honeypot link

Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

Eccesso di zinco

Di

Larry E. Johnson

, MD, PhD, University of Arkansas for Medical Sciences

Ultima revisione/verifica completa giu 2020| Ultima modifica dei contenuti giu 2020
per accedere alla Versione per i professionisti

L’eccesso di zinco si verifica quando l’organismo contiene una quantità eccessiva del minerale zinco.

Lo zinco è ampiamente distribuito nell’organismo: ossa, denti, capelli, pelle, fegato, muscoli, globuli bianchi e testicoli. È un componente di oltre 100 enzimi, compresi quelli coinvolti nella formazione dell’RNA (acido ribonucleico) e del DNA (acido desossiribonucleico). (Vedere anche Panoramica sui minerali).

I livelli di zinco nell’organismo dipendono dalla quantità di zinco assunta con la dieta. Lo zinco è necessario per la salute della pelle, la cicatrizzazione delle ferite e la crescita.

Raramente si consuma una quantità eccessiva di zinco. In genere, l’eccesso di zinco dipende dal consumo di alimenti o bevande acide, confezionate in contenitori rivestiti di zinco (galvanizzati). In certe industrie, l’inalazione di fumi di ossido di zinco può causare un eccessivo assorbimento del minerale.

Possono comparire nausea, vomito e diarrea. L’inalazione di fumi di ossido di zinco può causare respirazione accelerata, sudorazione, febbre e sapore metallico in bocca, un disturbo definito febbre da inalazione di fumi metallici. Il consumo eccessivo di zinco per periodi prolungati può portare a una riduzione dell’assorbimento del rame, causare anemia e compromettere il sistema immunitario.

Diagnosi

  • Visita medica

Il medico sospetta un eccesso di zinco sulla base delle circostanze e dei sintomi riferiti dal paziente.

Trattamento

  • Modifiche alla dieta

Il trattamento comprende la riduzione del consumo di zinco.

I soggetti con febbre da inalazione di fumi metallici di solito guariscono dopo una permanenza di 12-24 ore in un ambiente privo di zinco.

NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE