Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Morsi di lucertola

Di

Robert A. Barish

, MD, MBA, University of Illinois at Chicago;


Thomas Arnold

, MD, Department of Emergency Medicine, LSU Health Sciences Center Shreveport

Ultima revisione/verifica completa mag 2020| Ultima modifica dei contenuti mag 2020
per accedere alla Versione per i professionisti

Le uniche due lucertole note per essere velenose sono

  • la lucertola imperlata

  • mostro di Gila

La lucertola imperlata si trova in Messico. Il mostro di Gila si trova in Arizona, in Sonora, in Messico e nelle aree vicine.

Il veleno di queste lucertole è in qualche modo simile per contenuto e per effetti a quello di alcuni crotali, sebbene i sintomi tendano a essere nettamente meno gravi, e i morsi non sono quasi mai letali. Diversamente dalla maggior parte dei serpenti, il mostro di Gila e la lucertola imperlata stringono saldamente quando mordono e secernono il veleno nella vittima masticando piuttosto che iniettandolo con i denti. La lucertola è difficile da staccare.

I sintomi comuni comprendono dolore, edema e anomalia di colorazione della zona intorno alla ferita e gonfiore dei linfonodi. Si manifestano debolezza, sudorazione, sete, cefalea e ronzii nelle orecchie (acufeni). Nei casi più gravi, la pressione arteriosa precipita.

Suggerimenti per rimuovere il mostro di Gila:

  • Aprire le mascelle forzando con una pinza

  • Applicare una fiamma sotto il mento della lucertola

  • Immergere in acqua la lucertola e l’estremità del corpo interessata

Una volta staccata la lucertola, spesso restano dei frammenti di denti nella cute che devono essere rimossi. Il trattamento della bassa pressione o dei problemi di coagulazione del sangue è analogo a quello del morso di crotalo. Non esiste un antidoto specifico.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE