Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Infezioni epatiche da trematodi

Di

Richard D. Pearson

, MD, University of Virginia School of Medicine

Ultima revisione/verifica completa mar 2020| Ultima modifica dei contenuti mar 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Alcune specie di trematodi causano infezioni del fegato.

  • Le persone contraggono l’infezione quando ingeriscono le cisti contenenti le larve dei trematodi consumando pesce d’acqua dolce crudo, poco cotto, essiccato, sotto sale o marinato, oppure crescione contaminato.

  • A seconda della specie di parassita e dell’intensità dell’infestazione, possono manifestarsi febbre, brividi, dolore o fastidio addominale, ittero, prurito, diarrea e perdita di peso.

  • Il medico formula la diagnosi di infezione quando osserva le uova dei trematodi nelle feci o nel contenuto intestinale di un paziente.

  • Farmaci come praziquantel, albendazolo o triclabendazolo possono eliminare i trematodi, a seconda della specie.

Tra i trematodi che causano infezioni epatiche vi sono:

  • Clonorchis sinensis (fasciola epatica cinese o orientale), causa della clonorchiasi

  • Opisthorchis viverrini (fasciola epatica del Sud-est asiatico) e O. felineus (fasciola epatica del gatto), che causano un’infezione che assomiglia alla clonorchiasi

  • Fasciola hepatica (la fasciola epatica comune o fasciola degli erbivori), causa della fascioliasi, che generalmente infesta gli ovini e i bovini

Il ciclo vitale dei trematodi è complesso. Si può venire infestati da trematodi e sviluppare disturbi epatici quando si ingeriscono le cisti contenenti i trematodi immaturi (larve) di:

  • Clonorchis sinensis e trematodi del genere Opisthorchis, con pesce d’acqua dolce crudo, poco cotto, essiccato, sotto sale o marinato; Clonorchis sinensis talvolta anche con i gamberi d’acqua dolce

  • Fasciola hepatica o Fasciola gigantica, con il crescione o altre piante acquatiche che crescono in acque contaminate da escrementi ovini o bovini contenenti uova di trematodi

Dopo l’ingestione, le cisti di Clonorchis sinensis e dei trematodi del genere Opisthorchis raggiungono l’intestino e liberano le larve, che migrano a ritroso nell’intestino ed entrano nelle vie biliari Panoramica sul fegato e sulla cistifellea Il fegato e la cistifellea occupano la parte superiore destra dell’addome e sono collegati tra loro da dotti noti come vie biliari, che confluiscono nel primo tratto dell’intestino tenue (il... maggiori informazioni (i canali che trasportano la bile dal fegato e dalla cistifellea all’intestino), fino a raggiungere il fegato o, talvolta, la cistifellea. Qui le larve si sviluppano in adulti e producono uova. In assenza di trattamento, i vermi adulti possono vivere da 20 a 30 anni. Le uova vengono eliminate con le feci e ingerite dalle lumache. Le lumache infestate rilasciano trematodi immaturi in grado di nuotare (cercarie). Le cercarie rilasciate dalle lumache infestate determinano la formazione di cisti in diversi pesci o gamberi d’acqua dolce.

Dopo l’ingestione, le cisti di Fasciola hepatica o Fasciola gigantica raggiungono l’intestino e liberano larve immature. Le larve attraversano la parete intestinale ed entrano nella cavità addominale, in cui si spostano fino ad arrivare al fegato e quindi alle vie biliari. Qui le larve si sviluppano in trematodi adulti e producono uova, che vengono eliminate con le feci. Nell’acqua, le uova liberano larve che penetrano nelle lumache. Le lumache infestate rilasciano trematodi immaturi (cercarie), che formano cisti sul crescione e su altre piante acquatiche.

Sintomi delle infezioni epatiche da trematodi

È possibile che inizialmente i trematodi epatici non causino alcun sintomo; tuttavia, a seconda del tipo e della gravità dell’infestazione, possono presentarsi febbre, brividi, dolore addominale, ingrossamento del fegato, nausea, vomito e orticaria. I trematodi del genere Fasciola sono più propensi a causare questi sintomi.

Se i trematodi adulti nel tempo ostruiscono buona parte delle vie biliari interne o esterne al fegato, si possono manifestare un ingiallimento della pelle e delle sclere degli occhi (ittero Ittero negli adulti L’ittero è caratterizzato da pigmentazione giallastra della cute e del bianco degli occhi. L’ittero insorge quando c’è troppa bilirubina (un pigmento giallo) in circolo, una condizione detta... maggiori informazioni Ittero negli adulti ), prurito, diarrea e perdita di peso. A volte, i trematodi provocano un danno epatico, causando la formazione di tessuto cicatriziale (fibrosi Fibrosi epatica La fibrosi è la formazione di una notevole quantità di tessuto cicatriziale nel fegato. Si verifica quando il fegato tenta di riparare e sostituire le cellule danneggiate. Molte condizioni possono... maggiori informazioni ). Altre complicanze includono le infezioni batteriche delle vie biliari, i calcoli biliari e la pancreatite.

In rari casi, i trematodi epatici infestano la parete intestinale, i polmoni, la pelle o la gola.

Anni più tardi, si può sviluppare un cancro dei dotti biliari Tumori dei dotti biliari e della cistifellea I tumori dei dotti biliari o della cistifellea, sia benigni sia maligni, sono rari. Di solito, l’ecografia è in grado di rilevare un tumore nei dotti biliari o nella cistifellea. Questi tumori... maggiori informazioni (colangiocarcinoma). Questo tipo di tumore si è manifestato nei veterani del Vietnam, che possono avere consumato pesce d’acqua dolce crudo o poco cotto contenente trematodi epatici mentre prestavano servizio nel Sud-est asiatico. Se l’infestazione epatica da trematodi abbia o meno contribuito allo sviluppo del cancro nei veterani del Vietnam non è chiaro.

Diagnosi delle infezioni epatiche da trematodi

  • Esame di un campione di feci

  • Esami di diagnostica per immagini del fegato

  • Analisi del sangue per la ricerca di anticorpi

Il medico formula la diagnosi di infestazione dai generi Clonorchis, Opisthorchis o Fasciola quando osserva le uova nelle feci o nel contenuto intestinale di un paziente. Tuttavia, può essere difficile riscontrare le uova nelle feci.

Negli stadi iniziali dell’infestazione da Fasciola hepatica, si possono eseguire analisi del sangue per verificare la presenza di anticorpi contro i trematodi, che possono essere rilevati settimane prima della comparsa delle uova nelle feci (gli anticorpi Anticorpi Uno dei meccanismi di difesa dell’organismo (sistema immunitario) implica l’azione dei globuli bianchi (leucociti) che si spostano nel flusso sanguigno e nei tessuti, alla ricerca di microrganismi... maggiori informazioni Anticorpi sono proteine prodotte dal sistema immunitario per contribuire a difendere l’organismo dall’attacco di determinati agenti, parassiti compresi). Vengono inoltre eseguite analisi per misurare i livelli dei granulociti eosinofili (un tipo di globuli bianchi) nel sangue, il cui numero può aumentare in presenza di un’infestazione da trematodi.

Per valutare i danni al fegato e alle vie biliari si eseguono esami di diagnostica per immagini del fegato Esami di diagnostica per immagini del fegato e della cistifellea Gli esami di diagnostica per immagini del fegato, della cistifellea e delle vie biliari includono: ecografia, scintigrafia, tomografia computerizzata (TC), risonanza magnetica per immagini ... maggiori informazioni come l’ecografia, la tomografia computerizzata (TC), la risonanza magnetica (RMI), la colangiopancreatografia retrograda endoscopica (CPRE) o la colangiografia. Occasionalmente, il medico osserva un trematode adulto nelle vie biliari quando esamina l’interno dell’apparato digerente con una sonda a fibre ottiche (endoscopio) inserita attraverso la bocca.

Prevenzione delle infezioni epatiche da trematodi

Cuocere in modo completo i pesci o i gamberi d’acqua dolce provenienti da aree di endemia dei generi Clonorchis e Opisthorchis aiuta a prevenire le infestazioni da trematodi epatici. Non consumare i pesci o i gamberi d’acqua dolce provenienti da tali aree crudi, essiccati, sotto sale o marinati. Nelle aree in cui gli ovini o i bovini possono essere infestati da trematodi del genere Fasciola, il crescione e altre piante acquatiche non devono essere consumati crudi.

Trattamento delle infezioni epatiche da trematodi

  • Un farmaco che elimina i trematodi dal corpo (antielmintico)

  • A volte, intervento chirurgico per l’occlusione delle vie biliari

Le infestazioni epatiche da trematodi vengono trattate con farmaci che eliminano i trematodi dal corpo. I più comuni sono:

  • Praziquantel o albendazolo per la clonorchiasi

  • Triclabendazolo per la fascioliasi

  • Eventualmente nitazoxanide per la fascioliasi

Se i trematodi provocano un’ostruzione delle vie biliari, può essere necessario un intervento chirurgico.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Infezione da virus respiratorio sinciziale (VRS) e infezione da metapneumovirus umano
L’infezione da virus respiratorio sinciziale (VRS) e l’infezione da metapneumovirus umano (human metapneumovirus, hMPV) causano infezioni dell’apparato respiratorio superiore e talvolta di quello inferiore. I sintomi di entrambi i virus sono simili sebbene i virus siano diversi. In quale delle seguenti fasce di età il VRS è una causa molto comune di infezioni delle vie respiratorie?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE