Manuale Msd

Please confirm that you are not located inside the Russian Federation

honeypot link

Parto assistito

Di

Julie S. Moldenhauer

, MD, Children's Hospital of Philadelphia

Ultima revisione/verifica completa gen 2020| Ultima modifica dei contenuti gen 2020
per accedere alla Versione per i professionisti
Risorse sull’argomento

Il parto assistito consiste nell’utilizzo di una ventosa ostetrica o di un forcipe.

Il forcipe è uno strumento chirurgico metallico con bordi arrotondati che si adattano intorno alla testa del feto. Di rado provoca ematomi al bambino o lacerazioni fra l’orifizio vaginale e l’ano della donna (perineo).

Il parto mediante ventosa ostetrica o forcipe può essere necessario nelle seguenti situazioni:

  • Sofferenza fetale

  • La donna è troppo stanca per spingere efficacemente

  • Travaglio prolungato

  • Presenza di un disturbo nella donna (ad esempio che interessa il cervello o il cuore) che sconsiglia l’esercizio di spinte vigorose

Uso del forcipe o della ventosa ostetrica

Per facilitare il parto possono essere impiegati il forcipe o la ventosa ostetrica. Il forcipe viene posizionato intorno alla testa del bambino. La ventosa ostetrica aderisce alla testa del neonato mediante aspirazione. Entrambi i dispositivi estraggono delicatamente il bambino mentre la donna spinge.

Uso del forcipe o della ventosa ostetrica
NOTA: Questa è la Versione per i pazienti. CLICCA QUI per accedere alla Versione per i professionisti
per accedere alla Versione per i professionisti
Ottieni
Metti alla prova la tua conoscenza
Infezioni post-partum dell’utero
Le infezioni materne che si sviluppano dopo il parto di solito iniziano nell’utero. La probabilità di sviluppare un’infezione uterina aumenta con quale dei seguenti tipi di parto?

Potrebbe anche Interessarti

PARTE SUPERIORE