Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Danno al sistema nervoso dovuto a radioterapia

Di

Steven A. Goldman

, MD, PhD, Sana Biotechnology

Ultima revisione/verifica completa mar 2021| Ultima modifica dei contenuti mar 2021
per accedere alla Versione per i professionisti

La radioterapia è un componente del trattamento dei tumori del sistema nervoso. Viene diretta verso un’area generale (come tutta la testa) quando le persone hanno diversi tumori o un tumore che non ha bordi distinti. Quando il tumore ha bordi distinti, la terapia può essere rivolta specificatamente al tumore.

La manifestazione della lesione e la sua gravità dipendono da diversi fattori:

  • La quantità di radiazione emessa nell’intera durata del trattamento (dose cumulativa totale)

  • La quantità di radiazione somministrata a ogni dose

  • La durata di somministrazione del trattamento

  • La porzione del sistema nervoso esposta alla radiazione

  • La sensibilità della persona

L’erogazione di radioterapia per un periodo compreso tra vari giorni e varie settimane ne aumenta l’efficacia e riduce i danni a carico del tessuto normale.

I sintomi da danni da radiazioni possono essere

  • Acuti: Insorgono nei primi giorni

  • Ritardati precoci: Insorgono nei primi mesi di trattamento

  • Ritardati tardivi: Insorgono diversi mesi o anni dopo il trattamento

I sintomi possono rimanere invariati o aggravarsi e possono essere temporanei o permanenti.

L’encefalopatia acuta può essere causata dalle radiazioni al cervello. Il liquido si accumula temporaneamente all’interno delle cellule cerebrali, causando il rigonfiamento dell’intero cervello (edema cerebrale). I sintomi includono cefalea, nausea, vomito, sonnolenza e stato confusionale. L’encefalopatia acuta inizia solitamente poco tempo dopo la prima o la seconda dose di radiazioni. Solitamente i sintomi diminuiscono con la prosecuzione della radioterapia. I corticosteroidi come desametasone possono aiutare a prevenire o ridurre l’edema cerebrale.

Il danno da radiazione ritardato precoce può causare sintomi simili a quelli dell’encefalopatia acuta. I sintomi dei danni da radiazione ritardati precoci possono manifestarsi nei bambini quando si ricorre alla radioterapia panencefalica per trattare la leucemia. In genere, tali sintomi diminuiscono autonomamente dopo diversi giorni o settimane, a volte più rapidamente se vengono usati i corticosteroidi.

Sapevate che...

  • La radioterapia, utilizzata per trattare i tumori cerebrali e del midollo spinale, può danneggiare il cervello e il midollo spinale.

Se la radiazione è diretta alla colonna vertebrale in corrispondenza del collo o della parte superiore della schiena, può svilupparsi una mielopatia da radiazione ritardata precoce. Questo disturbo a volte causa una sensazione simile a una scossa elettrica, che inizia nel collo o nel dorso, generalmente quando il collo è flesso in avanti, e scende fino alle gambe. La mielopatia da radiazione ritardata precoce di solito si risolve senza trattamento.

Il danno da radiazione ritardato tardivo causa sintomi molti mesi o anni dopo la radioterapia. Questo genere di danno può comparire in molti bambini e adulti sottoposti a radioterapia panencefalica. La causa più comune nei bambini è la radioterapia per trattare un tipo di tumore cerebrale detto medulloblastoma Medulloblastomi I tumori cerebrali (vedere anche la tabella Alcuni tumori che originano all’interno o in prossimità del cervello) hanno caratteristiche variabili, come la posizione, i soggetti che colpiscono... maggiori informazioni . Per la maggior parte degli altri tumori, la radioterapia viene evitata nei bambini poiché alcuni organi e tessuti, compreso il cervello, sono più sensibili alle radiazioni rispetto agli adulti. Pertanto, i danni dovuti a radioterapia sono più probabili. I sintomi da danni da radioterapia ritardati tardivi possono essere un progressivo peggioramento della demenza, amnesia, difficoltà cognitive, cambiamenti della personalità e deambulazione instabile.

La radioterapia diretta a tumori vicino alla colonna vertebrale può danneggiare il midollo spinale stesso. Quando questo accade, può comparire una mielopatia ritardata tardiva. Questa patologia causa debolezza, perdita di sensibilità e talvolta sindrome di Brown-Séquard. Nella sindrome di Brown-Séquard, è danneggiato un solo lato del midollo spinale, determinando debolezza in un solo lato del corpo e perdita di sensibilità al dolore e alla temperatura nel lato opposto. Sul lato debole del corpo, può andare perduto il senso di posizione. Ciò significa che le persone possono non essere in grado di percepire la posizione di mani e piedi senza guardarli. La mielopatia da radioterapia ritardata tardiva può essere permanente e spesso porta a paralisi.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
PARTE SUPERIORE