Manuale Msd

Please confirm that you are a health care professional

honeypot link

Proctite

Di

Parswa Ansari

, MD, Hofstra Northwell-Lenox Hill Hospital, New York

Ultima modifica dei contenuti dic 2019
Clicca qui per l’educazione dei pazienti

La proctite è un'infiammazione della mucosa rettale, provocata da infezioni, malattie infiammatorie intestinali o radioterapia. I sintomi sono rappresentati da malessere rettale e sanguinamento. La diagnosi si fa con la sigmoidoscopia, di solito con colture e biopsie. Il trattamento dipende dall'eziologia.

La proctite può essere una manifestazione di

La proctite associata a precedente uso di antibiotici può essere dovuta a Clostridium difficile.

I patogeni sessualmente trasmessi causano proctiti il più delle volte tra i maschi che hanno rapporti con altri maschi. I pazienti immunodepressi sono particolarmente a rischio di infezioni da herpes simplex e da cytomegalovirus.

Sintomatologia

Caratteristicamente i pazienti riferiscono tenesmo (una forte sensazione di bisogno di defecare quando le feci non sono presenti), sanguinamenti rettali o perdite di muco. Le proctiti dovute a gonorrea, herpes simplex o cytomegalovirus possono causare un intenso dolore anorettale.

Diagnosi

  • Rettoscopia o sigmoidoscopia

  • Test per le malattie a trasmissione sessuale e C. difficile

La diagnosi di proctite richiede una rettoscopia o una sigmoidoscopia che possono mostrare una mucosa rettale infiammata. La presenza di piccole ulcere e vescicole ben delimitate suggerisce un'infezione erpetica. Devono essere testati tamponi rettali per Neisseria gonorrhoeae e Chlamydia spp (dalla coltura o dalla reazione a catena della ligasi), patogeni enterici (dalla coltura), e agenti patogeni virali (mediante coltura o test immunologici).

Devono essere eseguiti test sierologici per sifilide e test su feci per le tossine del C. difficile. Talvolta è necessaria una biopsia della mucosa.

La colonscopia può essere di notevole aiuto in alcuni pazienti per escludere una malattia infiammatoria cronica intestinale.

Trattamento

  • Diversi trattamenti a seconda della causa

Le proctiti infettive possono essere trattate con gli antibiotici. I maschi che hanno rapporti con altri maschi con proctiti aspecifiche possono essere trattati empiricamente con ceftriaxone 250 mg IM 1 volta più doxiciclina 100 mg per via orale 2 volte/die per 7 giorni. Le proctiti associate ad antibiotici sono trattate con il metronidazolo (250 mg per via orale 4 volte/die) o con la vancomicina (125 mg per via orale 4 volte/die) per 7-10 giorni.

La proctite da radiazioni il cui sanguinamento viene solitamente trattato inizialmente con un farmaco topico; tuttavia, mancano prove di efficacia di studi ben fatti. I trattamenti topici consistono nell'applicazione di corticosteroidi sotto forma di schiuma (idrocortisone 90 mg) o di clisteri (idrocortisone 100 mg o metilprednisone 40 mg) 2 volte/die per 3 settimane o lavande di sucralfato (2 g in 20 mL di acqua 2 volte/die) possono anche essere efficaci. I pazienti che non rispondono a queste forme di terapia possono trarre beneficio dall'applicazione topica di formalina, o dalla terapia con ossigeno iperbarico.

Trattamenti endoscopici possono essere impiegati. La coagulazione con plasma argon sembra efficace nel ridurre i sintomi almeno a breve termine (≤ 6 settimane). Altri metodi di coagulazione comprendono il laser, l'elettrocoagulazione e le sonde termiche. (Vedi anche the American Society of Colon and Rectal Surgeons' clinical practice guidelines for the treatment of chronic radiation proctitis.)

Per ulteriori informazioni

Clicca qui per l’educazione dei pazienti
NOTA: Questa è la Versione per Professionisti. CLICCA QUI per accedere alla versione per i pazienti
Ottieni

Potrebbe anche Interessarti

SOCIAL MEDIA

PARTE SUPERIORE