Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Caricamento in corso

Disturbo delirante

Di

Carol Tamminga

, MD, UT Southwestern Medical Dallas

Ultima revisione/verifica completa dic 2018| Ultima modifica dei contenuti dic 2018
per accedere alla Versione per i professionisti
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti

Il disturbo delirante è caratterizzato da una o più false convinzioni mantenute con fermezza, che persistono per almeno 1 mese.

  • Si può trattare di normali cose che potrebbero accadere (ad esempio essere tradito dal coniuge) oppure da cose improbabili (come trovarsi senza organi interni ma non avere alcuna cicatrice).

  • Tale disturbo può insorgere nei soggetti con un disturbo paranoico della personalità.

  • I medici pongono la diagnosi principalmente a partire dai trascorsi del paziente, dopo aver escluso altre possibili cause.

  • I soggetti di solito continuano le loro attività e il lavoro.

  • Un buon rapporto tra medico e paziente è di fondamentale importanza per la terapia.

Il disturbo delirante in genere colpisce soggetti in età media o avanzata. È meno comune della schizofrenia. Il disturbo delirante si distingue dalla schizofrenia per la presenza di deliri senza alcun altro sintomo psicotico (per esempio, allucinazioni, eloquio disorganizzato o comportamento disorganizzato).

I deliri possono riguardare situazioni che potrebbero verosimilmente verificarsi nella realtà, come la convinzione di essere seguiti, avvelenati, infettati, amati a distanza da qualcuno o ingannati dal coniuge o dall’amante. Oppure possono riguardare situazioni altamente improbabili, come trovarsi senza organi interni ma non avere alcuna cicatrice. La differenza tra un delirio e una convinzione falsa o errata è che nel primo caso il soggetto continua a crederci indipendentemente dalla quantità di prove contrarie.

Tipi di disturbo delirante

Esistono diversi sottotipi di disturbo delirante:

  • Erotomanico: i soggetti credono che un’altra persona sia innamorata di loro. Spesso provano a contattare l’oggetto del delirio mediante telefonate, lettere o messaggi digitali. Alcuni tentano la sorveglianza e il pedinamento è comune. Il comportamento correlato al delirio può essere illegale.

  • Di grandezza: i soggetti sono convinti di possedere un qualche talento importante o di aver fatto una grande scoperta.

  • Di gelosia: i soggetti sono convinti che il coniuge o l’amante siano infedeli. Questa opinione si basa su errate deduzioni supportate da dubbie prove. In tali circostanze l’aggressione fisica può rappresentare un pericolo significativo.

  • Di persecuzione: i soggetti ritengono di essere vittima di una cospirazione, spiati, ingannati o molestati. Possono intentare cause o fare denunce alla polizia o ad altri enti governativi ripetutamente. Di rado, possono ricorrere alla violenza in risposta alla persecuzione immaginaria.

  • Somatico: nel delirio somatico i soggetti sono preoccupati per una funzione o una caratteristica corporea, come una deformità fisica immaginaria o un odore. Il delirio può inoltre configurarsi con i caratteri di una patologia immaginaria, come un’infestazione parassitaria.

Sintomi

Un disturbo delirante può svilupparsi da un preesistente disturbo della personalità paranoide. L’esordio avviene nella prima età adulta e i soggetti con personalità paranoide dimostrano sentimenti di sfiducia e sospetto verso gli altri e le loro intenzioni.

I sintomi precoci del disturbo delirante possono includere

  • la sensazione di essere sfruttati

  • la preoccupazione rispetto alla lealtà o l’affidabilità degli amici

  • trovare significati minacciosi in commenti o fatti positivi

  • portare rancore per molto tempo

  • reagire con prontezza alle offese percepite

Il comportamento non è palesemente bizzarro o strano. Il soggetto con disturbo delirante tende ad avere una vita relativamente normale, tranne quando i suoi deliri causano problemi. Per esempio potrebbe avere problemi matrimoniali se si convince, a torto, che il/la consorte è infedele.

Diagnosi

  • Valutazione medica

Dopo aver escluso altre condizioni specifiche che possono causare deliri (ad esempio un disturbo da uso di sostanze), il medico basa la diagnosi soprattutto sull’anamnesi e sulla sintomatologia del soggetto. Il medico deve anche valutare il grado di pericolosità del soggetto, in particolare i probabili comportamenti durante i deliri.

Prognosi

Il disturbo delirante, in genere, non comporta gravi compromissioni della funzionalità. Tuttavia, il soggetto può sentirsi progressivamente più coinvolto nel delirio.

La maggior parte dei soggetti sono in grado di continuare a lavorare, a condizione che il loro lavoro non coinvolga persone o eventi correlati ai deliri.

Trattamento

  • Instaurazione di un buon rapporto medico-paziente

  • Talvolta farmaci antipsicotici

Il trattamento può essere difficile perché alcuni soggetti credono fermamente nel loro delirio e si rifiutano di chiedere aiuto. Un buon rapporto medico-paziente aiuta. Una volta instaurato il rapporto, il medico può incoraggiare il paziente resistente al trattamento a partecipare alla terapia.

Il ricovero potrebbe risultare necessario se il medico ritiene che il soggetto sia pericoloso.

Solitamente non si fa uso di farmaci antipsicotici, ma talvolta sono efficaci nel ridurre i sintomi.

La terapia a lungo termine ha lo scopo di deviare l’attenzione del soggetto dal delirio verso un’area più costruttiva e gratificante, anche se tale obiettivo è spesso difficile da raggiungere.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE