Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso
I fatti in Breve

Disturbo post-traumatico da stress (DPTS)

Di

The Manual's Editorial Staff

Ultima revisione/verifica completa apr 2019| Ultima modifica dei contenuti apr 2019
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottenere tutti i dettagli

Cos’è il disturbo post-traumatico da stress (DPTS)?

Il disturbo post-traumatico da stress (DPTS) insorge quando i ricordi di un evento estremamente traumatico tornano continuamente in mente. Ciò può durare più di un mese e proseguire per lungo tempo. Questi ricordi possono essere molto spaventosi, realistici e traumatici.

  • Il DPTS inizia entro 6 mesi da un evento estremamente traumatico

  • Gli eventi che mettono a repentaglio la vita possono causare un turbamento intenso e duraturo, preoccupazioni e nervosismo

  • È possibile rivivere l’evento, avere incubi ed evitare qualsiasi cosa ricordi l’evento

  • Il trattamento può includere la terapia espositiva e farmaci antidepressivi

Qual è la causa del DPTS?

Il DPTS può insorgere quando si vive (o una persona cara vive) un evento estremamente traumatico. Ci si può sentire perseguitati da un’intensa paura, impotenza, o dall’orrore avvertito personalmente o da una persona cara durante l’evento.

Gli eventi che causano DPTS comprendono:

  • Essere stati in guerra o combattimento

  • Essere vittime o testimoni di stupro o violenza

  • Disastri naturali (come un uragano)

  • Gravi incidenti stradali

Circa 9 persone su 10 soffrono di DPTS nel corso della vita. Anche i bambini possono manifestare DPTS.

Quali sono i sintomi del DPTS?

Il DPTS ha svariati tipi di sintomi:

  • Sintomi intrusivi

  • Evitare qualcosa che ricorda l’evento

  • Pensieri o umore negativi

  • Alterazioni dell’attenzione

I sintomi intrusivi includono:

  • Ricordi ripetuti e indesiderati dell’evento che continuano a ripresentarsi

  • Incubi dell’evento

  • Flashback (rivivere il ricordo dell’evento come se stesse accadendo in quel momento)

  • Un intenso stress emotivo o fisico quando qualcosa ricorda l’evento (ad esempio, salire su una barca dopo un incidente in cui si è sfiorato l’annegamento)

I sintomi dei pensieri negativi includono:

  • Non essere in grado di ricordare parti importanti dell’evento (amnesia dissociativa)

  • Sentirsi emotivamente intorpiditi o distaccati dagli altri

  • Depressione: sentirsi quasi sempre stanchi e tristi, oppure avere difficoltà nel dormire o nel prestare attenzione

  • Minore interesse verso attività che prima piacevano

  • Sensi di colpa riguardo all’evento

  • Provare solo emozioni negative (come paura, rabbia, o vergogna)

I sintomi di alterazioni dello stato di allerta e dei riflessi includono:

  • Difficoltà nell’addormentarsi o nel prestare attenzione

  • Spaventarsi facilmente o stare costantemente attenti a eventuali pericoli

  • Non farsi problemi nel mettersi in una situazione pericolosa

  • Esplosioni di rabbia

Come viene diagnosticato il DPTS?

I medici cercano una connessione tra i sintomi ed eventi estremamente traumatici vissuti dal paziente o dai suoi cari. Chiedono in che modo il disturbo impedisca di svolgere le attività della vita quotidiana.

Come viene trattato il DPTS?

Il trattamento include:

  • Terapia espositiva, quando il terapeuta fa in modo che il paziente immagini di essere in situazioni che ricordano l’evento estremamente traumatico: ad esempio, il terapeuta può far sì che immagini di essere nel luogo in cui è stato attaccato e parlare al paziente nel corso dell’evento immaginato in modo da farlo sentire calmo e al sicuro (nel corso del tempo, questo aiuta molte persone a stare meglio)

  • Farmaci antidepressivi, specialmente gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI)

  • Farmaci che aiutano a non avere incubi

Il DPTS a lungo termine potrebbe non scomparire ma spesso migliora col tempo anche senza trattamento. Tuttavia, per alcune persone il DPTS incide pesantemente sulla vita quotidiana e continuano a necessitare del trattamento.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE