Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso
I fatti in Breve

Disidratazione nei bambini

Di

The Manual's Editorial Staff

Ultima revisione/verifica completa dic 2019| Ultima modifica dei contenuti dic 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottenere tutti i dettagli
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Per avere una buona salute, tutti hanno bisogno di acqua e di certe sostanze chimiche (elettroliti). Normalmente per soddisfare questa necessità si bevono liquidi e la sete è un segnale di necessità di più liquidi. I neonati e i bambini molto piccoli non sempre sono in grado di dire quando hanno bisogno di liquidi, specialmente se sono malati.

Che cos’è la disidratazione nei bambini?

Disidratazione significa non avere sufficiente acqua nell’organismo. Di solito nei bambini la disidratazione è una conseguenza di vomito o diarrea e il bambino non beve a sufficienza per compensarli. La febbre peggiora la disidratazione.

  • Vomito e diarrea possono causare disidratazione

  • Nei neonati allattati al seno la disidratazione può essere dovuta a un apporto insufficiente di latte

  • La disidratazione grave può essere causa di malattie gravi o addirittura fatali nei bambini

  • Un bambino disidratato necessita di liquidi e minerali chiamati elettroliti

  • Il latte materno e le soluzioni reidratanti orali (vendute in farmacia e al supermercato) possiedono l’equilibrio corretto di acqua ed elettroliti

La bevande gassate, i succhi di frutta e le bevande sportive non possiedono il giusto equilibrio tra acqua ed elettroliti.

Quali sono i sintomi della disidratazione?

I bambini presentano i sintomi del problema causa della disidratazione, come vomito e/o diarrea profusi. La disidratazione provoca sintomi quali:

  • Svogliatezza nel gioco e nell‘eloquio

  • Irritabilità

  • Pianto senza lacrime

  • Bocca secca

  • Guance incavate e occhi infossati

  • Perdita di peso in pochi giorni

  • Frequenza della minzione inferiore a 2 o 3 volte al giorno

Consultare immediatamente un medico se il bambino presenta uno di questi segni di allarme:

  • Non trattiene alcun liquido

  • Non urina la quantità solita o bagna meno pannolini

  • Rimane disteso e appare debole e stanco

La disidratazione grave può essere pericolosa per la vita se non viene trattata.

Come si tratta la disidratazione nei bambini?

I bambini con poco vomito o diarrea, ma non disidratati, possono continuare a bere quello che bevono di solito. Possono assumere liquidi integrativi, come piccoli sorsi di minestre liquide, bibite trasparenti o una miscela di succo e acqua in parti uguali. I bambini di oltre 1 anno possono mangiare anche ghiaccioli.

I bambini disidratati necessitano di liquidi supplementari con la giusta miscela di acqua ed elettroliti. L’acqua semplice, il latte, le bevande gassate e sportive non possiedono il giusto equilibrio di acqua ed elettroliti.

Quali liquidi somministrare:

  • Latte materno, se si sta già allattando il bambino (il latte materno contiene elettroliti ed è il liquido migliore per i neonati durante l’allattamento)

  • Soluzione reidratante orale (una combinazione di acqua ed elettroliti) in polvere o liquida acquistabile al supermercato o in farmacia; dopo 12 ore senza vomito il bambino può assumere latte artificiale

Come somministrare i liquidi:

  • Se il bambino è disidratato a causa di vomito, dargli piccoli sorsi di liquidi ogni 10 minuti, poi quantità maggiori più spesso fino a quando riesce a trattenerle

  • Se il bambino è disidratato a causa di diarrea, dargli più liquidi meno spesso; se non ha vomito può anche assumere latte artificiale o gli alimenti che assume normalmente

Se il bambino è gravemente disidratato o troppo malato per bere a sufficienza, il medico:

  • Somministra liquidi per via endovenosa (EV)

  • Somministra liquidi attraverso un sottile tubicino di plastica inserito nel naso e nella gola del bambino fino allo stomaco

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE