Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

Caricamento in corso

Oftalmia simpatetica

Di

Kara C. LaMattina

, MD,

  • Assistant Professor of Ophthalmology
  • Boston University School of Medicine

Ultima modifica dei contenuti feb 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

L'oftalmia simpatetica è l'infiammazione del tratto uveale dopo traumi o interventi chirurgici all'occhio controlaterale.

L'oftalmia simpatetica è una rara uveite granulomatosa che compare dopo un trauma penetrante o un intervento chirurgico all'occhio controlaterale. Si stima che l'oftalmia simpatetica compaia in una percentuale che arriva fino allo 0,5% delle ferite penetranti oculari non chirurgiche e circa allo 0,03% di quelle chirurgiche. Si ritiene che il meccanismo alla sua base sia una reazione autoimmune diretta contro le cellule dell'uvea che contengono melanina. Questo è lo stesso meccanismo che si sospetta nella sindrome di Vogt-Koyanagi-Harada. L'uveite compare entro 2-12 settimane dal trauma o dall'intervento nell'80% circa dei casi. Casi isolati di oftalmia simpatetica sono stati riportati già dopo 1 settimana o addirittura dopo 30 anni dal trauma iniziale o dall'intervento.

I sintomi dell'uveite granulomatosa possono coinvolgere uno o tutti i segmenti dell'occhio. I sintomi tipicamente comprendono corpi mobili e riduzione visiva. Distacchi sierosi e coroidite sono frequenti.

La diagnosi è clinica.

(Vedi anche Panoramica sull'uveite.)

Trattamento

  • Corticosteroidi e immunosoppressori orali

  • Con lesioni gravi, possibilmente bisogna eseguire enucleazione profilattica precoce

Il trattamento richiede solitamente corticosteroidi per via orale (p. es., prednisone, 1 mg/kg per via orale 1 volta/die) seguiti dall'uso a lungo termine di farmaci immunosoppressori non-steroidei. L'enucleazione profilattica di un occhio gravemente danneggiato deve essere presa in considerazione entro 2 settimane dalla perdita visiva, per ridurre al minimo il rischio di sviluppo di oftalmia simpatetica nell'occhio controlaterale, ma soltanto qualora l'occhio danneggiato non possieda un potenziale visivo residuo.

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE