Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Febbre da morso di ratto

Di

Larry M. Bush

, MD, FACP, Charles E. Schmidt College of Medicine, Florida Atlantic University;


Maria T. Vazquez-Pertejo

, MD, FACP, Wellington Regional Medical Center

Ultima modifica dei contenuti mar 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

La febbre da morso di ratto è causata sia da Streptobacillus moniliformis sia da Spirillum minus. I sintomi della forma streptobacillare comprendono febbre, eruzione cutanea e artralgie. La forma spirillare causa febbre ricorrente, rash cutaneo e linfoadenite regionale. La diagnosi è clinica ed è confermata dagli esami colturali (della forma streptobacillare) e, talvolta, da un rialzo dei titoli Ac. La terapia si basa su penicillina o doxiciclina.

La febbre da morso di ratto viene trasmessa all'uomo in una percentuale fino al 10% dei casi di morso. Tuttavia, l'anamnesi per morso di ratto può essere negativa. La febbre da morso di ratto è più comunemente causata da morsi di ratto, ma può essere causata dal morso di un qualsiasi roditore o di un carnivoro che si nutre di roditori. Sia le forme streptobacillari che quelle spirillari colpiscono principalmente gli abitanti delle città che vivono in condizioni di sovraffollamento e il personale dei laboratori di analisi.

Il microrganismo responsabile tipico varia in base alla regione geografica:

  • Stati Uniti ed Europa: solitamente Streptobacillus moniliformis

  • Asia: solitamente lo spirochete Spirillum minus

Febbre streptobacillare da morso di ratto

La febbre streptobacillare da morso di ratto è causata da S. moniliformis, un bacillo Gram-negativo pleomorfo, presente nell'orofaringe dei ratti sani. Le epidemie sono state associate con l'ingestione di latte non pastorizzato contaminato da S. moniliformis (febbre di Haverhill), ma l'infezione è solitamente conseguenza di un morso di un ratto o topo selvatico. Sono stati chiamati in causa anche altri roditori e le donnole.

La lesione primaria guarisce prontamente, ma dopo un periodo di incubazione di 1-22 giorni (di solito < 10) si manifesta improvvisamente una sindrome simil-virale, con brividi, febbre, vomito, cefalea e dolore alla schiena e alle articolazioni. La maggior parte dei pazienti sviluppa un rash petecchiale, morbilliforme o vescicolare a carico di mani e piedi circa 3 giorni più tardi. La poliartralgia migrante o l'artrite settica, che spesso interessano in modo asimmetrico le grosse articolazioni, si manifestano in molti pazienti entro 1 settimana e possono persistere per diversi giorni o mesi in assenza di terapia. La febbre può ricomparire, manifestandosi irregolarmente in un periodo di settimane o mesi.

L'endocardite batterica, l'artrite settica e gli ascessi cerebrali o di altri tessuti sono complicanze rare ma gravi. Alcuni pazienti hanno un versamento pericardico infetto e un'infezione del liquido amniotico.

La febbre di Haverhill (eritema epidermico artritico) assomiglia alla febbre da morso di ratto acquisita per via percutanea, ma con un quadro di faringite e vomito più marcati.

Febbre spirillare da morso di ratto (sodoku)

L'infezione da S. minus si acquisisce attraverso il morso di ratto o, talvolta, attraverso il morso di topo. L'ingestione del microrganismo non causa malattie. Se inizialmente la ferita da morso inizia a guarire, l'infiammazione recidiva in sede dopo 4-28 giorni (solitamente > 10), accompagnata da febbre ricorrente e da linfoadenite regionale. Talvolta si sviluppa un'eruzione orticaria di colore marrone-rosso, ma meno evidente del rash streptobacillare. La febbre si accompagna spesso a sintomi sistemici, ma l'artrite è rara. Nei pazienti non trattati, si ripresentano cicli febbrili di 2-4 giorni per 4-8 settimane, ma raramente gli episodi febbrili ricorrono per > 1 anno.

Diagnosi

  • Valutazione clinica

  • Esame colturale (della forma streptobacillare) e, talvolta, rialzo dei titoli anticorpali

La diagnosi di febbre da morso di ratto è clinica. Le due forme di solito possono essere differenziate clinicamente:

  • Sito del morso: il sito del morso nella febbre streptobacillare da morso di ratto, se presente, in genere guarisce rapidamente, con una minima infiammazione residua e senza significativa linfoadenopatia regionale, mentre il sito del morso nella febbre spirillare da morso di ratto persiste, diventa indurito e può ulcerare, con associata linfoadenopatia regionale.

  • Articolazioni: nella febbre streptobacillare da morso di ratto è frequente la poliartralgia migrante e, in alcuni pazienti, si verifica l'artrite settica delle grandi articolazioni, mentre nella febbre spirillare da morso di ratto le manifestazioni articolari sono rare.

  • Pelle: l'eruzione nella febbre streptobacillare da morso di ratto è maculopapulare, petecchiale o purpurica, e le vescicole emorragiche che possono svilupparsi sulle estremità periferiche, specialmente le mani e i piedi, sono molto dolenti alla palpazione. L'eruzione cutanea nella febbre spirillare da morso di ratto è rappresentata da macule rosso-brunastre con orticaria occasionale.

Conferma della diagnosi di febbre streptobacillare da morso di ratto

La diagnosi di febbre streptobacillare da morso di ratto viene confermata dall'isolamento del microrganismo dal sangue o dal liquido articolare. Durante la 2a o la 3a settimana si ritrovano agglutinine misurabili che sono importanti dal punto di vista diagnostico se il loro titolo aumenta. L'amplificazione genomica (PCR [Polymerase Chain Reaction]) e il test di immunoassorbimento enzimatico (enzyme-linked immunosorbent assay, ELISA, enzyme-linked immunosorbent assay) possono essere di grande aiuto. La conta dei globuli bianchi varia tra 6000 e 30000/microL (tra 6 e 30 × 109/L). I test sierologici sulla sifilide nontreponemale (Venereal Disease Research Laboratory [VDRL] o tests rapid plasma reagin [RPR]) possono essere falsamente positivi.

Conferma della diagnosi di febbre spirillare da morso di ratto

La diagnosi di febbre spirillare da morso di ratto è confermata da

  • Osservazione diretta di Spirillum dagli strisci di sangue o da biopsie tissutali delle lesioni o da linfonodi

  • Colorazione di Giemsa o esame in campo oscuro del sangue da topi inoculati

La visualizzazione diretta è necessaria perché S. minus non può essere coltivato su supporti sintetici. La conta dei globuli bianchi varia tra 5000 e 30000/microL (tra 5 e 30 × 109/L).

I risultati del Venereal Disease Research Laboratory (VDRL) sono falsamente positivi in metà dei pazienti. La malattia può essere facilmente confusa con la malaria o con la febbre ricorrente da Borrelia recurrentis; entrambe sono caratterizzate da febbre con andamento ricorrente.

Prognosi

Non trattata, la febbre da morso di ratto ha un tasso di mortalità del caso di circa il 10%.

Trattamento

  • Penicillina o doxiciclina

Il trattamento della febbre streptobacillare da morso di ratto e della febbre spirillare da morso di ratto consiste in una delle seguenti terapie per 7-10 giorni:

  • Amoxicillina 1 g per via orale ogni 8 h

  • Penicillina procaina G 600 000 unità IM ogni 12 h

  • Penicillina V 500 mg per via orale 4 volte/die

Nei pazienti allergici alla penicillina può essere utilizzata eritromicina 500 mg per via orale 4 volte/die. La doxiciclina 100 mg per via orale ogni 12 h per 14 giorni costituisce un'alternativa.

I pazienti con endocardite da S. moniliformis necessitano di una penicillina G ad alte dosi, oltre a streptomicina o gentamicina.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE