e tendono a recidivare dopo la guarigione. Quando gli ascessi guariscono e si ripresentano ripetutamente, la pelle dell’area diventa spessa e cicatrizzata. Spesso si formano canali permanenti (definiti fistole) tra l’ascesso e la superficie della pelle e il pus drenante.

L’idrosadenite suppurativa può provocare soltanto pochi ascessi ed essere leggera, oppure può causare molti ascessi e fistole ed essere grave. L’idrosadenite suppurativa può incidere sulla qualità della vita di una persona perché provoca dolore e perché il cattivo odore può essere imbarazzante.

Diagnosi

  • Esame cutaneo

  • Coltura degli ascessi

Gli ascessi dell’idrosadenite suppurativa sono simili ai comuni ascessi cutanei. I medici basano la diagnosi su un esame della pelle, rilevando la sede delle protuberanze e degli ascessi e determinando se guariscano e si ripresentino spesso.

A volte, prelevano campioni di pus dagli ascessi profondi e richiedono a un laboratorio l’identificazione dei batteri (coltura).

Trattamento

  • Dipende dalla gravità

Per i casi lievi di idrosadenite suppurativa, si iniettano corticosteroidi nell’area e si prescrivono antibiotici, come la tetraciclina o l’eritromicina o la clindamicina, per bocca (per via orale). Inoltre, vengono prescritte creme a base di clindamicina e resorcinolo da applicare sulla pelle (per via topica) e occorre detergere l’area con perossido di benzoile. Tutti questi farmaci possono essere usati insieme o singolarmente.

Per i casi moderati di idrosadenite suppurativa, vengono prescritti gli stessi antibiotici orali dei casi lievi e talvolta rifampicina (un altro antibiotico orale), ma per un periodo più lungo (da 2 a 3 mesi). Il medico può incidere gli ascessi per consentire il drenaggio del pus. Potrebbe prescrivere alle donne farmaci che bloccano gli effetti degli ormoni sessuali maschili, come i contraccettivi orali, lo spironolattone o la finasteride. Le fistole vengono aperte e drenate.

Per i casi gravi di idrosadenite suppurativa, il medico prescrive infliximab (per via endovenosa) o adalimumab (per iniezione sottocutanea) per ridurre l’infiammazione. Isotretinoina o acitretina (per via orale) possono ridurre l’infiammazione. Se il disturbo persiste, il medico taglia l’area interessata e quindi ripara la pelle o effettua un innesto cutaneo. Inoltre, è possibile ricorrere al trattamento laser per rimuovere la pelle o i peli danneggiati.

Anche se la buona igiene della pelle e la delicatezza nel trattare la pelle non curano il disturbo, tutte le persone affette da idrosadenite suppurativa dovrebbero seguire tali regole. Il supporto psicologico e l’eliminazione della dieta ad alto indice glicemicopotrebbero essere di aiuto, così come la perdita di peso.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

Video

Vedi Tutto
Orticaria
Video
Orticaria
L’orticaria è una condizione cutanea innocua causata da un aumento del flusso ematico e dei...
Modelli 3D
Vedi Tutto
Stria linfangitica
Modello 3D
Stria linfangitica

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE