Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Disturbi fobici specifici

Di

John W. Barnhill

, MD,

  • Professor of Clinical Psychiatry and Vice Chair for Psychosomatic Medicine
  • Weill Cornell Medical College and New York Presbyterian Hospital

Ultima modifica dei contenuti apr 2020
Clicca qui per l’educazione dei pazienti
Risorse sull’argomento

I disturbi fobici specifici consistono in persistenti, irragionevoli, intense paure (fobie) relative a situazioni, circostanze o oggetti specifici. La paura provoca l'ansia e l'annullamento. Le cause delle fobie sono sconosciute. I disturbi fobici sono diagnosticati sulla base dell'anamnesi. Il trattamento avviene principalmente con la terapia dell'esposizione.

Una fobia specifica è la paura e l'ansia per una particolare situazione o oggetto (vedi tabella Alcune fobie comuni) in misura sproporzionata rispetto al rischio o al pericolo reali. La situazione o l'oggetto di solito sono evitati quando possibile, ma se l'esposizione si verifica, si sviluppa immediatamente ansia. L'ansia può intensificarsi fino a raggiungere il livello di un attacco di panico. I soggetti con fobie specifiche tipicamente riconoscono che il loro timore è irragionevole ed eccessivo.

Le fobie specifiche sono i disturbi d'ansia più comuni. Alcune delle più frequenti sono la paura degli animali (zoofobia), delle altezze (acrofobia) e dei temporali (astrafobia o brontofobia). Le fobie sociali colpiscono circa il 13% delle donne e il 4% degli uomini in un periodo di 12 mesi. Alcune causano disturbi lievi, come quando gli abitanti delle città hanno paura dei serpenti (ofidiofobia), a meno che non vengano invitati a un'escursione in un'area dove vivono i serpenti. Tuttavia, altre fobie interferiscono gravemente con il lavoro, come quando le persone che devono lavorare su un piano superiore di un grattacielo hanno paura di ambienti chiusi, luoghi confinati (claustrofobia), quali gli ascensori. La paura del sangue (emofobia), delle iniezioni, degli aghi o di altri oggetti appuntiti (tripanofobia o belonefobia), o delle ferite (traumatofobia) si manifesta in grado variabile in almeno il 5% della popolazione. I soggetti con la fobia del sangue, degli aghi o delle ferite, a differenza di quelli con altre fobie o disturbi d'ansia, possono svenire davvero, poiché un riflesso vasovagale eccessivo produce bradicardia e ipotensione ortostatica.

Sintomatologia

I sintomi dipendono dal tipo di disturbo fobico.

Tabella
icon

Alcune fobie comuni*

Fobia

Definizione

Acrofobia

Paura delle altezze

Amatofobia

Paura della polvere

Astrafobia

Paura dei tuoni e dei fulmini

Aviofobia

Paura di volare

Belonefobia

Paura di aghi, spilli o di altri oggetti appuntiti

Brontofobia

Paura del tuono

Claustrofobia

Paura degli spazi chiusi

Eurotofobia

Paura dei genitali femminili

Gefirofobia

Paura di attraversare i ponti

Idrofobia

Paura dell'acqua

Odontofobia

Paura del dentista

Fartofobia

Paura di emissione di gas in un luogo pubblico

Fasmofobia

Paura dei fantasmi

Fobofobia

Paura di avere paura o dello sviluppo di una fobia

Triscaidecafobia

Paura di tutte le cose associate al numero 13

Tripanofobia

Paura delle iniezioni

Zoofobia

Paura degli animali (solitamente ragni, serpenti, o topi)

*Ci sono più di 500 fobie riconosciute e inserite in una lista Phobia List web site. La maggior parte è estremamente rara.

Diagnosi

La diagnosi è basata clinicamente sui criteri del Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders, Fifth Edition (DSM-5).

I pazienti hanno

  • Paura marcata e persistente (≥ 6 mesi) o ansia riguardo una situazione o un oggetto specifico

Inoltre, i pazienti hanno tutti i seguenti aspetti:

  • La situazione o l'oggetto quasi sempre innescano la paura immediata o l'ansia.

  • I pazienti evitano attivamente la situazione o l'oggetto.

  • La paura o l'ansia sono sproporzionate rispetto al pericolo reale (tenendo conto delle norme socio-culturali).

  • La paura, l'ansia, e/o l'elusione causano disagio significativo o compromettono significativamente il funzionamento sociale o lavorativo.

Inoltre, la paura e l'ansia non possono essere caratterizzate più correttamente come un disturbo mentale diverso (p. es., agorafobia, ansia sociale, disturbo da stress).

Trattamento

  • Terapia dell'esposizione

  • A volte uso limitato di una benzodiazepina o di un beta-bloccante

La prognosi per le fobie specifiche non trattate varia perché certe situazioni o oggetti (p. es., serpenti, grotte) non comuni sono facili da evitare, mentre altre situazioni o oggetti (p. es., ponti, temporali) sono comuni e difficili da evitare.

Terapia dell'esposizione

Poiché molti disturbi fobici implicano l'evitamento, la psicoterapia di scelta tende ad includere la terapia dell'esposizione. Con la guida e il supporto di un medico che prescrive la terapia dell'esposizione, i pazienti ricercano ciò che temono ed evitano, si confrontano e restano in contatto con esso, finché i loro livelli di ansia non si riducono gradualmente, mediante un processo definito "adattamento progressivo". Poiché la maggior parte dei pazienti riconosce che le proprie paure sono eccessive, imbarazzanti e invalidanti, di solito sono disposti a partecipare a questa terapia, ossia a evitare di fuggire.

In genere, i medici iniziano con un'esposizione moderata (p. es., ai pazienti viene chiesto di avvicinarsi all'oggetto temuto, ma a una distanza di sicurezza). Se i pazienti descrivono un aumento della propria frequenza cardiaca o una difficoltà respiratoria in alcune situazioni o luoghi, possono imparare a rispondere con respiri lenti e controllati o a mettere in atto altri metodi che favoriscono il rilassamento. Oppure, può essere chiesto loro di rilevare quando il battito cardiaco accelera e si comincia ad avere difficoltà a respirare e quando tutto ritorna alla normalità. Quando i pazienti si sentono a proprio agio a un livello di esposizione, esso è incrementato (p. es., toccare l'oggetto temuto). I medici continuano ad aumentare il livello di esposizione fino a che i pazienti possono tollerare la normale interazione con la situazione o l'oggetto (p. es., un giro in un ascensore, attraversare un ponte). L'esposizione può aumentare tanto più rapidamente quanto i pazienti possono tollerarla; a volte sono necessarie solo poche sedute.

La terapia dell'esposizione aiuta > 90% dei pazienti che la seguono fedelmente ed è quasi sempre l'unico trattamento necessario per le fobie specifiche.

Farmaci

Una terapia di breve durata con una benzodiazepina (p. es., lorazepam da 0,5 a 1,0 mg per via orale) oppure con un beta-bloccante (generalmente si preferisce utilizzare il propranololo, da 10 a 40 mg per via orale), idealmente circa 1-2 h prima dell'esposizione, è occasionalmente utile quando l'esposizione a un oggetto o a una situazione non può essere evitata (p. es., quando una persona con la fobia di volare deve volare con breve preavviso) oppure quando la terapia dell'esposizione viene rifiutata o non risulta efficace.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE